Econavi I nuovi giganti del mare spinti da sole e vento | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Econavi I nuovi giganti del mare spinti da sole e vento

di Posted on
Condivisioni

Massimo Minella 

 

R2 L’AMBIENTE Sempre più mercantili, transatlantici e yacht progettati per risparmiare il carburante e ridurre l’inquinamento Così spuntano imbarcazioni con pale eoliche, mega pannelli e persino aquiloni nel nome dell’energia pulita 

Nel report dei costruttori europei l’invito a potenziare un business in ascesa 

GENOVA Da una parte il rispetto dell’ambiente, dall’altra la ricerca del business. È un matrimonio d’amore e di interessi, quello delle navi alla ricerca di una "rotta verde" che consenta loro di bruciare meno carburante, ridurre le emissioni di CO2, salvaguardare l’habitat del mare. E allora ben vengano grandi aquilonia catturare il vento e a spingere enormi petroliere negli oceani, pannelli solari e pale eoliche montati su cargo e navi da crociera e megayacht, perfino ciminiere da cui sbuffa il vapore che arriva dalla geotermia.

Perché quella delle "navi ecologiche" non è una moda un po’ bizzarra e fantasiosa all’apparenza, ma è diventata la nuova frontiera del business che già oggi, se venissero realizzate quattro unità all’anno, varrebbe due miliardi di euro. Meglio attrezzarsi per tempo, affinché i cantieri di Cina e Corea, che già controllano oltre il settanta per cento del mercato mondiale delle costruzioni, non conquistino anche questa fetta di mercato che vale una fortuna.

A lanciare è l’allarme è infatti la massima organizzazione europea del settore, la "Cesa", l’associazione dei costruttori europei, che nel suo ultimo report dedica per la prima volta un intero capitolo alle navi ecologiche.

«La crisi del mercato è evidente – si spiega nel documento – È necessario intervenire al più presto, sfruttando al meglio le tecnologie avanzate e rispettando il più possibile gli allarmi sul surriscaldamento del clima e sull’inquinamento. La crisi ha cancellato il 50% della produzione europea e spazzato via il 20% degli addetti e bisogna invertire questa tendenza». Non a caso, l’Unione Europea ha appena messo a disposizione per la ricerca in questo settore duecento milioni di euro. Via quindi alla realizzazione delle navi ecologiche su cui potrebbe entrare in gioco anche la Fincantieri, a corto di navi tradizionali e già impegnata nella progettazione di una nuova "nave verde".

Non sfugge certo ai costruttori europei che, da tempo, proprio le navi mercantili sono sul banco degli imputati per le loro emissioni inquinanti (il doppio di quelle degli aerei): fra le 600 e le 800mila tonnellate di CO2 all’anno, il 5% del totale globale.

Ecco allora la svolta epocale, che altro non è che un ritorno al passato: il vento. Dai cantieri tedeschi di Amburgo ha già preso il mare la portacontainer "Ms Beluga Skysail", un "ibrido" a motore e aquilone, enorme, poco meno di duecento metri quadrati di superficie montato su un albero di prua alto 15 metri che si solleva fino a duecento metri di altezza per catturare il vento. Il tutto, manovrato da un computer di bordo.

Il risparmio di carburante, con questa prima applicazione, è già del 15%, ma altri modelli in fase di realizzazione, con aquiloni di superficie fino a seicento metri, potrebbero far risparmiare fino al 50. L’operazione ha già suscitato l’interesse della Marina Militare statunitense che presto potrebbe dotarsi di apparecchiature analoghe per alcune sue unità. Dal Giappone arriva invece il prototipo della petroliera che si sposta con un mix di motori, vele e pannelli solari. I raggi del sole e il vento vengono catturati e trasformati in energia da piccole centrali montate a bordo, con il risultato di risparmiare carburante ed emissioni.

Ma in fondo, prima ancora di costruire navi ecologiche da spingere in mare, si potrebbe cominciare con la realizzazione di nuovi impianti a terra. Sono le cosiddette "navi con la spina". Invece di tenere i motori accesi, le navi vengono spente e alimentate da cavi che immettono corrente elettrica attraverso una normalissima (anche se molto più grande del solito) spina. Le emissioni nocive in aria vengono così tagliate del 95%. Il primo porto che si doterà di questo impianto sarà quello di Genova, che ha già approvato il suo piano energetico. © RIPRODUZIONE RISERVATA PER SAPERNE DI PIÙ blog.yachtandsail.it www-e-cology.it

Le più avveniristiche

PETROLIERE La giapponese "Eco Marine Power" progetta petroliere "spinte" da vele e pannelli solari CARGO Già in attività la portacontainer Ms Beluga Skysail con un sistema integrato motori e aquilone CROCIERE I cantieri di Saint Nazaire lanciano il progetto Eoseas, la nave sormontata da sei enormi vele YACHT Anche per il settore dei megayacht sono allo studio progetti per catturare l’ener