Come risparmiare con gli animali - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Come risparmiare sulle spese per i cuccioli senza rinunciare alla qualità

Avere un animale in casa vuol dire investire del denaro per sfamarlo e per curarlo. Ecco qualche consiglio per risparmiare con intelligenza

COME RISPARMIARE CON GLI ANIMALI

Avere in casa un animale vuol dire assumersi le proprie responsabilità non solo dal punto di vista affettivo ma anche, e soprattutto, dal punto di vista economico. Quando si ha un cucciolo bisogna infatti prevedere tutta una serie di spese assolutamente irrinunciabili che riguardano il cibo e le cure sanitarie. Ovviamente, anche chi ha la fortuna di avere un amico a quattro zampe può cercare di risparmiare, tagliando alcune spese superflue o adottando degli accorgimenti che si rivelano efficaci anche per ciò che concerne l’impatto ambientale.

LEGGI ANCHE: Cibi da evitare per cani e gatti. Proteggete i vostri animali anche con la dieta giusta

COME RISPARMIARE CON I CUCCIOLI

Vediamo insieme come risparmiare sulle spese per i cuccioli.

  • La prima cosa da farsi quando si decide di adottare un cucciolo è stabilire di quale razza debba essere per capire se si sarà in grado di occuparsene al meglio. Molte persone infatti conducono uno stile di vita che mal si adatta alla presenza di un animale in casa, oppure hanno un’abitazione che non è consona ad accogliere un cucciolo, di qualunque razza esso sia. Il veterinario può sicuramente aiutarvi a fare la celta migliore illustrandovi caratteristiche ed esigenze particolari dell’animale che desiderate avere con voi, per esempio cosa ama mangiare, quali sono le malattie alle quali va incontro o i vaccini che dovete fargli somministrare. Se dovete adottare un animale, prendetene uno in regola con i documenti, altrimenti potreste incorrere in multe salate che inciderebbero enormemente sulla vostra economia familiare.
  • Quella per il cibo è una delle spese assolutamente irrinunciabili. Ovviamente, più l’animale è grande e più avrà bisogno di essere sfamato: dunque la taglia è una caratteristica di cui tenere conto quando ci si appresta all’acquisto di un cucciolo. Tenete d’occhio le offerte che spesso i negozi specializzati in animali vi offrono su un marchio piuttosto che un altro. Anche il supermercato che frequentate abitualmente potrebbe annunciare delle promozioni periodiche. Quando comperate del cibo per i vostri cuccioli, verificate che sulla confezione vi sia scritto “prodotto completo”, cioè provvisto di integratori che non dovrete così comperare a parte. Se dovete acquistare i croccantini, prendete la confezione grande, di scorta; non comprate invece molto cibo umido, perché questo, col passare del tempo, perde il suo sapore originario e potrebbe diventare sgradito all’animale. Scegliete prodotti di qualità che sono più salutari. Nei negozi appositi, presso il bancone, trovate le crocchette più economiche oltre che di ottima qualità Queste infatti hanno un costo al chilo assai inferiore rispetto ai prodotti disposti sugli scaffali. Anche on line potreste trovare delle occasioni da non perdere per quanto riguarda il cibo del cucciolo. In ogni caso, cercate di scegliere del cibo secco e naturale e se lo custodite in barattoli di vetro a chiusura ermetica lo conserverete più a lungo. Anche se questo tipo di alimenti costa un poco di più, la salute del vostro animale se ne avvantaggerà.

  • Il cucciolo non può rinunciare alle visite mediche, dunque la spesa del veterinario è di quelle da mettere in conto sempre e comunque. Di solito, se il piccolo non ha particolari patologie, i controlli sono semestrali e, dal 2017, potete scaricare le spese effettuate, nella dichiarazione dei redditi ma entro un limite di 387, 34 euro e solo per la parte di spese che eccede i 129,11 euro: conservate quindi le fatture e gli scontrini farmaceutici. Assicuratevi che il veterinario che avete scelto sia non solo valido dal punto di vista professionale ma vi garantisca un buon rapporto qualità/prezzo. Curare male un animale vuol dire acuire i suoi problemi e rendere assai difficile poterli risolvere in seguito, magari rivolgendosi ad un altro professionista e spedendo ulteriori soldi. Le prestazioni non devono nemmeno essere eccessivamente convenienti perché potrebbero provenire o da chi sa fare bene il proprio mestiere o da chi addirittura non è affatto un veterinario. In ogni caso, se la malattia del vostro cucciolo non è di quelle serie, potete anche affidarvi ai metodi naturali. Ad esempio, nel caso di residui di catarro della rima palpebrale del cane, potete adoperare l’infuso di camomilla, imbevendone un dischetto di ovatta da passare poi delicatamente sull’occhio del cane per sciogliere l’incrostazione.
  • Si dice che prevenire è meglio che curare e questo vale anche per gli animali. Abbiate cura di prevenire le malattie per evitare di incorre in spese mediche che avreste potuto evitare. Difendete il vostro cucciolo dai parassiti dotandolo di collari, somministrando fiale, compresse antipulci, vaccini contro i virus più comuni; scongiurate le malattie più serie come i tumori, facendo visite annuali e procedendo alla sterilizzazione. Tenete d’occhio l’animale, non fatelo scorrazzare dovunque, specialmente se si tratta di posti affollati o frequentati da altri animali. Usate il guinzaglio oppure il trasportino che li tengono protetti e lontani dai pericoli. Se il vostro cucciolo si ammala, fatelo controllare subito, prima che i sintomi diventino più gravi, così risparmierete tempo, denaro e sofferenze all’animale. Se non volete spendere troppi soldi, potete anche rivolgervi ad un esperto on line, se il problema del cucciolo non è grave.
  • Un animale, si sa, ha bisogno della propria cuccia dove rintanarsi e stare comodo, Anziché comperare cose che possono rivelarsi superflue, potete pensare a costruirvi da soli una bella cuccia, magari usando vecchi cartoni, cuscini, materassini, coperte e tutto ciò che fa al caso vostro. Pe le ciotole, riciclate le vaschette dei cibi del supermercato, basta lavarle bene e metterci dentro il cibo oppure l’acqua. In questo modo non solo spenderete meno ma riciclerete la plastica senza ingrossare la filiera dei rifiuti.
  • Per il vostro cucciolo scegliete guinzagli e collari resistenti, che durino nel tempo, così eviterete di ripetere la spesa dopo poco tempo. Bando alle mode, dunque, e via libera alla qualità.
  • Quando dovete andare in vacanza e non vi è possibile portare con voi il vostro cucciolo, prima di rivolgervi ad una pensione per animali, chiedete e parenti e amici se possono aiutarvi. In caso contrario, cercate una pensione sapendo che il costo della stessa varia dai 15 ai 25 euro la giorno. Verificate che il luogo sia pulito, con box ampi e che in loco sia prevista la presenza di un veterinario in caso di problemi di salute dell’animale. Qualora non vogliate affidarvi ad una struttura, potete sempre cercare dei privati on line, verificando le condizioni che vi vengono offerte corrispondano al vero.

STORIE VERE DI CHI AMA DAVVERO GLI ANIMALI DOMESTICI:

Shares