Cibo per cani fatto in casa | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Cibo per cani fatto in casa

Sempre cotto e mai crudo. Niente sale e spezie. L’importanza di ortaggi e verdure. Ma nel menù ci può essere anche la pasta

Non esistono soltanto le crocchette. I cani possono mangiare anche il cibo fatto in casa, a condizione che siano esclusi prodotti a rischio e che venga garantita la completezza di tutte le componenti nutritive.

CIBO PER CANI FATTO IN CASA

Il cibo per cani preparato a casa, permette di risparmiare tanto denaro ed è sicuramente molto salutare, se non si fanno errori, dato che si conoscono bene tutti gli ingredienti utilizzati. L’alimentazione decisa in casa non contiene additivi i quali, a lungo andare, possono essere nocivi per la salute dell’animale. Il cibo per cani preparato in casa deve contenere proteine, amidi e verdure. Solo così il cane può essere nutrito in maniera sana e completa. Le proteine proteggono il sistema immunitario dell’animale, i muscoli e il sangue; le vitamine difendono la tiroide. La dieta canina deve essere sempre molto equilibrata. Gli ingredienti adoperati devono essere freschi. Il cane può cibarsi di carne di manzo, agnello, pollo, pesce; può mangiare fagioli e anche le uova, sebbene non frequentemente. Anche il tacchino è molto indicato, specialmente per la sua alta digeribilità. Il fegato è alimento da introdurre ma con una certa accortezza, dato che potrebbe contenere molte impurità e contaminare l’animale che lo ingurgita. Per ciò che concerne le verdure, queste sono praticamente tutte bene accette: carote, broccoli spinaci, piselli, cavolfiore, sedano, zucca, fagiolini. Nella dieta canina si possono introdurre i carboidrati sotto forma di patate, avena, riso, pasta. Il cibo per cani fatto in casa, va sempre cotto per scongiurare l’insorgere di malattie causate da agenti patogeni presenti negli alimenti crudi. La cottura ideale prevede una temperatura di 80°. Il cibo non va mai condito con spezie o sale.

LEGGI ANCHE: Veterinario gratis per animali domestici

COSA DARE DA MANGIARE AI CANI AL POSTO DELLE CROCCHETTE?

Per evitare che il cane mangi esclusivamente crocchette, si può cucinare appositamente per lui, senza propinargli gli avanzi della cena, che potrebbero fargli male. Al posto delle crocchette, il cane può cibarsi di carne lessa, pesce azzurro, zucchine, carote, sedano. Le uova vanno date con moderazione e sempre cotte. Di solito, affinché la dieta canina sia bilanciata, è necessario che vi siano circa l’80% di carne o pesce, lessi e possibilmente magri; il 15%circa di verdure lesse; il 15% di cereali oppure di patate o di riso. I latticini andrebbero evitati, perché sono troppo salati, a meno che non ci si rivolga alla ricotta fresca o allo yogurt acido. La frutta di stagione può essere consumata, cotta, cruda o anche essiccata. Sono consigliabili le mele, le pere, le banane, le prugne. Di olio d’oliva o di pesce ne bastano un cucchiaio, come fonte di Omega 3.

LA DIETA VEGANA

Alcuni optano per la dieta vegana che è solo a base di frutta, verdure, grassi, proteine vegetali, cereali e soia. La carne è però essenziale nel regime alimentare del cane e dunque non andrebbe mai eliminata.

LA DIETA BARF

La dieta Barf è quella che prevede solo la carne cruda con ossa tritate e verdure. Si tratta di una dieta estrema che andrebbe concordata col veterinario, dato che il consumo di carne cruda potrebbe aumentare il rischio di contrarre malattie come la salmonella.

LA DIETA GRAIN FREE

Questa dieta prevede l’esclusione totale dei cereali, anche se il cane riesce a digerirli facilmente. Di solito, questi vengono eliminati quando l’animale soffre di particolari intolleranze o perché magari si vuole limitare l’assunzione degli Omega 3.

PER APPROFONDIRE: Aiutate gli animali a sopportare il caldo in 10 modi

COME FARE LA PASTA PER I CANI

Il cane è un animale carnivoro ma, sostanzialmente, mangia di tutto. La sua dieta dovrebbe essere costituita da un apporto equilibrato di grassi, proteine e anche carboidrati, tra cui la pasta. Però non bisogna mai eccedere con quest’ultima, perché potrebbe causare diabete ed obesità, specialmente in quegli animali che non fanno una vita molto attiva, a parte uscire per espletare i propri bisogni. La pasta apporta acido folico, selenio, manganese ed è un buon pasto per i cani, a meno che non siano intolleranti alla farina. Questo lo si capisce se, dopo averla ingurgitata, il cane vomita, ha feci molli, difficoltà a digerire o problemi di pelle. Esiste una pasta specifica per cani che è più digeribile, perché fatta con farina di avena, di orzo e anche di semi di lino. Alcuni tipi di tale pasta sono costituiti da farine integrali ancora più digeribili per questo animale. La pasta va cucinata come quella degli esseri umani, deve solo essere più cotta. Va gettata in acqua calda e cucinata per il tempo indicato sulla scatola. Alla pasta non vanno mai aggiunte le crocchette, dato che si assocerebbero solo altre calorie alla dieta dell’animale, senza arricchirla però di nutrienti essenziali.

CROCCHETTE PER CANI PREPARATE IN CASA

Anziché rivolgersi alla grande distribuzione e comperare confezioni di crocchette industriali, queste possono essere preparate in casa, con ingredienti semplici e controllati, evitando sprechi ed essendo certi di ciò che si propina al proprio animale domestico. Vediamo insieme come fare.

  • Innanzitutto, bisogna procurarsi gli ingredienti giusti che, nello specifico, potrebbero essere, circa 200 gr di carote, 150 di zucchine, 200 di carne magra macinata, un uovo, circa 50 gr di farina integrale, 50 di farina di riso e circa 200 gr di riso bollito.
  • A questo punto, si può procedere al lavaggio di tutte le verdure, per poi tagliarle a rondelle e lessarle in acqua.
  • La carne macinata va rosolata in padella per circa 5 minuti.
  • In seguito, le verdure lessate vanno unite alla carne in un frullatore, per frullarle insieme e dare vita ad una crema.
  • La crema va poi mischiata al riso bollito e poi alla farina di riso, a quella integrale e all’uovo.
  • Il composto così ottenuto, va spalmato in una teglia foderata con carta da forno. Si dovrà ottenere un rettangolo.
  • La cottura in forno dovrà avvenire a 200° per un quarto d’ora. Poi, una volta cotto, dal rettangolo vanno ricavati dei dadini che devono essere nuovamente infornati per rassodarli dare loro la consistenza delle crocchette.
  • Le crocchette così ottenute vanno conservate in un sacchetto di plastica per un massimo di 10 giorni.
  • Quando le si ripone, le crocchette devono essere completamente asciutte dato che l’umidità potrebbe provocare l’insorgere di muffe.

LEGGI ANCHE: Animali e bambini, tutti i benefici della convivenza con cani e gatti e consigli per gestirla

QUALI SONO I CARBOIDRATI CHE SERVONO AL CANE

I carboidrati non fanno male al cane, se somministrati con moderazione. Si tenga presente che la fonte di energia dei cani è rappresentata dalle proteine e non certo dai carboidrati, come accade invece per gli esseri umani. I carboidrati, inoltre, possono causare aumento di peso nei cani.

Vediamo insieme quali sono quelli più consigliati.

  • La pasta è indicata per i cani, purché sia ben cotta e non abbia particolari condimenti. La pasta dovrebbe sempre essere mischiata alla carne che resta l’elemento principe nella dieta canina.
  • Il pane dovrebbe essere quello fatto in casa e meglio se stantio, poiché quello fresco, a causa del lievito, potrebbe fermentare nello stomaco dell’animale provocandogli dei dolori.
  • Il riso e in generale tutti i cereali, possono essere consumati se però ben cotti.

QUALI CIBI IL CANE NON PUÒ MANGIARE?

Vediamo insieme quali sono i cibi assolutamente vietati nella dieta canina.

  • Il cioccolato è vietato ai cani, dato che contiene degli alcaloidi che l’organismo canino non riesce a metabolizzare. Il consumo di cioccolato, specialmente fondente, provoca insufficienza cardiaca, iperattività, tremori.
  • Gli alcolici sono assai pericolosi, dato il contenuto di etanolo, che provoca difficoltà motoria e vomito.
  • I dolci causano mal di ancia, diabete, danni ai denti, aumento di peso. In alcuni dolci vi è il lattosio che il cane non digerisce.
  • Le noci andrebbero evitate perché contengono delle tossine che causano febbri e spossatezza.
  • Le uova non vanno mai date crude, dato l’alto rischio di salmonella che colpisce anche gli animali.
  • La pasta fresca non va somministrata, perché lievita nello stomaco del cane, provocandogli gonfiore, vomito, spossatezza.
  • Gli snack salati contengono troppo sale, nocivo per i cani, specialmente se soffrono di problemi cardiocircolatori.
  • I funghi comportano problemi di digestione, così come l’avocado. Entrambi tali alimenti contengono, inoltre, una tossina chiamata “fungicida”, che è letale.
  • L’aglio e la cipolla causano danni ai globuli rossi, disturbi allo stomaco, aumento della respirazione, vomito e diarrea.
  • L’uva e l’uva passa causano insufficienza renale acuta, con vomito, diarrea, letargia e disidratazione.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

COME CURARE BENE I PROPRI ANIMALI DOMESTICI:

  1. Come parlare con i cani e farsi capire
  2. Pulci dei cani: rimedi naturali per eliminarle
  3. Dove lasciare cani e gatti quando si va in vacanza
Share

<