Come guidare un'auto ibrida | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Auto ibrida, per azzerare i consumi si guida con il veleggiamento e senza strappi

Tutti i consigli per ottimizzare l'azione combinata del propulsore elettrico con quello termico. Niente mosse brusche con le frenate e con le accelerazioni. E velocità costante

Partenze da fermo, code, accelerazioni e frenate, e innanzitutto veleggiamento”: sono tutti qui i trucchi per ottimizzare il rendimento dell’auto ibrida e risparmiare al massimo sui consumi grazie all’azione combinata del propulsore elettrico con quello termico. La partenza deve essere lenta e graduale, fino a raggiungere la velocità di 30 chilometri. Le frenate e le accelerazioni mai brusche, con una lunga pressione sul pedale. E quanto al veleggiamento si tratta di quella velocità da crociera, costante, da utilizzare, anche staccando il pedale del gas come per andare a folle, specie per i percorsi extraurbani come le autostrade. I risparmi nei consumi sono notevoli.

COME GUIDARE UN’AUTO IBRIDA 

Una vettura ibrida, in pratica, ha due sistemi di propulsione: ad esempio, un motore elettrico e uno termico, che possono funzionare insieme o in autonomia. A una velocità limitata (fino a 25 km/h circa) il motore funziona il motore elettrico, quando invece si accelera si avvia quello termico, che ha il compito anche di ricaricare le batterie.

LEGGI ANCHE: Auto ibride, non c’è solo Toyota. Ecco i migliori modelli delle vetture preferite dai tassisti. Per concreti motivi (foto)

COME SI GUIDA UN’AUTO IBRIDA

Rispetto alle auto tradizionali, quelle ibride hanno consumi più contenuti, ma molto dipende da come si utilizzano. Per capire come guidare un’auto ibrida e risparmiare carburante abbiamo intervistato Gianlafredo Furini, co-fondatore del Gai – Gruppo d’acquisto ibrido, associazione che organizza anche corsi di guida ibrida.

  1. Non andare troppo piano
    «Molti pensano che andare piano con un’ibrida porti a consumare meno carburante, ma si tratta di un luogo comune: non è questo l’aspetto che permette di risparmiare – sottolinea Furini –. Mantenere una velocità di crociera costante appena al di sotto dei limiti è il segreto per consumare di meno, anche con un’ibrida».
  2. Utilizzare la modalità “Eco Mode”
    «Questa modalità si trova su tutte le auto ibride ed è in grado di addolcire la risposta alla pressione dell’acceleratore, ottimizzando l’utilizzo dell’energia del climatizzatore e di altre funzioni della vettura» spiega l’esperto.
  3. Lasciar scorrere l’auto
    Una volta raggiunta la velocità desiderata è bene mantenerla. «In ordine di semplicità, è bene lasciar scorrere il più possibile l’auto, ovvero cercare per quanto possibile di anticipare rotonde, semafori, eventuali discese – dice ancora l’imprenditore –. Grandi frenate e brusche ripartenza non giovano al risparmio di carburante».
  4. Far veleggiare l’auto
    «Su strade pianeggianti, entro i 70 kmh, è corretto portare la vettura abbastanza rapidamente alla velocità desiderata sfruttando entrambi i motori. Quando l’avrete raggiunta, lasciatela veleggiare in modalità elettrica. Il passaggio può essere ripetuto più volte creando il cosiddetto Pulse & Glide» suggerisce Furini.
  5. Fare manutenzione
    Una manutenzione periodica è vitale per il buon funzionamento dell’auto e, quindi, anche per risparmiare carburante. Al tagliando verranno infatti controllati diversi elementi, tra cui la pressione degli pneumatici, importantissimi per contenere i consumi. E poi, fare manutenzione su un’ibrida è anche conveniente: «La vettura è priva, ad esempio, di motorino di avviamento – racconta l’esperto –. Ha la cinghia di distribuzione a catena, esente da manutenzione, e le pastiglie freno durano almeno 90mila km, in quanto la maggior parte delle frenate vengono eseguite dal motore elettrico che si comporta come la dinamo della bici. Così si abbattono i costi di manutenzione rispetto ad una vettura convenzionale».

COME RISPARMIARE CON L’AUTO:

 

Shares