Questo sito contribuisce all'audience di

Come fare stretching in casa in maniera corretta: i consigli utili per non farsi male

Lo stretching è una tecnica di allungamento muscolare che non equivale al riscaldamento e non deve sostituirlo: ecco come praticarlo in maniera corretta.

di Posted on
Condivisioni

COME FARE STRETCHING IN CASA –

Chi frequenta i corsi di fitness in palestra lo sa bene, lo stretching è un’attività fondamentale prima e dopo lo svolgimento dei diversi esercizi. Si tratta infatti di una tecnica di allungamento muscolare utile per prevenire eventuali infortuni, oggetto anche di numerosi studi che vedono da un lato quelli che ne elogiano i benefici e dall’altro quelli che la reputano addirittura dannosa.

STRETCHING: QUANDO FARLO –

Lo stretching coinvolge i muscoli e i tendini aumentandone la flessibilità e la coordinazione ma anche le ossa e le articolazioni e si rivela utile nei programmi di riabilitazione portati avanti in seguito a interventi chirurgici o traumi, per recuperare ampiezza di movimento.

LEGGI ANCHE: Diabete e ipertensione, i rischi crollano quando si cammina

BENEFICI DELLO STRETCHING –

Per ottenere benefici è importante però praticare lo stretching nella maniera corretta e soprattutto ricordare che lo stretching non equivale al riscaldamento e non deve sostituirlo.

COME FARE BENE STRETCHING –

Ecco 5 consigli utili per praticare stretching in casa o al parco in maniera corretta ed evitare di farsi male mentre ci si dedica allo sport:

  1. È pertanto fondamentale avviare l’allenamento svolgendo almeno cinque minuti di attività aerobica come corsa o cyclette, perfetta per rendere più veloce la contrazione muscolare e migliorare la diffusione del sangue verso i muscoli coinvolti. Solo dopo è possibile procedere con lo stretching.
  2. Tenere sempre conto dei propri limiti riguardo i tempi di stretching e il livello di tensione: fondamentale non esagerare e non forzare l’allungamento dei muscoli.
  3. Fare esercizi di stretching sia statico (mantenendo posizioni in cui si allungano i muscoli), sia dinamico (facendo oscillare gli arti o il busto, senza slanci e scatti). Esistono diversi esercizi di stretching: tutto dipende dalle preferenze di chi lo pratica e degli obiettivi sportivi o riabilitativi che si intende raggiungere.
  4. Mantenere la posizione di stretching per almeno 8-10 secondi ed effettuare eventuali serie di 2-5 ripetizioni con pause di 15-30 secondi tra un allungamento e un altro.
  5. Fondamentale il ruolo della respirazione: abbinate gli esercizi con gli atti respiratori inspirando nel corso della fase di allungamento ed espirando quando il muscolo è sotto stretching.

PER APPROFONDIRE: Jogging con il proprio cane, in compagnia gli effetti sono migliori e più costanti

LEGGI ANCHE: