Questo sito contribuisce all'audience di

Pot pourri fai da te: come realizzarli in casa con petali di fiori, erbe aromatiche e spezie (foto)

Non dimenticate la menta, profumatissima, l’anice stellato, il timo e la maggiorana. E per mantenere a lungo il profumo del vostro pot pourri fai da te, utilizzate i fissativi.

Condivisioni

COME FARE UN POT POURRI

Se volete profumare gli ambienti di casa senza sprecare denaro nell’acquisto di profumatori in vendita nella grande distribuzione, preparate da soli il vostro bel pot-pourri, che porterà ovunque un tocco di colore e di gradevole profumo.

LEGGI ANCHE: Come profumare casa in maniera naturale e low cost senza ricorrere a prodotti chimici

POT POURRI NATURALE

Il procedimento è semplice, assolutamente poco dispendioso e basta utilizzare fiori, erbe aromatiche e frutta, magari quella che si ha in casa.

Vediamo insieme come procedere:

  • Procuratevi petali di fiori (rosa, lavanda, potentilla), erbe aromatiche e spezie, come la cannella, la menta, la melissa, il finocchio, l’anice stellato, la maggiorana, il timo e fate essiccare tutto. Non gettate via le scorze degli agrumi, come mandarini, arance o limoni, ma mettetele a seccare sui caloriferi in inverno o al sole estate. Potete essiccare anche delle fettine di mela o degli stessi agrumi di cui utilizzerete le bucce. Se non avete il tempo di essiccare gli ingredienti per il vostro pot-pourri, potete comprarne, anche on line, di già secchi.

  • Quando gli ingredienti scelti si saranno seccati, metteteli tutti dentro un piccolo mortaio e pestate bene, fino a sminuzzarli abbastanza, oppure limitatevi ad amalgamarli dentro ad una ciotola. Quando saranno ben mischiati tra loro (o ben sminuzzati), collocateli in un contenitore a chiusura ermetica e aggiungete qualche goccia dell’olio essenziale che preferite, il quale farà diventare la composizione ancora più aromatica. Se nel pot-pourri avete messo scorza e fette d’arancia secche, magari optate per l’olio profumato all’arancio, così da amplificare questa profumazione. A questo punto, chiudete il contenitore, scuotetelo e lasciatelo al buio per una notte. Il giorno dopo potrete versare il pot-pourri in un vasetto, preferibilmente di vetro (la trasparenza del vetro mostra anche la bellezza della varietà dei colori utilizzati) o di vimini, coperto con un velo di tulle. Ricordatevi di bagnare il pot-pourri, di tanto in tanto, con nuove gocce di olio essenziale, per ravvivare la profumazione la quale, col tempo, va a scemare.

  • Se volete che il vostro pot-pourri conservi a lungo il suo profumo, utilizzate i fissativi, che assorbono il profumo e lo trattengono. Di fissativi ne esistono di diverse tipologie in commercio, da quelli naturali a quelli sintetici. Quelli naturali sono i migliori perché talmente aromatici da profumare essi stessi il pot-pourri. Fissativi naturali sono ad esempio i bastoncini di cannella sbriciolati, la fave di tonka, i semi di coriandolo o di cumino. Anche la radice di giglio fiorentino risulta efficace. La fibra di cellulosa naturale in pallini, non tossica ed economica, si usa invece specialmente per pot-pourri chiusi nei sacchetti.

COME DECORARE CASA CON IL FAI DA TE: