Come fare la sauna - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Sauna e salute, tutti i benefici di questa vera terapia. E come bisogna farla

Come fare la sauna? E' un metodo naturale per rilassarsi ma quali sono i benefici e quanti tipi di sauna esistono? Ecco tutte le risposte.

Condivisioni

COME FARE LA SAUNA

I benefici terapeutici sono davvero tanti, e non si limitano soltanto alla purificazione della pelle e del cuoio capelluto. La sauna, se fatta bene, seguendo i nostri semplici consigli, è un aiuto al benessere psico-fisico a 360 gradi. Un aiuto da Non sprecare.

La sauna, per esempio, viene considerata una forma di relax che aiuta a contrastare la depressione lieve ed ha un effetto preventivo su problemi legati alla demenza senile. Ancora: la sauna ha un potere lenitivo per i dolori reumatici, stimola il buon funzionamento del cuore, aumenta le nostre difese immunitarie, migliora la circolazione dell’aria nei bronchi e quindi aiuta contro le allergie.

Ma vediamo più da vicino come funziona la sauna, i 10 consigli per farla nel modo più efficace, quando invece non si può fare e quali sono i vari tipi di sauna.

LEGGI ANCHE: I 10 errori da evitare quando si fa la doccia, anche per combattere gli sprechi

come-fare-la-sauna-2

COME FARE LA SAUNA: STORIA E CONSIGLI

La sauna è uno dei trattamenti di benessere più attuali e più antichi, al tempo stesso. E’ conosciuta in tutto il mondo come un “bagno di calore” che consente, attraverso il sudore, di eliminare le impurità della pelle e le tossine dell’organismo. Anche se la sauna è nata in Finlandia nel 1100, già gli Aztechi erano soliti utilizzare una sorta di capanna “sudatoria” per consentire alle donne incinte di partorire in un ambiente confortevole. Grazie al calore, infatti, esse beneficiavano delle sue proprietà lenitive alleviando i dolori delle doglie. Nel secolo scorso, la sauna è arrivata anche nell’Europa occidentale e negli Stati Uniti raccogliendo subito numerosi consensi. Questo perché oltre ad essere un momento di piacere e benessere favorisce il sonno. Ecco alcune azioni da compiere:

  • Come si entra in sauna. Prima di entrare nella sauna, ricordiamoci di fare una doccia calda per attenuare lo sbalzo termico e asciughiamoci
  • Quanto bisogna restare. Ogni sauna deve durare almeno otto minuti per apportare dei benefici al nostro organismo
  • Mai dopo i pasti. Evitiamo di fare la sauna a stomaco o vuoto o dopo aver mangiato in abbondanza
  • L’importanza dell’acqua. Le elevate temperature comportano una perdita abbondante di acqua del corpo. Per questo, dobbiamo bere sia prima sia dopo la sauna, per evitare la disidratazione
  • Prendersi il tempo che serve. Non serve andare di fretta ma nemmeno starci più del dovuto. Quindi, ricordiamoci di indossare un orologio
  • No ai bambini. La sauna è sconsigliata ai minori di dieci anni perché il loro sistema linfatico non è ancora completamente sviluppato.

PER APPROFONDIRE: Bere troppa acqua fa male alla salute

come-fare-la-sauna-3

CONTROINDICAZIONI PER LA SAUNA

Anche chi fa spesso la sauna commette degli errori, che oltre a ridurne gli effetti benefici possono avere delle conseguenze spiacevoli sulla salute. Gli sbalzi termici, inoltre, sono sconsigliati alle donne in gravidanza oppure nel periodo in cui hanno il ciclo. Quindi, prima di fare la sauna dobbiamo ricordarci di alcune regole:

  • Preparazione alla sauna. Uno degli errori più frequenti consiste nel prepararsi alla sauna alternando delle docce calde e fredde. In realtà va fatta soltanto una doccia calda, per rimuovere le impurità della pelle
  • Problemi cardiaci. Se soffriamo di patologie come l’insufficienza cardiaca o la tachicardia ventricolare, è meglio evitare di esporsi al calore della sauna
  • Infezioni. Se abbiamo la febbre o soffriamo di asma bronchiale, la sauna non è il luogo adatto. Quindi, aspettiamo la guarigione prima di fare una seduta
  • Malattie delle pelle. Se abbiamo un eczema, delle malattie veneree oppure delle ferite non ancora rimarginate, evitiamo di esporre la nostra pelle a una sudorazione intensa. Per cui, anche in questi casi, è sconsigliato frequentare una sauna
  • Dopo la sauna. Al termine della seduta, evitiamo di fare una doccia calda, altrimenti sovraccarichiamo la circolazione sanguigna
  • Falsi miti. La sauna non aiuta a dimagrire. Ci fa perdere tossine e liquidi ma non contribuisce alla perdita di peso. Quindi, diffidiamo di chi promette di farci perdere peso con la sauna.

PER SAPERNE DI PIÙ: Stress e ansia, 10 rimedi naturali per avere una vita più rilassata

COME FARE LA SAUNA: QUALE SCEGLIERE

Esistono diversi tipi di sauna, a seconda della temperatura scelta. Ciascuno di essi si distingue dagli altri per i benefici apportati all’organismo e per le modalità con cui viene effettuata. La più conosciuta è la classica sauna finlandese ma ne esistono tante, che si aggiornano di anno in anno.

Sauna finlandese. E’ il trattamento con aria bollente, che necessita di una cabina con getto d’aria calda e secca tra gli 80 e i 100 gradi. Prima si fa una doccia d’acqua calda, poi si entra in cabina per 10 minuti e poi si esce per fare un’altra doccia tiepida. Questa procedura va ripetuta altre due o tre volte sauna con aria bollente, prima di immergersi un minuto in una vasca d’acqua fredda.

VANTAGGI: La sauna finlandese concilia il sonno e favorisce il benessere poiché rilascia le endorfine, gli ormoni del benessere.

Sauna con il sale. Viene svolta nelle grotte saline, aventi le pareti ricoperte di sale del Mar Nero o delle miniere. La temperatura è di circa 50 gradi e il tempo di permanenza di circa mezz’ora. In meno di un’ora dà ai nostri bronchi gli stessi vantaggi di tre settimane di vacanza al mare.

VANTAGGI: Respiriamo aria ricca di ioni negativi, che neutralizzano gli agenti inquinanti che respiriamo ogni giorno, soprattutto se viviamo in città.

Sauna a infrarossi. Una delle modalità più moderne prevede l’impiego di raggi invisibili, che riscaldano direttamente il corpo senza riscaldare l’aria intorno.

VANTAGGI: Questo tipo di sauna offre un riscaldamento mirato al corpo, senza alzare troppo la temperatura circostante. In questo modo, sentiremo meno lo sbalzo termico.

Sauna a vapore. E’ molto conosciuta, soprattutto nei paesi arabi, con il nome “Hammam”. Si tratta di un bagno di aria umida, che avviene in tre momenti, distribuiti in tre sale: una tiepida, una calda (a 50 gradi) e una fresca. In questo caso, la sessione dura mediamente 2 ore e si conclude con una doccia fresca.

VANTAGGI: La sauna a vapore ha un effetto drenante e aiuta a smaltire le tossine. Inoltre, aiuta ad avere una pelle liscia e luminosa.

Sauna con le erbe.  Si distingue dalle altre per le temperature più basse, massimo 50 gradi, sfruttando i vantaggi dell’aromaterapia. Dalla tinozza, collocata su una stufa a raggi infrarossi, viene prelevata dell’acqua da versare su un fascio di erbe officinali come la lavanda, che rilasciano un vapore profumato.

VANTAGGI: E’ adatta anche a coloro che non sopportano le temperature elevate avendo un andamento graduale.

Sauna celtica. Arriva fino a una temperatura di 100 gradi e utilizza una cabina circolare con tetto conico, realizzata con tronchi grezzi di legno. Prende il nome dal popolo che l’ha utilizzata per primo ed è particolarmente apprezzata come alternativa alla sauna finlandese.

VANTAGGI: La sauna celtica rinforza il sistema immunitario e aiuta a prevenire i dolori muscolari.

Bio-sauna. La temperatura non supera mai i 60 gradi ma in compenso l’umidità oscilla tra il 50 e il 70%, a causa del vapore. Anche in questo caso, può essere utilizzata da coloro che non amano le temperature troppo alte

VANTAGGI: Sfruttando una temperatura non elevatissima, favorisce l’apertura dei pori per il rilascio di liquidi in maniera graduale.

ALTRI MODI PER RILASSARSI: