Cercare sintomi su internet - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Curarsi con le diagnosi di Internet, evitiamo di farci del male da soli

Un conto è informarsi, attraverso Internet, su una malattia, su un corretto stile di vita, e anche sui rimedi naturali. Questo aiuta. Altra cosa è rinunciare al medico, quando serve, e puntare alle cure fai-da-te. Questo è folle.

CERCARE SINTOMI SU INTERNET

Già eravamo un popolo di ipocondriaci, a proposito di spreco della salute e dei soldi per curarsi quando non serve, con la mania di accumulare medicine come se avessimo tutti i mali del mondo, adesso siamo diventati anche un popolo che sempre di più tende a curarsi con le diagnosi e le terapie dei dottori Google e Yahoo. Tanto per completare la nostra capriola all’indietro, stiamo scherzando con il fuoco del benessere primario, la salute appunto, e a proposito di scherzi per afferrare questo disastro con ironia, un famoso medico (vero, non virtuale) dell’Istituto dei tumori di Milano, ha piazzato un provocatorio cartello davanti alla porta del proprio ambulatorio con la seguente ironica battuta rivolta ai pazienti: «Coloro che si sono già diagnosticati da soli tramite Google, ma desiderano un secondo parere, per cortesia controllino su Yahoo».

Battuta spiritosa, con effetti a catena sul web in termini di repliche e controrepliche, ma a parte il linguaggio azzeccato, devo dire che il nostro medico dell’Istituto dei tumori ha perfettamente ragione. La medicina fai-da-te, che non ha nulla a che vedere con gli autonomi e responsabili rimedi naturali da applicare, per conquistare fette di salute, attraverso gli stili di vita, è semplicemente una stupida paranoia. Da “ciucci e presuntuosi”, direbbero a Napoli per catalogare i matti che pensano di affidare un problema cardiaco o polmonare alle risposte in tempo reale, usa e getta, del web.  E questa paranoia non ci azzecca nulla con le opportunità, queste sì da coltivare, che Internet offre agli utenti di informarsi anche di medicina, attraverso le fonti di una buona divulgazione. Capire davvero che cosa sia una malattia e quali potrebbero essere le sue case, aiuta a vivere meglio e magari a fare una buona prevenzione. Cosa ben diversa dalle cure fai-da-te.

LEGGI ANCHE: La salute si conquista giorno per giorno e non si spreca. Fa parte di un undicesimo comandamento che trovate raccontato in questo libro

CERCARE MALATTIE SU INTERNET

Per quanto la tecnologia possa fare promesse, che comunque non sempre mantiene, e per quanto sia più facile del previsto distinguere le fake news dalle notizie corrette e attendibili, la cura fai-da-te attraverso Internet resta demenziale. Non ci sarà mai nessun bit al mondo che ci darà la garanzia di riuscire a distinguere tra un dolore di stomaco e un infarto, oppure tra la scarsità di fiato quando si salgono le scale a piedi e un tumore al polmone che avanza. Per queste diagnosi, per qualsiasi vera diagnosi, tanto più se riferita a malattie delicate, servono strumenti corretti, occhio clinico e bravi medici. Uomini e donne in carne ed ossa, non il Dr. Google o il Dr. Yahoo.

Mi direte: anche un medico può sbagliare la diagnosi e dunque la terapia. Assolutamente. Anzi, mi pare di capire che alcuni medici a forza di sprecare tempo firmando carte nei reparti ospedalieri oppure di considerare i pazienti come dei numeri per aumentare il monte-visite private, e i relativi incassi, abbiano perso di vita il principale dovere di un bravo e responsabile dottore: fare una diagnosi corretta. Con empatia, con serenità, con competenza. Ma a fronte di una minoranza di medici mediocri o perfino farabutti, una minoranza che, badate bene, esiste in tutte le categorie, anche tra i giornalisti, lavora una maggioranza di dottori, appassionati e competenti, dei quali ci possiamo e ci dobbiamo fidare. E in ogni caso, non possiamo reagire alla malasanità, pubblica e privata, trasferendoci nel reparto sempre più affollato dei pazienti fai-da-te.

PER APPROFONDIRE: L’Italia ingiusta dei medicinali, quasi 600mila persone non hanno i soldi per pagarli. E noi intanto li buttiamo

AUTODIAGNOSI SU INTERNET

Passo dopo passo, e specie tra le nuove generazioni dei ragazzi multitasking, si rischia così di diffondere, a proposito di autentiche fake news, balle al cubo, la sgangherata convinzione che, in fondo, possiamo rinunciare al dottore e affidarci solo al suo collega virtuale, dunque finto. Non siamo molto lontani da questo traguardo di spreco assoluto. In una recente ricerca della McCann Truth Central viene accertato che il 53 per cento delle persone, con età compresa tra i 18 e i 34 anni, crede che a un certo punto la tecnologia potrebbe rendere superflua la figura del medico. Poveracci. Non lo sanno, ma rischiano tanto e di farsi molto male. Da soli.

(Credits immagine di copertina: MK photograp55 / Shutterstock.com)

QUANDO SPRECHIAMO LA SALUTE PER LA MALASANITÀ:

  1. Malasanità, una donna muore a 40 anni mentre i medici litigano sul suo cuore
  2. Sanità costosa, sprecona e inefficiente: così 10 milioni di italiani vi rinunciano
  3. Vergogna d’Italia: si può morire dopo essere stati cacciati da tre ospedali?
  4. Rischi omeopatia, iniziano e aumentano se la consideriamo una religione…
Shares