Carlo, 91 anni: da missionario a sposo da 65 anni | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Carlo, 91 anni: da missionario a sposo da 65 anni

Con la moglie vivono a Pedemonte, in provincia di Verona. Carlo aveva studiato in un istituto religioso e voleva farsi prete. Poi è arrivata Marina …

di Posted on

La vita ha delle curve che portano lontano, in luoghi inaspettati. Come nel caso di Carlo Ceretta, 91 anni, destinato a una vita da prete missionario, e diventato invece un marito con alle spalle 65 anni di matrimonio. Ben portati.

CARLO DA MISSIONARIO A SPOSO DA 65 ANNI

La famiglia di Carlo è molto povera, e la scelta dell’abito talare in questi casi è anche una soluzione per vivere dignitosamente. Vivono a Pedemonte, nella zona del Valpolicella, e Carlo entra nell’istituto religioso Aleardo Aleardi a Verona: i voti sono buoni, la fede alta, e il percorso verso il seminario per diventare prete missionario (a Verona esiste uno dei più importanti centri di formazione per questi particolari sacerdoti) sembra scontato. Invece, nella vita di Carlo arriva il fulmine dell’amore, Marina Franchetto, oggi una donna attivissima di 85 anni.

LEGGI ANCHE: Come salvare un matrimonio e farlo durare

CARLO CERETTA E MARINA FRANCHETTO

Carlo inizia a guadagnare facendo lezioni private di latino e greco, ma poi, dietro l’incoraggiamento degli amici, decide di aprire una scuola guida, la “Porta Palio” che porta il benessere in famiglia. Carlo e Marina acquistano un terreno nella zona del Valpolicella, costruiscono la loro casa e intanto la famiglia cresce a dismisura. Prima i quattro figli (Floriana, Vanna, Mauro e Simone), poi 13 nipoti e 9 pronipoti. Tante curve, tanta gioia, in 65 anni di un matrimonio mai spento.

Fonte immagine di copertina: Corriere della Sera

LE STORIE D’AMORE PIU’ BELLE:

  1. La coppia dell’amore eterno di Grugliasco: Domenico e Domenica sono insieme da 75 anni
  2. Amore eterno, Isaac e Teresa sposi per 69 anni. E morti a distanza di 40 minuti
  3. Il segreto dell’amore eterno non è necessariamente nelle parole: “Ti amo”
Share

<