Le borracce ecologiche dell'Università Roma Tre - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

L’Università Roma Tre contro la plastica: in arrivo 36mila borracce in acciaio per i suoi studenti

L’ateneo romano consegnerà i contenitori tra gli iscritti per arginare lo spreco di 10mila bottigliette d’acqua in plastica che giornalmente vengono utilizzate all’interno dell’università. L’obiettivo è sensibilizzare le nuove generazioni mettendo in campo una soluzione concreta

Condivisioni

La rivoluzione sostenibile non può che cominciare nei templi del sapere: scuole e università. Lo sanno benne a Roma Tre dove hanno deciso di avviare una campagna per affrontare seriamente lo spreco di plastica. L’Ateneo, infatti, ha cominciato a distribuire gratuitamente tra i suoi studenti 36mila borracce in acciaio inossidabile che avranno il compito di sostituire le bottigliette di plastica monouso che, nella sola Università romana, rappresentano uno spreco che viaggia a ritmi vertiginosi: circa diecimila bottiglie al giorno.

BORRACCE ECOLOGICHE

La campagna si chiama “The message is the bottle” e fa il verso al celebre brano dei Police, con l’obiettivo di lanciare un messaggio importante: “stop all’uso delle bottigliette di plastica”. Il contenitore che utilizziamo per questo bene primario assume infatti un’importanza sempre più capitale che impone a tutti, soprattutto a coloro che hanno il dovere di educare le nuove generazioni una decisa inversione di marcia.

LEGGI ANCHE: Niente alibi e scaricabarile sulla plastica, tutti possiamo fare qualcosa per ridurla e per smaltirla bene. Con enormi risparmi

BORRACCE ACCIAIO UNIVERSITÀ ROMA TRE

La campagna è stata lanciata dal Rettore dell’Università Luca Pietromarchi insieme all’attore Neri Marcorè, all’inviato della trasmissione ‘Le Iene’ Giorgio Romiti e al Direttore di Greenpeace Giueseppe Onufrio, tutti uniti sotto la bandiera dello stop alla plastica. “Durante gli esami – ha spiegato Pietromarchi – abbiamo visto che gli studenti tirano fuori il telefonino, un libro e l’immancabile bottiglietta di plastica d’acqua e automaticamente le nostre aule sono diventate delle foreste di plastica: così è nata questa nostra iniziativa, seguendo inoltre la Strategia Europea sulla plastica che vieterà a partire dal 2021 la vendita di moltissimi articoli in plastica monouso”. L’Ateneo ha cominciato, quindi, ad invitare gli studenti a non usare più bottigliette di plastica con lo scopo di ridurre sensibilmente il consumo di questi prodotti, che si aggira intorno alle 10mila unità giornaliere. Anche perché, come ha spiegato Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace Italia, “riciclare non basta, serve eliminare i contenitori in plastica usa e getta dove possibile, quindi questa iniziativa è importante perché è un messaggio che arriva dal sistema universitario e della ricerca scientifica che deve essere alla base del nostro agire”. 

THE MESSAGE IS THE BOTTLE

La campagna di distribuzione gratuita conta ben 36mila borracce in acciaio, ossia una per ogni iscritto all’Università. La ripartizione di queste speciali bottiglie è già iniziata per cinquemila studenti in 8 punti all’interno dell’Ateneo ma avverrà in maniera graduale nei prossimi mesi. Ciascun iscritto avrà a disposizione un buono personale, utilizzabile una sola volta entro 3 mesi dalla data di emissione, che consentirà il ritiro della borraccia in appositi punti di distribuzione presso alcune sedi dell’Ateneo.

Le foto sono tratte dal sito e dalla pagina Facebook dell’Università Roma Tre

COME RIDURRE IL CONSUMO DI PLASTICA