Acidosi, tutto quello che c'è da sapere: cause, rimedi e prevenzione
Questo sito contribuisce all'audience di

Acidosi: cause, rimedi e prevenzione

Il 90 per cento degli italiani soffre di questo disturbo. Legato agli stili di vita. I cibi da evitare e quelli da prendere

ACIDOSI

È la classica patologia da stili di vita sbagliati. Non a  caso, colpisce il 90 per cento della popolazione, a fasi alterne, che ne soffre o per qualche cattiva abitudine (per esempio una vita troppo sedentaria) oppure per la scadente alimentazione (con troppi grassi saturi). L’acidosi, infatti, è un disturbo che si verifica quando il nostro organismo sviluppa troppa acidità. E quando il nostro pH diventa troppo acido, motivo per il quale la causa principale di questo disturbo è dovuta  all’alimentazione. Alla base di questo problema particolarmente diffuso c’è spesso una dieta ricca di proteine animali, cibi spazzatura, alimenti cotti e povera di alimenti importanti per la salute quali frutta e verdura.

SINTOMI ACIDOSI

Si manifesta con dolori articolari, insonnia, ritenzione idrica, emicrania, stitichezza, bruciore alla bocca, denti sensibili all’aceto e alla frutta acida, pressione sanguigna anormale, e stanchezza che non va via neppure se ci si riposa. Altri sintomi dell’acidosi possono essere nausea, vomito, affaticamento e una respirazione più  profonda del normale.

L’equilibrio del pH delle nostre cellule interne e dei fluidi, tra cui il sangue, aiuta ad effettuare tutti i processi che avvengono nel nostro corpo. Il nostro organismo così come fa di tutto per regolare e mantenere la temperatura corporea, allo stesso modo farà in modo di garantire un pH leggermente alcalino nel sangue: se necessario, anche andando ad interessare altri tessuti e altre funzioni corporee. In pratica, il livello di pH dei nostri fluidi interni è in grado di influire su ogni cellula del nostro corpo. Pertanto, l’acidità, se non viene tenuta sotto controllo, finirà per coinvolgere tutte le attività e le funzioni cellulari. Ad esempio, quando il corpo diventa troppo acido, pur di mantenere un pH leggermente alcalino del sangue cercherà e userà calcio da ovunque possa prenderlo, in primo luogo dalle ossa. La conseguenza più diretta di questa situazione sarà l’osteoporosi. La stessa cosa si verifica quando l’organismo decide di espellere l’acidità mediante la pelle: ecco allora comparire acne, eczemi, foruncoli, irritazioni e così via.

LEGGI ANCHE: Gastrite: i rimedi naturali che funzionano. Dalla ginnastica giusta ai cibi da evitare

CAUSE ACIDOSI

Tra le possibili cause dell’acidosi, oltre alla cattiva alimentazione troviamo poi anche stress, febbre, obesità, emozioni e stati d’animo come rabbia e paura, l’assunzione di alcuni farmaci come ad esempio l’aspirina ed eventuali disturbi ai reni e al fegato.

SINTOMI ACIDOSI

I sintomi dell’acidosi sono piuttosto evidenti. In particolare:
  • Una sensazione di stanchezza cronica
  • Fastidi e disturbi gastrici
  • Irritabilità
  • Dolore o fastidio alle ossa e alle articolazioni
  • Iperventilazione
  • Respirazione profonda, veloce e agitata
  • Nausea e vomito

TEST ACIDOSI 

Per determinare se i liquidi presenti nel nostro organismo sono troppo acidi o troppo alcalini è possibile fare un semplice test da eseguire o prima dei pasti oppure un’ora dopo aver mangiato. Basta comperare della carta nitrazina e applicarvi saliva o urina. La cartina diventa azzurra in presenza alcalina mentre quella azzurra diventa rossa in presenza acida. Il tasso ideale di pH per la saliva e l’urina va da 6,0 a 6,8. Il nostro corpo di per sé è un po’ acido: questo significa che i valori inferiori a un pH 6,3 devono essere considerati come troppo acidi, quelli superiori a un pH 6,8 sono invece troppo alcalini.

Se il corpo presenta troppa acidità è bene consumare alimenti a contenuto alcalino come ad esempio albicocche, arance, avocado, limoni, mais, meloni, miele. Se il corpo presenta invece un pH troppo alcalino, consumate invece alimenti a contenuto acido come ad esempio asparagi, cacao, caffè, ceci, latte, legumi, peperoni, pesce, uova e zucchero.

RIMEDI ACIDOSI

Un’interessante e specifica terapia naturale contro l’acidosi la trovate in un libro, intitolato “La Terapia Anti-Acidosi”, scritto da Barbara Simonsohn per Edizioni il Punto d’Incontro che propone un approccio naturale con strategie efficaci quali digiuno, massaggio dei tessuti connettivi, alimentazione alcalinizzante, bendaggi e riduzione dello stress, per ritrovare una vita attiva, felice e armoniosa. In generale per fronteggiare il problema è bene seguire questi semplici consigli:

  • Fondamentale avere un’alimentazione sana ed equilibrata. Evitate il consumo di cibo da fast food e gli alimenti cotti e trattati che una volta ingeriti diventano acidi
  • Evitate il consumo di alimenti grassi
  • Ridurre anche la quantità di carne bovina e suina
  • Consumare soprattutto alimenti crudi come ananas, avocado, banane, limoni, mele, pere, pompelmi, uva e vegetali. La frutta fresca e i vegetali riducono l’acidosi
  • Controllate il pH nella vostra urina usando il test di cui vi abbiamo parlato
  • Cercate di avere uno stile di vita corretto e salutare: svolgete attività fisica con regolarità e imparate a respirare profondamente.

PER APPROFONDIRE: Come curare l’artrite con i rimedi naturali, senza ricorrere subito a pillole e trattamenti “miracolosi”

PREVENZIONE ACIDOSI

Per la prevenzione bisogna partire dalla distinzione tra due forme di acidosi: diabetica e lattica. Nel primo caso, alcune sostanze, come chetoni e acidi, si accumulano nel nostro organismo. Nel secondo caso, invece, l’accumulo riguarda l’acido lattico.Per l’acidosi diabetica è importante proteggere reni e polmoni. Per l’acidosi lattica la prevenzione riguarda l’alimentazione: ridurre o abolire alcol e cibi fritti. In entrambi i casi è utile una regolare attività fisica.

PREVENZIONE ACIDOSI

In base alle cause, l’acidosi viene classificata in due modi, per i quali esistono specifici rimedi preventivi: Metabolica e respiratoria. L’acidosi metabolica si sviluppa quando la quantità degli acidi aumenta per una sostanza che può essere un acido o scomposta in un acido. Anche un farmaco può provocare l’acidosi metabolica, La prevenzione fondamentale in questo caso riguarda il cibo, ed è opportuno controllare e proteggere il buon funzionamento dei reni. L’acidosi respiratoria invece si sviluppa quando i polmoni non riescono a espellere come dovrebbero l’anidride carbonica: in questo caso la migliore prevenzione riguarda l’esercizio fisico e la respirazione.

CURARSI CON I RIMEDI NATURALI

  1. Mal d’orecchie dei bambini, 10 rimedi naturali. Dalla cipolla alla liquirizia
  2. Cellulite, i rimedi naturali che funzionano. Cibi giusti e aerobica. No a fumo e alcol
  3. Rimedi naturali per calmare la tosse: i consigli semplici tramandati dalle nonne
Share

LEGGI ANCHE:

Nessun commento presente

Che ne pensi?

<