Voltaren: a cosa serve e quando va preso Voltaren: a cosa serve e quando va preso | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Voltaren: a cosa serve e quando va preso

E' tra i più comuni farmaci antinfiammatori. Un po' tutti lo abbiamo nell'armadietto dei medicinali. A cosa serve e quando usarlo.

Il Voltaren è il più diffuso farmaco antinfiammatorio e antireumatico venduto in Italia. Si trova in pasticche, gel e crema, bustine da sciogliere nell’acqua, e fiale da somministrare con siringhe. Per cosa si usa il Voltaren, e quando non usare il farmaco? Approfondiamone usi ed effetti collaterali.

CHE COS’E’ IL VOLTAREN

Sono in molti a chiedersi quali sono gli antinfiammatori più efficaci. Ebbene, tra questi si annovera il Voltaren, un farmaco che tutti abbiamo, o abbiamo avuto, in casa. E’ un medicinale che appartiene alla classe dei farmaci antiinfiammatori non steroidei, di uso piuttosto comune e che contiene il principio attivo diclofenac. Così come si legge sul sito dell’Humanitas, il diclofenac vanta proprietà analgesiche, antipiretiche e antinfiammatorie.

Il farmaco esiste in diverse formulazioni, ovvero:

  • Voltaren Emulgel 1 % gel, un gel antinfiammatorio adatto per alleviare dolori muscolari e articolari. Ha un effetto rinfrescante.
  • Voltaren Emulgel 2 % gel. Questa variante ha una doppia concentrazione di principio attivo rispetto alla soluzione precedente.
  • Voltaren soluzione iniettabile (in fiale da 75 mg)
  • Voltaren 50 mg compresse gastroresistenti
  • Voltaren 75 mg compresse a rilascio prolungato
  • Voltaren 100 mg compresse a rilascio prolungato
  • Voltaren 50 mg compresse solubili
  • Voltaren 100 mg supposte

E’ disponibile anche in cerotti.

LEGGI: Mal di schiena da giardinaggio: come evitarlo

Voltaren: a cosa serve e quando va preso

A COSA SERVE IL VOLTAREN

Così come tutti gli antinfiammatori non steroidei (comunemente detti FANS) è un farmaco al quale si ricorre per alleviare il dolore, ridurre l’infiammazione ed abbassare la temperatura corporea in caso di febbre. In particolare, il Voltaren serve a trattare episodi di dolore acuto in caso di infiammazione dei muscoli, delle articolazioni e delle ossa o di spasmi della muscolatura liscia.

Per rispondere alla domanda, come agisce Voltaren, basti sapere che il suo principio attivo esercita un’azione antinfiammatoria ed antalgica inibendo alcuni enzimi coinvolti nel metabolismo dell’acido arachidonico (ovvero l’acido grasso responsabile di un’infiammazione nel tessuto muscolare).

CHE COSA FA PASSARE IL VOLTAREN

Come specifica il foglio illustrativo condiviso dall’Aifa, nella sezione dedicata alla soluzione iniettabile per uso intramuscolare, Voltaren fa passare diverse problematiche di salute, dal mal di schiena ai dolori associati al ciclo mestruale. Non solo: viene ampiamente usato in caso di artrite reumatoide, spondilite anchilosante e artrosi (e di tutte le malattie delle articolazioni), e in caso di malattie a carico dei tessuti che circondano le articolazioni e i tendini. Infine, è efficace per i dolori dovuti alle infiammazioni di origine non reumatica o per trovare sollievo a seguito di traumi.

C’E’ UNA DIFFERENZA TRA VOLTAREN E DICLOREUM?

Che differenza c’è tra Dicloreum e Voltaren? Sostanzialmente nessuna. Entrambi contengono lo stesso principio attivo. Ed hanno entrambi i medesimi effetti collaterali. Anche il Dicloreum viene usato per trattare malattie reumatiche a localizzazione articolare ed extra-articolare. Nonché per flogosi ed edemi di origine post-traumatica.

Voltaren: a cosa serve e quando va preso

QUANDO VA PRESO IL VOLTAREN

Il momento nel quale assumere il farmaco varia in base alla sua tipologia.

  • Le compresse a rilascio prolungato vanno generalmente inghiottite intere – quindi non frantumate né divise, né tantomeno masticate – e mandate giù con un po’ di acqua (o altro liquido). Se possibile durante i pasti. Se i sintomi sono più intensi la notte o la mattina, così come si legge sul foglietto illustrativo del prodotto, si consiglia di assumere le compresse a rilascio prolungato la sera.
  • Voltaren Emulgel va applicato 3-4 volte al giorno. In caso di dolore associato a ciclo mestruale Voltaren compresse va preso alla comparsa dei primi sintomi e per qualche giorno, fino alla cessazione degli stessi.

LEGGI ANCHE: Postura corretta per evitare il mal di schiena

CON QUALE DOSAGGIO SI PRENDE IL VOLTAREN?

Il dosaggio del farmaco dipende dalla tipologia e dalla situazione medica del paziente, e viene stabilito dal medico.

  • Così come si legge sul bugiardino, la dose iniziale raccomandata per ciò che riguarda le compresse è di 100-150 mg al giorno. Tale dosaggio può essere minore in casi lievi o terapie a lungo termine, quando si aggira sui 75-100 mg al giorno. Negli anziani può essere necessario ridurre la dose. In particolare, l’uso negli adulti prevede che la suddetta dose venga suddivisa in 2-3 somministrazioni nell’arco della giornata. In caso di trattamento del dolore dovuto al ciclo mestruale la dose raccomandata è 50-150 mg al giorno.
  • Voltaren soluzione iniettabile non dovrebbe essere somministrato per più di due giorni consecutivi: la dose equivale ad una fiala da 75 mg al giorno, che viene iniettata per via intramuscolare. Deve quindi essere iniettato nel muscolo, in profondità, nella parte alta e laterale della natica. In via del tutto eccezionale (ovvero in gravi casi) si possono somministrare 2 fiale da 75 mg al giorno (non nella stessa natica).
  • Voltaren compresse solubili va preso sciogliendo queste ultime in un bicchiere d’acqua e mescolando bene. Le compresse solubili non devono essere frantumate, divise o masticate. La dose in questo caso è di 2-3 compresse al giorno da suddividere in altrettante volte nel corso della giornata. Due compresse al dì sono indicate per i casi lievi.
  • Voltaren supposte va introdotto dopo aver evacuato inserendolo bene nel retto. La dose iniziale raccomandata è 100-150 mg al giorno negli adulti; nei casi lievi e di terapia prolungata nel tempo è 75-100. Da suddividere in 2-3 somministrazioni nell’arco della giornata.
  • Per quanto riguarda la formulazione in gel, bisogna applicarne una quantità pari ad una noce o poco meno, a seconda dell’aria interessata. Anche in questo caso 2-3 volte al giorno. Al massimo 4.

A Voltaren compresse preso durante la giornata si può aggiungere una supposta del farmaco da assumere la sera, prima di mettersi a letto. Senza superare, naturalmente, la dose massima di 150 mg al giorno.

Voltaren: a cosa serve e quando va preso

QUANTO DURA L’EFFETTO DEL VOLTAREN

La durata dell’effetto del farmaco dipende dalla tipologia che si è assunta. Per via orale raggiunge il picco plasmatico entro 2 ore. Voltadvance inizia a combattere il dolore in meno di 20 minuti, in quanto agisce direttamente sulla causa del dolore, ovvero l’infiammazione.

EFFETTI COLLATERALI DEL VOLTAREN

Così come tutti i farmaci, anche questo non è esente da conseguenze indesiderate. Tra gli effetti collaterali del Voltaren legati ad una sua dose eccessiva ci sono sanguinamento dello stomaco, vomito, diarrea, capogiri, ronzii e fischi delle orecchie o convulsioni. Comuni effetti collaterali, sperimentati da circa 1 paziente su 10, sono:

  • Lievi crampi e dolori addominali
  • Mal di testa
  • Vertigini o capogiri
  • Nausea, vomito
  • Flatulenza
  • Dispepsia
  • Riduzione dell’appetito

In caso di Voltaren compresse, tra gli effetti collaterali si possono inoltre annoverare valori anormali nelle analisi del sangue (transaminasi). In questo, e negli altri casi appena elencati, contattate il medico e valutate insieme se sospendere o sostituire l’assunzione del farmaco per evitare di peggiorare la situazione.

QUANDO NON USARE IL VOLTAREN

Oltre gli effetti collaterali è bene sapere quando non usare il Voltaren. Innanzitutto il farmaco non dovrebbe essere somministrato a bambini e adolescenti sotto i 14 anni di età. Inoltre, l’assunzione di Voltaren in gravidanza o allattamento dovrebbe essere concordata con il medico. Non andrebbe usato durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza (a meno che non vi siano cause di effettiva necessità). Non deve essere assolutamente assunto nel terzo trimestre in quanto potenziale causa di danni di grave entità per mamma e bambino. Neanche durante l’allattamento andrebbe assunto. C’è una correlazione tra fertilità della donna e Voltaren. Nel caso in cui si stia valutando di intraprendere una gravidanza si dovrebbe pertanto evitare.

Come riportato sul foglietto illustrativo, non bisognerebbe inoltre assumere Voltaren in caso di:

  • allergia (o ipersensibilità) al diclofenac, al sodio metabisolfito (o ad altri solfiti)
  • di passate reazioni allergiche a medicinali per trattare infiammazione, dolore o abbassare la febbre
  • ulcera, sanguinamento o perforazione dello stomaco o dell’intestino
  • sanguinamenti in corso o predisposizione a questi
  • emorragie dello stomaco o dell’intestino
  • se si è avuta emorragia/ulcera allo stomaco o del duodeno ricorrente
  • problemi al fegato (inclusa insufficienza epatica)
  • problemi ai reni (insufficienza renale)
  • cardiopatia conclamata e/o di una vasculopatia cerebrale
  • alterazione nella produzione delle cellule del sangue
  • in caso di terapia ad alte dosi di diuretici

LEGGI: Mal di schiena: come alleviarlo con rimedi naturali

COME SI CONSERVA IL VOLTAREN?

Così come tutti i medicinali, anche il Voltaren andrebbe tenuto lontano dalla portata dei bambini e degli animali domestici. Preferibilmente in un luogo asciutto e fresco, magari in un armadietto o contenitore dedicato ai farmaci. Le compresse a rilascio prolungato andrebbero conservare a temperatura inferiore a 30°C all’interno del blister. A loro volta dentro la scatola nella quale viene commercializzato, per proteggerlo dall’umidità. Dopo la data di scadenza va conferito negli appositi raccoglitori di medicinali siti nei pressi delle farmacie. O in altro luogo suggerito dal farmacista di fiducia. Non va assolutamente gettato nello scarico o tra i rifiuti domestici.

TUTTO CIÒ CHE C’È DA SAPERE SUI FARMACI:

Share

<