Vivere in una metropoli ci rende più "verdi"? | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Vivere in una metropoli ci rende più “verdi”?

di Posted on
Condivisioni

Traffico, caos, aria inquinata, enormi condomini. Ma vivere in una grande città non è solo fare i conti con tutto questo, pare "insegni" anche ad avere una coscienza ecologica. Sarà forse la reazione a un ambiente urbano che non è il massimo; fatto sta che i dati raccolti su Environmental Conservation da un gruppo di ricercatori americani e cinesi indicano che gli abitanti delle metropoli sviluppano una maggiore attenzione per le tematiche ambientali e, per dire, riutilizzano le buste di plastica (peraltro fuorilegge dal 1° gennaio) e fanno la raccolta differenziata più spesso rispetto a chi vive in piccole città.

STUDIO – I ricercatori del Center for Systems Integration and Sustainability dell’università del Michigan hanno usato i dati raccolti in Cina nel 2003 per la General Social Survey, un’indagine per cui a circa 5mila cinesi che abitavano in varie tipologie di città sono state fatte diverse domande circa la loro sensibilità ambientale: se facevano la raccolta differenziata, se parlavano di ecologia con familiari e amici, se facevano volontariato con associazioni ambientaliste e così via. Ebbene, stando ai risultati chi vive a Pechino o Shanghai ha comportamenti più "verdi" rispetto agli abitanti di città piccole. E non c’entra molto il livello sociale, in barba a chi pensa che possa essere ambientalista solo chi è ricco: il reddito, infatti, non sembra modificare l’attitudine a preoccuparsi dell’ambiente.

LAVORO – «Non occorre essere ricchi per avere comportamenti "ecologici" – spiega Xiaodong Chen, uno degli autori della ricerca -. Anzi, i più poveri che vivono nelle metropoli sentono molto la questione perché una scarsa qualità ambientale li minaccia forse ancor più da vicino rispetto a chi non ha problemi economici». Sembra invece che conti il tipo di lavoro, perché nelle grandi città è più probabile trovare aziende con risorse sufficienti ad attivare programmi di educazione ambientale: gli impiegati per esempio hanno una maggior "coscienza verde", chi ha posizioni di comando adotta comportamenti virtuosi più spesso degli altri. «Anche l’accesso ai mezzi di comunicazione è superiore nelle grandi città, e questo può contribuire a migliorare le conoscenze e le attitudini dei cittadini – dice Chen -. Questi dati ci servono a capire dove dobbiamo incanalare più risorse per promuovere comportamenti "verdi". E tutto questo è particolarmente importante in Cina, dove la crescita urbana è tumultuosa». Non è dato sapere se i dati raccolti in Cina valgano anche per le nostre metropoli; si spera, perché forse affidarsi alla coscienza ecologica dei cittadini è uno dei pochi mezzi che ci restano per migliorare la vivibilità degli ambienti urbani.