Verdi tedeschi, le ragioni del grande consenso in Baviera - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Verdi tedeschi, come sono diventati il più importante partito in Europa (foto)

Al centro del campo non solo in Germania dove il co-presidente, Habeck, è super popolare. In azione, sempre in prima fila, nei land tedeschi. Ovunque con donne molto capaci, competenti. E tostissime

Condivisioni

Non ci sono solo i numeri, i programmi, gli obiettivi, ma anche e innanzitutto le facce, i leader, a fare dei Verdi tedeschi la più importante novità, ormai solo e sempre in crescita, nello scacchiere politico europeo. Mentre i Grünen sono, stando a tutti i sondaggi, la prima forza politica in Germania, senza sprecare neanche un voto e un consenso, il loro co-presidente, Robert Habeck, è al vertice della classifica del gradimento, subito dopo l’inossidabile Angela Merkel, dei personaggi della prima linea della politica tedesca. In pratica Habeck, considerando che la Merkel  cammina con straordinaria autorevolezza nazionale e internazionale verso la pensione, è l’uomo politico più popolare in Germania, con percentuali da brivido per i due ormai ex grandi partiti, Cdu e Spd.  Solo per dare un’idea: Annegret Kramp-Karrenbauer, che ha già preso il posto della Merkel al timone della Cdu, ha un gradimento nei sondaggi  pari alla metà di quello di Habeck. L’altro co-presidente dei Verdi tedeschi è Annalena Baerbock, con studi alla London School of Economics e una grinta, anche nel linguaggio, davvero impressionante.

VERDI TEDESCHI

La Baerbock è un personaggio da studiare per capire non solo le radici del successo dei Verdi in Germania, ma anche la profondità e la modernizzazione del loro programma politico. Molto condiviso dalle fasce giovanili della popolazione e dell’elettorato. Per esempio: i Grünen tedeschi spingono per l’uscita totale della Germania dal carbone, anche se sono consapevoli che si tratta di un percorso da fare a tappe, e non in un minuto; condividono la bussola dei 17 goal dell’Agenda Onu 2030 per lo Sviluppo sostenibile; non accettano passi indietro rispetto agli accordi Parigi sul clima. Si battono per i diritti sociali, specie dei giovani: dallo studio alla casa e agli alloggi popolari, dal lavoro al godimento del tempo libero. E per trovare risorse con le quali finanziare il welfare nazionale ed europeo, i Grünen tedeschi sono molto espliciti nel chiedere tasse versate, e non evasione fiscale, ai giganti americani del web. Tasse da pagare in Europa. Come i tributi fiscali, previsti anche per scoraggiare un certo tipo di consumi, proposti dai Verdi su buona parte del lunghissimo elenco dei prodotti usa-e-getta ancora in circolazione. Oggetti, ricordiamolo, quasi sempre di plastica. Al contrario, secondo i Grünen tedeschi, lo sviluppo dell’economia circolare non può non passare anche per forme di incentivazione e di benefici fiscali.

LEGGI ANCHE: Verdi, ecco dove in Europa riescono a fare la differenza in nome della sostenibilità (foto)

E veniamo alla presenza dei Verdi sul territorio tedesco, nei diversi land. L’onda lunga di questo schieramento politico in Germana ha iniziato a gonfiarsi nell’ottobre del 2018, quando i Verdi sono stati il secondo partito più votato nel land tedesco della Baviera, raddoppiando il numero delle preferenze rispetto al 2013. Exploit che si è ripetuto qualche settimana più tardi, il 29 ottobre, anche in Assia,dove sono passati dall’11,1 al 19,8 per cento. Due risultati che certificano l’evoluzione di un movimento che in questi anni ha cominciato a proporre una visione che affascina sempre più tedeschi in tutta la Germania. I Verdi, infatti, si sono presentati agli elettori con un programma equilibrato, completamente in antitesi rispetto alla narrazione dei partiti sovranisti, populisti e anti Europa, che sta andando per la maggiore in diversi angoli del vecchio continente.

VERDI IN GERMANIA

Per riuscire in quest’impresa si sono emancipati dal radicalismo ecologista della prima ora, pur continuando a portare avanti numerose istanze ambientaliste, e hanno ampliato il loro raggio d’azione proponendo un programma di governo fondato sull’integrazione e immigrazione controllata, politiche in favore delle donne e una proposta economica moderata e liberale. A completare la ricetta vincente la profonda crisi dei partiti occidentali tradizionali e una leader empatica e capace come la bavarese Katharina Schulze.

PER APPROFONDIRE: Il manifesto della Sostenibilità e del nostro sito. Non sprecare, un libro che segna una nuova epoca.

LA STORIA DEI VERDI TEDESCHI

I Verdi tedeschi, per come li conosciamo oggi nascono nel 1993 come aggregazione di due movimenti precedenti. Uno di questi (che aveva lo stesso nome degli attuali, ‘I Verdi’) era attivo nella Germania occidentale e, negli anni Settanta, era riuscito a riunire gli ambientalisti e i pacifisti che si opponevano all’uso dell’energia nucleare e si battevano per migliorare la qualità della vita nelle grandi città. Dopo la fusione con Alleanza 90, il secondo movimento nato nella Repubblica Democratica Tedesca, il partito ha vissuto fortune altalenanti fino al 2011 quando le preoccupazioni sull’energia nucleare dopo il disastro giapponese di Fukushima hanno rafforzato la loro base elettorale. Partendo da questo zoccolo duro di consenso, la classe dirigente ha cominciato a dare forma a un partito in grado di proporsi come forza di governo, mettendo in secondo piano le istanze di sterile protesta.

LO SPAZIO POLITICO DEI VERDI 

In Germania, negli scorsi decenni, hanno dominato due forze in alternanza, i socialdemocratici (Spd) e i conservatori (Csu e Cud), con uno spazio marginale per una terza forza (i liberali della Fdp, l’estrema destra di Afd, Alternativa per la Germania, e gli stessi Verdi). Adesso però cambia tutto. I Verdi sono stati in grado di pescare voti sia a destra, sia a sinistra, riuscendo a intercettare la marea montante di consensi in uscita dall’area dei conservatori e da quella dei socialdemocratici. E lo hanno fatto contrastando il populismo di Afd, e non inseguendoli sul loro terreno come hanno provato a fare i moderati della Csu, e la deriva dei socialdemocratici. Oggi i Verdi sono un partito istituzionale, che vuole più Europa e più equilibrio nell’Unione, moderatamente di sinistra, e profondamente ecologisti. Con una forma di moderatismo buono e liberale, che protegga le istituzioni, e difenda gli uomini e l’ambiente.

Questo è lo spazio politico dei Verdi tedeschi, che oggi sono molto distanti dallo stereotipo che li associava all’estrema sinistra. Tanto che lo schieramento è stato in grado di smontare anche un altro luogo comune della politica in declino, ovvero la crisi irreversibile dei ‘Volkspartei’, i partiti popolari. I Verdi dimostrano, al contrario, che i partiti popolari quando hanno buone idee e buona classe dirigente sono più vivi che mai.  

IL PROGRAMMA DEI VERDI IN GERMANIA

Per riuscire in questa impresa hanno presentato un programma molto articolato che affronta le principali criticità con le quali ha a che fare gran parte dei Paesi europei. Sul tema immigrazione, ad esempio, hanno proposto ricette per migliorare il processo di integrazione di chi arriva e allo stesso tempo propongono di controllare i flussi, ma senza limiti di ingressi prestabiliti. Al centro delle programma rimane ovviamente l’ambiente che si declina con la diffusione dell’energia rinnovabile e di quella solare, con un vero e proprio ‘Manifesto per una Bio-Baviera’. Con l’obiettivo di ridurre drasticamente l’inquinamento causato dalle emissioni delle automobili e sostenere le industrie più ecologiche. Nella ricetta di governo i verdi propongono anche l’abbattimento delle barriere a favore di disabili e anziani, e pari opportunità per donne e uomini. Una delle proposte è ad esempio l’apertura di un numero maggiore di asili per consentire alle mamme di andare a lavorare. Molto forte anche il posizionamento contro la discriminazione di razza e di religione, e degli omosessuali. Infine si batte per la digitalizzazione, con un maggiore uso di internet, sia nel pubblico che nel privato, ma allo stesso tempo dichiara lotta senza quartiere per la difesa dei dati personali degli utenti.

KATHARINA SCHULZE

Oltre al programma, però, Il successo annunciato dei Verdi in Baviera ha anche un nome e un volto. È quello della giovane Katharina Schulze, sicuramente uno dei personaggi più in vista nell’establishmente dei Verdi tedeschi. Trentenni, ha incarnato per tantissimi bavaresi il simbolo del cambiamento, e una promessa per il futuro. La sua militanza nei verdi risale al 2009, quando viene eletta leader dei giovani della Baviera. In soli due anni riesce a diventare capo del partito bavarese e nel 2013 entrata nel Parlamento regionale, dove dal 2017 guida i deputati verdi. Prima di abbracciare politica ha studiato psicologia e nel “curriculum” vanta una campagna presidenziale americana da volontaria al seguito di Barack Obama nel 2008. Grande oratrice, in campagna elettorale predica europeismo e maggiore sicurezza per le strade, auspicando allo stesso tempo maggiori politiche di integrazione e un’immigrazione controllata.

PRISKA HINZ

Ogni land tedesco ha il suo leader, la sua faccia del cambiamento e della nuova economia declinata secondo il programma dei Verdi. Così in Assia, l’altra regione del trionfo dei Verdi dopo la Baviera, Priska Hinz è la più popolare ministra dell’Ambiente mai vista al lavoro in un land tedesco. In soli 5 anni è riuscita ad aumentare del 50 per cento l’agricoltura biologica, facendo contenti agricoltori, venditori e consumatori. Tra le sue battaglie, anche queste fuori dal vecchio e ideologico perimetro dell’ambientalismo anni Settanta e molto ancorate all’idea larga della Sostenibilità, ci sono anche quelle contro il caro-affitti in tutte le più importanti città dell’Assia e la salvaguardia degli animali a rischio.

ROBERT HABECK

La presidenza nazionale del partito è affidata ad Annalena Baerbock e Robert Habeck. Quest’ultimo, 49 anni, nel mese di gennaio 2019 ha deciso di chiudere i suoi profili su Facebook e Twitter dopo aver ricevuto molte critiche per un video che aveva messo online e a seguito della pubblicazioni conversazioni private rubate nel recente attacco hacker contro diversi politici tedeschi. La scelta, ha spiegato Habeck, è stata sofferta, perché Facebook e Twitter sono ancora uno dei modi più facili per comunicare con l’elettorato, ma inevitabile perché secondo il politico erano evidenti le difficoltà che aveva avuto ad usare le due piattaforme. “Twitter – ha dichiarato Habeck nella nota in cui annuncia il suo oscuramento da questi social – è più aggressivo di qualsiasi altro mezzo digitale, e non c’è altro social con così tanto odio, malizia e istigazione” e che “fa scattare qualcosa in me: mi fa essere più aggressivo, più chiassoso, più tagliente”. Un vero e proprio istigatore, in grado di tirare fuori il peggio. Ragione per la quale è meglio non avvalersi di queste piattaforme, anche a fronte di potenziali svantaggi elettorali. Una scelta coraggiosa e controcorrente. 

La foto sono tratte dai profili social dei tre rappresentati politici.

STORIE DI POLITICA VIRTUOSA: