Un film sul rapporto tra microplastiche e balene | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Un film sul rapporto tra microplastiche e balene

Sono capaci anche di auto-medicarsi. Una lunga e approfondita campagna di studi subacquea, tra Hurghada ed El Gouna, nel Mar Rosso sulla costa egiziana, ha dimostrato che i delfini sanno curarsi da soli. Uno alla volta e in fila, si avvicinano ai fondali per poi strofinarsi su alcuni tipi di coralli, della specie Rumphella aggregata Sarcophyton, e le spugne del genere Ircinia. Ecco come si curano i delfini.

COME SI CURANO I DELFINI

Una parte del muco colorato prodotto dai corallie dalle spugne rimane attaccato alla pelle dei delfini: si tratta di sostanze che i cetaceiusano come antimicrobici e antiossidanti. La cosa interessante è che i delfini giovani apprendono dagli adulti l’auto-medicazione e iniziano anche loro a strofinarsi dopo un anno di età. Ed è così che si curano i delfini.
come si curano i delfini

LEGGI ANCHE: Delfini: una malattia di acqua dolce li ammazza. Il climate change ne è responsabile

COME RESPIRANO I DELFINI

I delfini, seppur animali marini, appartengono alla famiglia dei mammiferi e come tali, respirano attraverso i polmoni. Per fare ciò quindi devono risalire in superficie, immagazzinare aria e trattenere il respiro per tutto il tempo d’immersione. Curioso vero? E ciononostante, riescono a nuotare senza riemergere per oltre trenta minuti. In seguito, espellono l’aria da uno sfiatatoio presente sul capo, proprio come nel caso di altri cetacei.

COSA MANGIANO I DELFINI

É incredibile come siano intelligenti e veloci a comprendere cosa fare. Ed è straordinario il come si curano i delfini nei fondali oceanici. E tra le tante attività in cui sono impegnati, questi cetacei sono abili cacciatori. Prediligono una dieta carnivora prevalentemente a base di  pesce, crostacei, tartarughe marine e molluschi. Ma nonostante abbiano numerosi denti, ingoiano il cibo senza masticare. Inoltre, come accade per i mammiferi terrestri, i piccoli sono allattati dalla madre e si alimentano per circa un anno e mezzo esclusivamente di latte materno.

COSA PIACE FARE AI DELFINI

I delfini sono degli animali sociali che amano portare avanti le loro attività in compagnia, in branchi anche da oltre 1.000 esemplari. Insieme adorano cacciare, giocare e sfidarsi in competitive gare di nuoto. Per non parlare delle acrobazie e i salti fuori dall’acqua, che utilizzano sia per la caccia sia per puro divertimento.
i delfini sono pericolosi per l'uomo

QUANTO DURA LA VITA DI UN DELFINO

Un delfino comune ha un’aspettativa di vita piuttosto duratura, circa 50 anni, ma solo se in cattività e libero di vivere in mare aperto. Infatti, da uno studio condotto sui cetacei si è evinto che gli esemplari rinchiusi in delfinari o strutture adibite ad attrazioni turistiche in media vivono meno della metà degli anni di un loro compagno nell’oceano. Per questa ragione, sono sempre maggiori le proteste innalzate per cercare di chiudere o limitare zoo e attività affini che lucrano a discapito della vita degli animali. Così da evitare di sprecare le loro vite.

I DELFINI MORDONO

Nell’immaginario collettivo siamo abituati a considerare il delfino come un animale dolce, giocherellone e a cui piace vivere in compagnia. Eppure, questo cetaceo nasconde molto di più. E sì, il delfino può mordere e tra loro non si risparmiano di un colpo. Ciò è stato comprovato anche in una ricerca condotta da un team di scienziati dell’ Università del Massachusetts. Attraverso questo studio, i ricercatori hanno evidenziato come gli esemplari di queste specie siano veri e propri opportunisti, con comportamenti aggressivi e cattivi solo per il gusto di esserlo. Inoltre, se non gli è riconosciuta l’autorità dovuta dal gruppo, sono perfino stupratori. Pertanto, si delinea un quadro del tutto differente da quello che ci si possa aspettare.

I DELFINI SONO PERICOLOSI PER L’UOMO

In genere i delfini non sono pericolosi per l’uomo, ma come accade per qualsiasi animale in cattività, meglio non avvicinarsi troppo e non cercare di disturbarli. In alcune occasioni può capitare che l’esemplare possa colpirci con la pinna posteriore o che salti sull’uomo, ma nulla di pericoloso o di preoccupante. Ad ogni modo, è pur sempre consigliato lasciare che gli animali vivano in pace e non vengano stuzzicati o infastiditi solo per il gusto di farlo.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

PER APPROFONDIRE:

Share

<