Questo sito contribuisce all'audience di

Vacanze in Egitto, come chiedere i rimborsi

Il ministero degli Esteri ha sconsigliato ufficialmente i viaggi in Egitto. Ecco cosa fare in caso di cancellazione da parte del tour operator o se vuoi annullare il viaggio.

Condivisioni

Il ministero degli Esteri ha sconsigliato ufficialmente i viaggi in Egitto. Ecco cosa fare in caso di cancellazione da parte del tour operator o se vuoi annullare il viaggio.

In caso di cancellazione del pacchetto turistico da parte del tour operator prima della partenza, il consumatore ha due alternative:

  • può usufruire di un altro pacchetto turistico di qualità equivalente o superiore, senza supplemento di prezzo, o di un pacchetto turistico qualitativamente inferiore previa restituzione della differenza del prezzo;
    •  può richiedere il rimborso della somma di denaro già pagata, entro 7 giorni lavorativi dal momento della cancellazione.

È possibile decidere di annullare il proprio viaggio per causa di forza maggiore, recedendo dal contratto senza penali. Puoi quindi recarti in agenzia di viaggi, oppure comunicare il recesso per iscritto (raccomandata, fax o e-mail) al tour operator, sulla base della raccomandazione ufficiale del ministero degli Esteri.

Federconsumatori tuttavia ha denunciato comportamenti scorretti e migliaia di richieste di aiuto da parte dei cittadini che avrebbero dovuto partire per l’Egitto.

I tour operator, notano, non offerono opzioni di viaggio diverse, trattengono illegittimamente delle somme dai rimborsi (dai 60 ai 100 euro) motivandole come quota di iscrizione.

LEGGI ANCHE Spiagge low cost: le migliori offerte

Oltre a ciò, segnala l’associazione, alcuni operatori chiedono maggiorazioni (non dovute) per il cambio di destinazione, richiedono penali per l’annullamento. Comportamenti del tutto ingiustificati, dal momento che l’Art. 42 del Codice del Turismo prevede chiaramente che, qualora al cittadino non venisse offerta una soluzione di viaggio alternativa, questi ha diritto alla restituzione integrale di quanto versato.

Per far valere tale diritto Federconsumatori ha messo a disposizione dei cittadini un modulo di reclamo condiviso con Fiavet e altre associazioni dei consumatori.

Per scaricare il modulo di reclamo clicca qui.