Questo sito contribuisce all'audience di

SolarCity

di Posted on
Condivisioni

La quantita’ di luce solare che raggiunge la superficie della Terra in un’ora, contiene abbastanza energia da soddisfare i bisogni energetici mondiali di un anno intero , afferma Susan Hockfield, direttore del Massachusetts Institute of Technology di Boston. Non che il concetto sia sorprendente: lo sono i numeri, le quantita’. Tanto che un’infinitesima parte di quella quantita’ diventa la metafora di un quartiere. Siamo a Linz, in Austria. qui che il sole gioca, da qualche anno, un ruolo talmente importante dal punto di vista energetico da far ragionevolmente parlare di citta’ solare. E proprio Solar City e’ il nome di un nuovo quartiere residenziale a pochi chilometri dal centro di Linz, un modello esemplare di sostenibilita’ a costi contenuti, applicata a un intero distretto urbano. Solar City e’ il futuro, o meglio, dovrebbe esserlo. Siamo diventati abbastanza bravi a progettare il singolo edificio a basso consumo, la casa “passiva” o addirittura “attiva”. Un esempio e’ quella costruita quest’anno nella periferia della cittadina danese di Aarhus e ideata da Rikke Lildholdt: una casa non solo autosufficiente dal punto di vista energetico, ma addirittura in grado di produrre piu’ energia di quella necessaria all’abitazione stessa. Se pero’ vogliamo ottenere un vero risparmio energetico, dobbiamo ragionare, come minimo, su scala di quartiere, aspettando quella della citta’. E cosi’ Solar City, attraverso l’utilizzo intensivo dell’energia solare e di altri accorgimenti, e’ oggi il nostro fiore all’occhiello, almeno nel metodo. Non e’ il solo. Esperienze simili si trovano a Friburgo, nei quartieri di Vauban e Rieselfeld. E prima ancora a Londra, nel quartiere pionieristico di Bed- Zed, progettato da Bill Dunster.

Dichiarata Capitale Europea della Cultura 2009, Linz puo’ anche definirsi, al pari di quegli esempi, una delle capitali della cultura sostenibile. E puo’ farlo da tempo, poiche’ il primo avvio di una politica di edilizia sociale a basso consumo energetico risale ai primi anni ’90, quando la municipalita’ cittadina commissiono’ al veterano dell’urbanistica viennese Roland Rainer il nuovo piano regionale urbano e il masterplan per un nuovo quartiere residenziale, programmato, con lungimiranza, per accogliere fino a 25mila abitanti. In quegli anni circa 12mila persone stavano cercando alloggio nella citta’ austriaca, che pero’ non poteva offrire spazi sufficienti all’interno dell’area urbana. Contemporaneamente, era gia’ alto l’allarme per il consumo di combustibile fossile come principale causa dell’effetto serra. Cosi’ nacque l’idea di Solar City: un ampio progetto insediativo interamente pensato secondo criteri di eco-sostenibilita’ su larga scala. L’area di sviluppo designata, intorno a Pichling (7 km a sud del centro di Linz), e’ immersa in una regione caratterizzata da piccoli laghi e dalle paludi del Traun-Danube, uno dei biotipi naturali piu’ grandi e continui dell’Austria settentrionale.

L’architetto Thomas Herzog, pioniere della progettazione sostenibile fin dagli anni ’70, fu incaricato di coordinare un team molto qualificato di progettisti (Norman Foster, Richard Rogers, Renzo Piano, l’ingegnere Norbert Kaiser, il paesaggista Peter Latz: tutti raggruppati sotto il nome di Read, Renewable Energies in Architecture and Design). L’obiettivo era affrontare, con i principi messi a punto nei cosiddetti eco-edifici, la complessita’ della scala urbana in un contesto delicato. Il tutto anche grazie ai finanziamenti di Bruxelles, puntualmente erogati nel ’95 quando l’Austria entro’ a far parte della Ue, e a un accordo economico con 12 imprese di costruzione no profit (margine di guadagno massimo, il 3 per cento).

Sempre nel ’95 inizio’ la progettazione architettonica. Nel 2001, la costruzione parti’. Oggi Solar City e’ in parte realizzata e vi abitano circa 3.200 persone, destinate ad aumentare. La struttura e’ stata pianificata secondo criteri di ecologia tipici della cultura mitteleuropea: la ricerca di densita’ urbana, il mix sociale (prevalentemente coppie giovani) nonche’ una flessibilita’ capace di offrire diverse possibilita’ di fruizione degli alloggi, alcuni a libero mercato, altri a carattere sociale. Il progetto e’ organizzato intorno a una serie di densi nodi urbani multifunzionali, quattro nuclei disposti intorno a una piazza centrale con il Tower Centre, la struttura progettata da Auer e Weber, che riunisce servizi e attrezzature, tra cui biblioteca, centro sociale, presidio sanitario, farmacia, banche e negozi. Altro nodo a vocazione non residenziale e’ lo School Centre, progettato da Foster e Weismann, con scuola elementare, nursery e attivita’ integrate (ovvero, quelli che Herzog chiama i magneti sociali del quartiere). Ogni area e’ facilmente raggiungibile a piedi, da ogni punto. L’uso dell’automobile e’ infatti scoraggiato (va da se’), e sostanzialmente proibito nelle parti residenziali. Una linea metropolitana leggera collega direttamente Linz-Pichling al centro della citta’. Una rete di percorsi ciclo- pedonali, protetti dal traffico, mette in comunicazione le varie parti del quartiere e i laghi vicini. Un vero campionario di sostenibilita’ applicata si dispiega negli impianti e nei dettagli: la forma compatta degli edifici, il loro giusto orientamento bioclimatico, i frangisole regolabili per la protezione in estate, le serre, i giardini d’inverno, le ampie superfici aperte o le vetrate protette da aggetti e balconi, la copertura dei passaggi pedonali con vetrate policrome e specchi riflettenti.

E ancora: l’energia solare per produrre elettricita’ e acqua calda, la ventilazione controllata con recupero di calore, le centraline sotterranee per il riscaldamento e il raffreddamento dell’aria, la separazione delle acque di scarico e il recupero dell’acqua piovana, fino alla separazione delle urine e il loro invio ai campi agricoli attraverso l’uso di toilette speciali.

cio’ che Thomas Herzog (ma non solo lui) definisce progetto invisibile, quell’insieme di cose che fanno di un semplice edificio un vero organismo per il benessere ambientale. Se, invece di parlare di poesia, arte ed estetica, rivolgo la mia attenzione alle problematiche del microclima interno, del consumo energetico e dell’economia, sto forse perdendo di vista l’oggetto dei miei interessi o della mia professione?, si chiedeva retoricamente in una recente conferenza. Spero, invece, che si possa affermare che le une sono le basi delle altre, anche se noto che l’architettura e’ sempre molto radicata nella materia e si interessa ancora solo occasionalmente della galassia della ricerca applicata. A Solar City, secondo gli auspici di Herzog, l’architettura va oltre la materia, fino ad arrivare al buon comportamento, ai modi di organizzare gli spazi di vita della comunita’. Per esempio, per quanto riguarda i giardini, ogni proprietario e’ responsabile della propria porzione e ne risponde alla collettivita’. La stessa attenzione e’ rivolta alla qualita’ degli spazi pubblici, per il gioco dei bambini e il tempo libero. Qui, pero’, non e’ solo questione di architettura: e’ una tradizione della cultura germanica, e il risultato di una politica di lungo periodo.

http://dweb.repubblica.it/fotovideo/home/8626860?ref=rephpsp1