Riflessologia plantare: cos'è e quanto costa | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Riflessologia plantare: che cosa cura e quanto costa

Dal mal di testa ai dolori alla schiena. I benefici di una medicina complementare che ha 5mila anni di vita. Con nuove ricerche molto promettenti

Aiuta contro l’insonnia, la depressione e le intolleranze alimentari. Può avere effetti benefici per i dolori alla schiena, al collo e ai muscoli. La riflessologia plantare ha origini molto antiche, ma negli ultimi tempi gli studi scientifici confermano la sua validità e ne hanno rilanciato l’uso. Anche per rallentare malattie molto gravi come l’Alzheimer e il Parkinson.

CHE COS’È LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE

La riflessologia plantare è una medicina complementare, con la quale si utilizzano alcuni punti della pianta dei piedi, con un’adeguata pressione oppure con un massaggio, per ottenere benefici e alleviare disturbi o patologie presenti in altre parti del corpo. In pratica, le riflessologie sono la proiezione di tutto il corpo su una determinata parte di esso.

LEGGI ANCHE: Agopuntura: quando serve e dove è gratis

STORIA DELLA RIFLESSOLOGIA PLANTARE

Le antiche popolazioni indiane e cinesi avevano già intuito 5.000 anni fa il potere del massaggio su specifiche aree corporee per il controllo del dolore. Intuizione fatta propria dagli Egiziani, che la tramandarono nei secoli. Fu, però, solo motti secoli dopo, nel 1861, che un neurologo britannico, il dottor Henry Head (nella foto), dimostrò l’esistenza di una relazione neurologica tra la pressione su alcune parti del corpo e gli organi interni.

COME FUNZIONA LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE

La riflessologia plantare funzione con questo principio di base: sul piede di destra risiedono le zone riflesse degli organi che si trovano nella parte destra del corpo; sul piede di sinistra, invece, ci sono le corrispondenze con gli organi che si trovano nella zona sinistra del corpo. Esempi: massaggi e stimolazioni sul piede sinistro possono avere effetto sulla milza, sul fegato, sul cuore e sull’intestino; sul piede destro, invece, i riflessi andranno a beneficio del polmone destro. Inoltre secondo la riflessologia plantare, il piede di sinistra indica la sfera familiare, degli affetti e delle emozioni. Il piede di destra indica invece l’ambito sociale e professionale.

CHE COSA SI PUÒ CURARE CON LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE?

Con la tecnica della riflessologia plantare si possono affrontare diverse patologie. E in particolare:

  •  trattamento del dolore oncologico
  •  artrite reumatoide
  •  ansia e stress
  •  cefalee
  •  nevralgie e neuropatie

 A COSA SERVE LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE?

Una ricerca scientifica sulla riflessologia plantare, condotta dal Centro di Neurostimolazione dell’Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, e pubblicata sulla rivista Neurological sciences, ha dimostrato che questa stimolazione dei piedi ha un effetto sul flusso di informazioni nervose, sia a livello cardiaco sia a livello cerebrali. E dunque la riflessologia plantare migliora la concentrazione e la memoria, aiuta per:

  • depressione
  • disturbi del sonno
  • dolori neuromuscolari
  • dolori alla schiena
  • dolori al collo
  • problemi del metabolismo
  • intolleranze alimentari
  • reflusso gastroesofageo
  • cattiva digestione
  • gastrite
  • colite
  • stitichezza
  • addome gonfio,
  • riequilibrio del senso di fame
  •  disturbi del ciclo mestruale
  • amenorrea e dismenorrea
  •  disagi della menopausa
  • aumento di peso
  • stanchezza cronica
  • piedi e gambe gonfie
  • alluce valgo

PER APPROFONDIRE: Scale a piedi: la migliore ginnastica per dimagrire

RIFLESSOLOGIA PLANTARE E PARKINSON

Proprio grazie agli effetti della riflessologia plantare sul cervello, la nuova frontiera degli studi su questa medicina complementare si è concentrata su possibili benefici per i malati di Parkinson. Sul sito dell’Humanitas sono riepilogati alcuni di questi vantaggi. La stimolazione dell’avampiede, bilateralmente, provoca, per esempio, un miglioramento della deambulazione dei malati di Parkinson già nelle 24 ore successive al trattamento. E questo potrebbe portare a una riduzione dei farmaci, costosi e carichi di controindicazioni, che oggi vengono utilizzati proprio con l’obiettivo di migliorare la deambulazione. Farmaci, tra l’altro, con un’efficacia molto più lenta e limitata nel tempo rispetto alla riflessologia plantare.

QUANTO COSTA LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE

La riflessologia plantare ha costi che variano, e di molto, sulla base della variabile del luogo dove si svolgono i trattamenti. Il costo di una seduta in studio, per un’ora, è tra i 40 e i 50 euro. Per lo stesso tempo e per lo stesso trattamento si sale a 90-100 euro nel caso di una seduta a domicilio. Nelle fasi acute si possono fare anche tre sedute alla settimana; per il mantenimento, invece, sono sufficienti una-due sedute ogni sette giorni.

RIMEDI NATURALI PER LA CURA DEI PIEDI:

Share

<