Privatizzazione Atac - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Atac, c’è un solo modo per fermare gli sprechi e dare autobus dignitosi ai romani: privatizzarla

L'azienda, con quasi 1 miliardo e 500 milioni di euro, è di fatto fallita. E nessuno può risanarla in queste condizioni. Meglio separare il destino della vecchia società e farne una nuova, da affidare ai privati.

di Posted on
Condivisioni

PRIVATIZZAZIONE ATAC

C’è un solo modo per sottrarre l’Atac, l’azienda del trasporto pubblico di Roma, all’orgia degli sprechi che l’ha devastata e restituire ai cittadini un servizio decente: privatizzarla. Come propongono i radicali italiani attraverso un referendum che questo sito sposa in pieno invitando i suoi lettori a condividerlo.

L’alternativa è continuare a sperperare denaro di tutti i cittadini, non solo dei romani, per avere autobus schifosi, accumulare altri debiti su debiti, e dare spazio solo alle peggiori clientele e all’assenteismo cronico nel quale è precipitata la società. I numeri sono chiari, noti a tutti e non ammettono ipocrite scorciatoie. L’Atac, e non da oggi, è un’azienda arci fallita, con un miliardo e 400 milioni di debiti. Un crack, altro che dissesto, al quale si aggiungono i tassi di assenteismo dei 12mila dipendenti più alti d’Italia, gli autobus rotti e bloccati nei depositi per mancanza di soldi per l’acquisto dei pezzi di ricambio, un’evasione dei biglietti da parte dei passeggeri che non ha uguali in Europa.

LEGGI ANCHE: Abbiamo gli autobus più vecchi e inquinanti d’Europa. Ma troppi viaggiatori non pagano il biglietto

REFERENDUM PRIVATIZZAZIONE ATAC

In queste condizioni bisogna solo portare i libri in tribunale, liquidare l’Atac fallita – mettendola in una scatola chiamata bad company – e ripartire da zero con una nuova Atac non più zavorrata da una montagna di debiti. E in grado, almeno sulla carta, di svolgere l’attività di gestione del trasporto cittadino in modo efficace, efficiente, trasparente. E innanzitutto, senza sprechi di alcun genere.

Ma che cosa significa privatizzare la nuova Atac? Provo a spiegarlo cercando di scansare la trappola della demagogia a buon mercato. Affidarsi ai privati non significa che il Comune alzi le mani in segno di resa lasciando campo libero ai nuovi padroni: al contrario, senza l’incubo della gestione quotidiana, l’amministrazione potrà e dovrà controllare i risultati della gestione e il gradimento dei cittadini, e sarà in grado di ottenere gli investimenti necessari per il buon funzionamento del servizio. Il bottino dunque, è e resta nelle mani del comune.

privatizzazione-atac-referendum-radicali (2)(Credits: rarrarorro / Shutterstock.com)

REFERENDUM ATAC RADICALI

Il vero e radicale cambiamento è un altro. Una volta privatizzata, l’Atac finirà di essere il regno degli sprechi, degli appalti truccati, del più becero clientelismo di partiti e sindacati. E diventerà un’azienda normale, con una gestione normale, dove i conti devono quadrare. Tutti i conti: quelli della società e quelli degli utenti che oggi perdono ore e ore alle fermate degli autobus nella Capitale.

Aziende private e pubbliche in grado di garantire questi risultati in Italia non mancano. E un esempio sarebbe la società delle ferrovie, controllata dallo Stato che intende entrare nel mercato del trasporto locale. Convinta, come i suoi concorrenti, che con gli autobus si possa guadagnare, senza sprechi, e allo stesso tempo servire i cittadini che hanno il diritto a un trasporto pubblico locale all’altezza di una qualsiasi Capitale europea.

(Credits immagine di copertina: Tupungato / Shutterstock.com)

TUTTI GLI SCANDALI DEL TRASPORTO PUBBLICO: