Questo sito contribuisce all'audience di

I treni più lenti e vecchi d’Italia sono al Sud. Cambi e ritardi all’ordine del giorno

L'alta velocità che si ferma a Salerno. Collegamenti diretti inesistenti. Ore e ore di ritardi. La disagiante situazione ferroviaria del meridione che fa aumentare ogni anno la polemica

di Posted on
Condivisioni

I TRENI PIU’ LENTI D’ITALIA

In Italia sono tanti i pendolari che ogni giorno usufruiscono del servizio ferroviario: poco più di 5,51 milioni secondo Pendolaria 2017 di Legambiente. Un numero solo leggermente superiore rispetto a quello verificato nell’anno prima. La cosa sconvolgente è, però, la diseguaglianza di velocità che si verifica tra le regioni: mentre al nord la situazione è migliorata, nel meridione viaggiano meno treni, più vecchi e soprattutto più lenti.

LEGGI ANCHE: Biglietti del treno in saldo, il sito Lowcomotive che consente di acquistarli e venderli fino all’ultimo

PEGGIORI TRATTE FERROVIARIE ITALIANE

Basti pensare che il treno più lento d’Italia, per esempio, è l’Intercity, numero 721, che collega Messina centrale con Siracusa e che in otto mesi sono state accumulate cento ore di ritardi. Al secondo posto l’Intercity Roma-Palermo, che viaggia con un ritardo medio di mezz’ora, poco più dei ritardi che si accumulano sulla Freccia Bianca Milano-Taranto e sull’Intercity Triste-Taranto. Tra Ragusa e Palermo ci sono solo 3 collegamenti al giorno, tutti con un cambio, e in totale ci vogliono 4 ore e mezza per arrivare a destinazione. Tra Cosenza e Crotone, invece, non esistono collegamenti diretti: bisogna fare almeno un cambio e impiegare 3 ore di viaggio per percorrere 115 km. Atro problema è che al Sud poi l’Alta Velocità si ferma a Salerno.

PEGGIORI LINEE FERROVIARIE ITALIANE

PER APPROFONDIRE: Treno a idrogeno, ricavato dall’acqua: ci siamo. Ne partono 14 in Germania

Una situazione di estremo disagio, che verifica anche una riduzione dei passeggeri del 45%, come accade sulla Roma-Lido di Ostia, linea suburbana gestita da Atac. Oppure sulla Circumvesuviana, dove si è registrato un calo pari al 30% dell’offerta di treni. Per non parlare, poi, della chiusura di più di 1.323 chilometri di linee ferroviarie, come è successo in Molise, dove non esiste più un collegamento ferroviario con il mare. Al contrario, nelle regioni in cui si investe la cura del ferro il numero dei pendolari cresce e aumenta la voglia di spostarsi in treno. In Lombardia, ad esempio, nonostante le difficoltà su alcune linee, sono 735.000 i passeggeri che ogni giorno viaggiano sui treni regionali e in Friuli Venezia Giulia si è passati da 13mila a 21.500 viaggiatori.

Ma come mai così tanta differenza tra Regioni dello stesso Paese? Le cause sono sicuramente da addebitare nel modo diverso con cui queste realtà hanno gestito le politiche dei trasporti (riduzioni treni e aumento delle tariffe), con conseguenti tagli ai servizi ferroviari nel sud e aumento del costo dei biglietti. Un’altra nota dolente riguarda, poi, i finanziamenti stradali: è stato infatti investito solo il 13% contro il 60% utilizzato per le strade e le autostrade.

STORIE DI MOBILITA’ SOSTENIBILE DA NON PERDERE:

  1. Scuolabus a pedali, i bambini si divertono e i genitori non devono più prendere l’auto (foto e video)
  2. Bici elettrica station-wagon. Leggera, elegante, green. Con un neo: costa molto
  3. Venezia: nei canali i vaporetti diventano green e si muovono con olio da cucina esausto
  4. Auto ibride, come funzionano e quali vantaggi offrono. Meno consumi, meno costi. E meno smog
  5. I treni in Olanda vanno solo con il vento. Zero emissioni, 200 chilometri per ogni pala