Pay per view, l'alternativa low cost all'abbonamento pay tv | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Pay per view, l’alternativa low cost all’abbonamento pay tv

Condivisioni

Con la pay per view si paga solamente per la visione di singoli programmi e contenuti, con un risparmio tangibile sui costi. La televisione in chiaro ripropone frequentemente film visti e rivisti, spingendo un numero sempre maggiore di persone a sottoscrivere un abbonamento alla pay tv. Nelle offerte dei maggiori operatori (Sky e Mediaset Premium) sono, però, molto spesso inclusi pacchetti che magari non a tutti interessano (ad esempio, le partite di calcio per gli appassionati di cinema o i programmi per bambini per chi non ha figli).

La soluzione a questo genere di problemi è la pay per view, che ha il vantaggio di consentire la fruizione di un singolo programma televisivo (o un numero limitato di programmi), senza dover necessariamente acquistare un intero pacchetto e sottoscrivere un abbonamento. Mediaset Premium, ad esempio, permette di acquistare contenuti in pay per view attraverso la tessera Premium Ricarica o con addebito direttamente sulla fattura dell’abbonamento (per i titolari di Easy Pay).

L’emittente britannica, invece, offre Sky Primafila, un servizio che consente di acquistare singolarmente anteprime cinematografiche ed eventi sportivi, che verranno addebitati sul proprio abbonamento o scalati dalle apposite tessere di ricarica della Smart Card Sky.

La pay per view (letteralmente “pago per ogni singola visione”) è un tipo di abbonamento personalizzato in base alle reali preferenze dei suoi sottoscrittori. Dà, infatti, accesso a un numero più limitato di programmi televisivi, ma di sicuro interesse. In questo modo, si ha la sicurezza di pagare solamente per i contenuti video che si fruiscono.