Pane artigianale a domicilio Bologna - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Mylbread: la start-up bolognese che consegna pane a domicilio. Unendo modernità e tradizioni antiche

Una app progettata da tre giovani studenti di un master e nata per avvicinare gli artigiani del pane ai consumatori, a cui consegnano ceste di prodotti da forno con bici o auto elettriche. Scegliendo l'eccellenza dei panifici, come il Forno Brisa: buono, giovane e felice

Fare il pane è cool, ancora di più quando è parte di una grande rete di fattorini, panettieri e mangiatori di pane. A Bologna,i giovani riprendono possesso di un’antica tradizione, quella della panificazione, rinnovandola in chiave green e social, unendo pasta madre e competenze digitali. Sfornando prodotti belli, buoni e virtuosi.

LEGGI ANCHE: Clementine al posto delle merendine: l’idea di due giovani calabresi per non sprecare un’eccellenza locale

PANE ARTIGIANALE A DOMICILIO BOLOGNA

Come la app Mylbread, start-up pensata per la consegna a domicilio del pane di una volta, scelto privilegiando forni  che utilizzano solo lievito madre, farine di grani antichi macinate a pietra e una filosofia del lavoro che non sfrutti e non svilisca gli artigiani.

Una piattaforma online che permette di ordinare, singolarmente o con un abbonamento periodico, ceste di pane fresco, recapitato alla porta in bici o con macchine elettriche, rispettando l’ambiente.

Dietro alla app, tre  studenti che hanno scelto come focus dei propri studi il cambiamento delle abitudini alimentari a scapito delle piccole realtà artigiane virtuose. Gli utenti della piattaforma, infatti, hanno tra i 35/40 anni, hanno orari di lavoro che non consentono di andare a comprare il pane al forno e, soprattutto, preferiscono acquistare il pane al supermercato per praticità e anche perché c’è un gap tra gli artigiani e i consumatori che va colmato, ricreando un ponte di servizi e di informazione che faccia conoscere un prodotto sano, buono e di qualità maggiore.  Elena Galli, Danilo Perozzi e Lorenzo Salvi, le teste dietro al progetto,  hanno pensato a dare una risposta proprio a questo gap, puntando sul patrimonio culturale, antico, delle panetterie artigianali unendo il buono alla comodità, consentendo di  acquistare pane e prodotti dolciari biologici con consegna a domicilio o al lavoro nelle fasce orarie indicate dagli utenti come più comode. 

pane artigianale a domicilio bologna

PER APPROFONDIRE: La 166: a Potenza, dagli scarti, nasce la birra antispreco “buona come il pane”

PROGETTO MYLBREAD

Il progetto Mylbread nasce nel a settembre 2015, durante Expo Milano, nell’ambito del Food Innovation Program, master promosso dall’Università di Modena e Reggio Emilia, dove i tre giovani startupper si sono incontrati, accendendo la scintilla che ha portato alla app Mylbread e a tutte  le collaborazioni virtuose con i forni e gli artigiani del pane. Che, per essere parte della rete devono garantire standard di qualità molto elevati.

Per ora, solo della città di Bologna, come nel caso del Forno Brisa, eccellenza giovane della panetteria, nata da quattro ragazzi con studi sulla panificazione fatti con Gabriele Bonci e con Slow Food, un’età media in laboratorio di 23 anni e, soprattutto, tanta passione per la farina, il lievito e la felicità. Fondamentale, per il Forno Brisa, infatti, oltre alla qualità delle materie prime e la conoscenza assoluta delle tecniche di panificazione, con cui panificano anche le farine considerate “impanificabili”, è l’etica del lavoro, che deve essere stimolate, formativo e felice. Come nelle parole di Daniele Catena, del team Brisa, che dalle pagine del sito del Forno, racconta la sua esperienza: «Il mio sogno era “diventare il miglior maître del mondo. Lavoravo in un ristorante 2 stelle Michelin ed ero passato da Bologna per dare una sbirciata al forno. Ho trovato un’atmosfera tranquilla e felice e volevo anch’io quella felicità, così sono rimasto. Ho firmato un foglio bianco, quello era il mio contratto».

GIOVANI E START-UP:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share

Nessun commento presente

Che ne pensi?