Miele sostenibile | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Miele sostenibile, un certificato riconosce il lavoro delle api locali, a chilometro zero

La nuova certificazione è stata creata dalla World Biodiversity Association, presieduta da un apicoltore italiano. Avremo un miele fatto solo con le api del territorio. Nel rispetto della biodiversità

Api locali, a chilometro zero, riconosciute e certificate per proteggerle. E per qualificare il loro miele sostenibile. Il passo avanti è dovuto alla World Biodiversity Association, guidata dall’apicoltore italiano Paolo Fontana, che ha voluto così premiare i produttori più impegnati sul versante della sostenibilità e dare uno strumento in più ai consumatori per identificare un miele di alta qualità e molto specifico.

MIELE SOSTENIBILE

Che cosa comporta la certificazione del Wba? L’apicoltore che produce il miele certificato con questo marchio non potrà utilizzare né api di un altro territorio né spostare le arnie in cerca di alcune fioriture specifiche in altre zone. Tutto dovrà avvenire, secondo le leggi della biodiversità, e rispettando il ruolo ecologico, in loco, dell’ape, impollinatore di tutta la flora.

LEGGI ANCHE: A Milano meno cemento e più fiori, nasce l’autostrada delle api, per farle riprodurre

CERTIFICAZIONE MIELE SOSTENIBILE

L’Italia, in particolare, potrà molto beneficiare di questa certificazione, in quanto dal Friuli-Venezia Giulia alla Sicilia abbiamo diversi tipi di api. Con quattro sottospecie: l’ape nera, tra i confini con l’Austria, la Francia e la Svizzera; l’ape Carnica, al confine con la Slovenia; quella italiana, una delle più rare al mondo; e quella siciliana, della stessa famiglia delle api africane.

COME SALVARE LE API:

Shares