FaterSMART ricicla anche i rifiuti più inquinanti - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

FaterSMART, l’azienda che riesce a recuperare materiali riutilizzabili anche da pannolini e assorbenti

Inserito in pieno in un sistema di economia circolare, questo avanzato processo di riciclo consente ad ogni rifiuto di tornare ad essere utile in una nuova veste

Ridurre i rifiuti destinati alla discarica o all’incenerimento e aderire ad un nuovo e corretto metodo di riciclo. È questo l’obiettivo di FaterSMART, un’azienda veneta è composta da un gruppo di ricercatori italiani che, dal 2008, si impegnano a lavorare ad un brevetto innovativo in grado di sviluppare una tecnologia volta al riciclaggio di rifiuti domestici ad alto livello di inquinamento: pannolini usa e getta, diversi tipi di plastiche, polimeri molto assorbenti, ma anche cellulosa e scarti organici.

FATERSMART

Secondo i risultati Ispra, Rapporto Rifiuti Urbani del 2017: i pannoloni e tutti gli assorbenti igienici femminili rappresentano circa il 4% del totale dei rifiuti urbani in Italia. Questa percentuale corrisponde, numericamente, a circa 900mila tonnellate all’anno.

PERCORSO DEL RICICLO FATERSMART

Il Direttore generale dell’azienda, Giovanni Teodorani Fabbri, è intervenuto in occasione della Fiera sostenendo che si tratta di una sfida diventata realtà: oggi, riciclare i prodotti assorbenti per la persona è un processo semplice anche se frutto di una ricerca molto complessa.  

Nella prima fase del processo di riciclaggio, i prodotti assorbenti per la persona usati sono raccolti dagli operatori specializzati tramite il servizio porta a porta e presso strutture centralizzate. In seguito, il processo di recupero avrà inizio quando il materiale arriva presso l’impianto di riciclo pannolini.

LEGGI ANCHE: Keep the planet clean: pulire il pianeta partendo dal carcere. Recuperando talenti

RICICLO RIFIUTI

La seconda fase, quella centrale, è la più importante. Qui l’autoclave e l’essiccatore sterilizzano, pre-separano e asciugano i materiali, eliminando completamente i cattivi odori e possibili agenti patogeni. La fase finale, invece, è guidata da una batteria di separatori in serie tramite un sistema di cilindri rotanti che consente di separare e recuperare le materie prime seconde. È quindi una fase di ‘trattamento’ dei rifiuti, da cui si ottengono cellulosa, plastica e polimero super assorbente.

MODELLI VIRTUOSI RICICLO RIFIUTI

È un’iniziativa di riciclo speciale caratterizzata dall’utilizzo di: utili enzimi, geniali tecnologie, perseveranza e forte sensibilità ambientale. Al centro dei progetti di FaterSMART quindi l’importanza di realizzare nuovi impianti di riciclo come quello sviluppato dall’azienda presso il sito di Contarina di Treviso. Qui, l’impianto riesce a servire 1 milione di abitanti, e per tale motivo sarebbe bene replicarlo in tutta Italia per soddisfare il fabbisogno nazionale.

La foto è tratta dalla pagina Facebook di FaterSMART.

L’Azienda FaterSMART è in concorso per l’edizione 2020 del Premio Non Sprecare 2020. Per candidare i vostri progetti, seguite le istruzioni fornite qui. 

PREMIO NON SPRECARE EDIZIONE 2020:

Share