Aglio ornamentale: come si coltiva nel terreno e in un vaso

La famiglia è la stessa della pianta dell’aglio che usiamo in cucina. Ma i suoi fiori sono splendidi e durano tutta l’estate

L’aglio ornamentale, o anche allium giganteum, appartiene allo stesso genere dell’aglio che utilizziamo in tanti piatti in cucina, allium sativium, ma le sue qualità sono ben diverse. E riguardano innanzitutto gli splendidi fiori dell’aglio ornamentale.

AGLIO ORNAMENTALE

L’aglio ornamentale, con le sue foglie verdi che in alcuni casi presentano striature bianche, comprende circa 300 specie di bulbose, che molto danno alla tavola e ancor di più offrono alla bellezza del giardino. Le più belle e le più facili da coltivare sono quelle che in cima a steli nudi che formano grandi teste sferiche di fiorellini. Tra queste il primato di bellezza e durata spetta all’ibrido A. globemaster: alto circa 80 cm, ha fiori lilla-porpora che si rinnovano per 3-4 settimane o più.

LEGGI ANCHE: Dalia, il fiore preferito per i matrimoni

ESPOSIZIONE E CLIMA

L’aglio ornamentale è una pianta rustica, che si adatta in qualsiasi clima. Ma i risultati migliori si ottengono nelle regioni mediterranee: l’aglio ornamentale ama il sole e accetta anche la mezz’ombra per qualche ora al giorno. Sotto i 4-5 gradi di temperatura è bene portare la pianta all’interno, oppure coprirla molto bene con della plastica, in modo che non prenda vento e freddo.

TERRENO E CURE COLTURALI

Si adatta a qualsiasi terreno, purché ben drenato. Nei terreni piuttosto compatti e ricchi di humus, al momento della piantagione appoggiare i bulbi su uno strato di sabbia a ghiaino fine. Per conservarne la vigoria è utile la somministrazione, a inizio primavera, di un concime granulare ricco di potassio.

IRRIGAZIONE

Bisogna mantenere il terreno non eccessivamente umido in estate ed evitare i ristagni d’acqua. Ridurre drasticamente in inverno.  Anche perché l’allium è abituata ad accontentarsi dell’acqua che arriva dalla pioggia e dalla brina.

SEMINA E FIORITURA

L’epoca di piantagione dei bulbi è tra settembre novembre; con terreno asciutto e sciolto anche in dicembre. La fioritura è all’inizio dell’estate. I fiori dell’aglio ornamentale sono inconfondibili. Si tratta di grandi inflorescenze globose a ombrella, che possono avere un diametro tra i 10 e i 15 centimetri e un’altezza fino a 50-80 centimetri. Le infiorescenze sono composte da tanti fiorellini di colore bianco, rosa, porpora e violetto. Questi fiori, alternandosi con tanta frequenza, finiscono per durare tutta l’estate e finiscono soltanto con l’arrivo dell’autunno.

PER APPROFONDIRE: Aquilegia, il fiore che ricorda l’orchidea

COLTIVAZIONE IN VASO

L’aglio ornamentale è adatto, in terra aperte, per coprire, completare e abbellire una roccaglia. O anche per dare vivacità ed eleganza a una bordura. La sua coltivazione è molto facile anche in un vaso, l’importante è che ci sia un terreno profondo di almeno 40 centimetri e la stessa esposizione che abbiamo visto nel caso della pianta di aglio ornamentale messa nella terra aperta. Infine, stendete sul fondo 5 centimetri di biglie di argilla espansa.

PROBLEMI E RIMEDI

L’aglio ornamentale, in genere, può essere soggetto ad alcuni tipi di funghi dovuti a eccessiva umidità del terreno. Nel caso, diminuire drasticamente le annaffiature.

COME COLTIVARE:

KuBet
KUBet - Trò chơi đánh bài đỉnh cao trên hệ điều hành Android
Torna in alto