Questo sito contribuisce all'audience di

Bike to work: il progetto del Comune di Massarosa per incentivare l’uso della bicicletta

Tutti i lavoratori che scelgono di raggiungere l'ufficio in bicicletta ricevono un bonus di 25 centesimi per ogni chilometro percorso, con un tetto massimo di 6 euro giornalieri e 50 euro mensili.

Condivisioni

BIKE TO WORK MASSAROSA –

È noto che fare esercizio fisico la mattina aumenta il benessere e la salute. Il moto mattutino infatti ha numerosi vantaggi: ad esempio, permette di mantenersi in forma e migliora il metabolismo. Purtroppo, è sempre più difficile trovare il tempo per condurre uno stile di vita sano che bilanci la necessità di moto con lo stile di vita sedentario che spesso si è costretti a condurre. Nel tessuto urbano poi, è diventato sempre più complicato spostarsi, a causa del traffico che ogni anno aumenta l’impatto sulla qualità della vita: basti pensare alle ore perse in auto e ai costi legati al carburante che non risultano indifferenti.

Tanti motivi per scegliere la bicicletta per i propri spostamenti in città e soprattutto per recarsi al lavoro: un obiettivo portato avanti dal Comune di Massarosa attraverso il progetto “Bike to work”.

LEGGI ANCHE: I benefici della bicicletta, fa bene anche all’anima

Bike to WorkIL PROGETTO BIKE TO WORK DEL COMUNE DI MASSAROSA –

Il progetto “Bike to work” è stato avviato nel comune di Massarosa, in provincia di Lucca, guidato dal Sindaco Franco Mungai, tra il 2015 ed il 2016 e, attualmente, coinvolge 50 lavoratori selezionati con apposito avviso pubblico. Dopo aver concordato il “Patto per il rispetto delle regole del progetto sperimentale Bike to work e delle buone pratiche per il rispetto dell’ambiente” con l’ente, è stato avviato un meccanismo d’incentivi per i lavoratori “virtuosi”. La peculiarità del progetto consiste nel fatto che per ogni chilometro percorso in bicicletta, il lavoratore riceve 25 centesimi con un tetto massimo 6 euro giornalieri e di 50 euro mensili.

Il sistema delle rendicontazioni intermedie, delle autocertificazioni prodotte e l’app, permettono di monitorare l’andamento individuale rispetto agli obiettivi e agli indicatori prefissati, favorendo un continuo miglioramento del progetto stesso. Per garantire sicurezza ai dipendenti aderenti all’iniziativa, è stato installato un sistema di videosorveglianza sulle principali piste ciclabili. Per quanto concerne l’ideazione del progetto, l’amministrazione si è avvalsa di esperienze messe a disposizione gratuitamente da FIAB, determinante in fase di sviluppo e monitoraggio.

Bike to work è un progetto facilmente replicabile che migliora la qualità della vita e il rendimento sul lavoro. L’esperienza del Comune di Massarosa è un esempio anche per altre realtà e contesti sociali. Potrebbe essere infatti una valida alternativa anche per i ragazzi che quotidianamente affrontano il tragitto casa-scuola.

 Bike to Work

Il progetto è in concorso per l’edizione 2016 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

PER APPROFONDIRE: Al lavoro in bicicletta, in Francia c’è anche un contributo dello Stato

LEGGI ANCHE: