Bibliobus - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Bibliobus: libri itineranti per tornare a vivere dopo il terremoto. In Abruzzo, ma non solo…

Nasce a L'Aquila, nel 2009, all'indomani del terribile sisma, ma è possibile trovare le biblioteche su ruote in moltissimi progetti. Obiettivo è portare cultura e svago a chi, per un motivo o per l'altro, non può accedervi. E, per farlo, può bastare anche solo una moto. Come accade in Perù.

BIBLIOBUS

I libri curano. E non è una novità. Tant’è che sono spesso utilizzati come “bene di conforto” dopo traumi vissuti, esperienze tragiche e difficili, situazioni particolarmente problematiche.
Proprio come le medicine, sono richiesti e fortemente voluti dai presidi psicologici di emergenza che si installano nei luoghi del terremoto, nel tentativo di regalare nuove vite, sogni, momenti di svago e ore piacevoli lontane dalle macerie.

A causa della terra che trema non crollano solo case e futuro, ma anche cultura: biblioteche, scuole, teatri. E allora, perché non pensare a renderle mobili, trasportabili, a prova di scossa?
Nasce così l’idea di una biblioteca mobile, veicoli adibiti a presidi culturali su ruote, riempiti di scaffalature e resi accessibili agli utenti una volta parcheggiati.
La forma e le dimensioni del bibliobus possono variare a seconda delle necessità, così come l’itinerario.Vengono stabilite fermate con cadenze settimanali o più lunghe, in modo che l’utenza possa prendere in prestito volumi, restituirli o, più semplicemente, leggere.

LEGGI ANCHE:  Rosario Esposito La Rossa, spacciatore alle Vele di Scampia. Non di droga, ma di libri

BIBLIOBUS TERREMOTO DE L’AQUILA

All’indomani del terribile terremoto de L’Aquila del 2009, il Bibliobus divenne un’idea per tentare di ridare sorriso, speranza e condivisione a una comunità devastata: nacque in seguito alla donazione di tanti volumi: narrativa, saggistica, storie per ragazzi. I libri come medicina, in un’urgenza di restituire normalità oltre che cultura. Da maggio a settembre di quell’anno il bus itinerante girò per tutte le tendopoli e i comuni colpiti per distribuire libri donati dalla solidarietà di tutta Italia, mentre un secondo bus fungeva da sala lettura e conferenze. A testimoniare il fatto che la vita non può e non deve fermarsi, che il dolore non spezza una comunità che è compatta, solidale e unita.

Anche dopo lo smantellamento delle tendopoli di emergenza, il Bibliobus non ha smesso la sua attività incessante: oltre ai progetti con le case-anziani, i presidi di accoglienza per migranti e minori, è sempre tornato nei luoghi dove è nato. In Emilia Romagna, per esempio, dopo il terremoto del 2012, con varie tappe a Ferrara, Modena e comuni limitrofi. Ma anche nelle Marche e nel Lazio, portando momenti di serenità e spensieratezza, distribuendo libri e riviste e promuovendo la cultura della lettura.

Idea di fondo, è quella che la condivisione della lettura contribuisca ad alleggerire il trauma del terremoto, e a far sentire le persone meno sole quando l’emergenza lascia il posto ad una condizione ordinaria di disagio sociale, solitudine e isolamento che spesso accompagnano gli anni del dopo sisma.

Spesso, infatti, il Bibliobus, che sopravvive grazie alle donazioni di una campagna di crowdfunding, fornisce servizi bibliotecari a luoghi privi di edifici adibiti a biblioteche, a piccolissimi comuni situati in zone rurali o montane, oppure può raggiungere chiunque abbia difficoltà a recarsi in biblioteca, come gli ospiti delle case di riposo. Non solo: è spesso presente nei parcheggi delle scuole, fungendo così da biblioteca scolastica.

PER APPROFONDIRE: Libri per bambini e per ragazzi, così un insegnante in pensione fa scoprire il piacere di leggere. Girando con un’Ape-biblioteca…. (foto e video)

bibliobus

BIBLIOTECHE ITINERANTI

Il Bibliobus non è, per fortuna, il solo esempio di biblioteca che macina chilometri.
A seconda delle  diverse città e dei diversi Paesi del mondo, le biblioteche mobili sono state realizzate con i mezzi più disparati: un autobus, una barca, una bicicletta, una moto, come in Perù, dotati di contenitori mobili in cui riporre i libri, ceste, casse o zaini.

La sua origine non è recente: le prima notizie di una biblioteca ambulante risalgono al 1857,in Gran Bretagna dove il filantropo e mercante George Moore iniziò a girare diffondendo la lettura tra la popolazione rurale.

In Italia, il promotore della cultura su ruote fu lo scrittore maremmano Luciano Bianciardi, portando a Grosseto la sua biblioteca mobile negli anni ’50.  Oggi la diffusione dei bibliobus è praticamente capillare: da Nord a Sud sono tantissime le iniziative che li riguardano, dai progetti con gli ospedali pediatrici a quelli delle case famiglie, e in alcune città, come Milano, sono addirittura integrati nei circuiti bibliotecari cittadini.
Un ottimo modello di come cultura e territorio possano dialogare e lavorare saldamente intrecciati.

(Immagine di copertina e a corredo del testo tratte dalla pagina Facebook di Bibliobus L’Aquila)

STORIE DI LIBRI:

Shares