Massarosa contributo per andare al lavoro in bicicletta - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

A Massarosa il contributo del Comune per chi va al lavoro in bicicletta

In un Comune della Toscana la rivoluzione della mobilità sostenibile su due ruote parte dal basso: al vaglio un piano che prevede 25 centesimi a km per tutti i cittadini che raggiungono il proprio posto di lavoro in bici.

MASSAROSA CONTRIBUTO PER ANDARE AL LAVORO IN BICICLETTA –

Come vi abbiamo già raccontato qualche tempo fa, in Francia chi va al lavoro in bicicletta riceve un contributo. Un progetto importante, promosso anche in un comune italiano della provincia di Lucca, in Toscana: Massarosa. Qui, tutti i cittadini che scelgono di raggiungere l’ufficio in cui lavorano, sulle due ruote, ricevono un contributo pari a 25 centesimi a chilometro, fino ad un massimo di 50 euro al mese.

LEGGI ANCHE: In Germania si viaggia nell’autostrada per le bici, in Italia muoiono 249 ciclisti l’anno

ANDARE AL LAVORO IN BICIcletta –

Il progetto viene monitorato tramite app gratuite e autocertificazioni dei partecipanti, non solo ai fini del controllo dell’utilizzo del mezzo ma anche per valutare gli effetti dell’uso della bicicletta sulla salute e sull’ambiente.

Un bel segnale di cambiamento dal basso, e un’ulteriore dimostrazione che in Italia se c’è la volontà di dare corpo ad un progetto, poi i mezzi per farlo si trovano, e la cittadinanza partecipa contenta.

BARATTO AMMINISTRATIVO A MASSAROSA –

E non è ancora tutto, Massarosa è anche il primo Comune a introdurre il baratto amministrativo previsto dallo Sblocca Italia: il Comune ha stabilito uno sconto del 50 per cento sulla Tari per chi fornisce il proprio contributo per la pulizia delle strade, per tagliare l’erba, pulire i muri imbrattati o per lo svolgimento di altri lavori di pubblica utilità.

Un modo per aiutare i cittadini in difficoltà economiche che non riescono a pagare le tasse e ricreare quel senso della collettività, del collaborare insieme per la cura della propria città e del proprio quartiere. È il Comune a fornire ai cittadini tutta l’attrezzatura necessaria, dall’assicurazione alle scarpe antinfortunistiche, occhiali e caschi protettivi e pettorine per essere visibili sulla strada.

BARATTO AMMINISTRATIVO: RISPARMIO E VANTAGGI –

Circa 80 attualmente i km di cui si prendono cura 220 cittadini: per ognuno di loro è previsto uno sconto sulla bolletta dei rifiuti di ben 475 euro l’anno. Con tanti vantaggi anche per le casse del Comune: nel 2015 il baratto amministrativo è costato all’amministrazione di Massarosa circa 70mila euro. Se i lavori fossero stati assegnati ad una cooperativa esterna la spesa prevista sarebbe stata il doppio.

E per il futuro l’obiettivo del sindaco di Massarosa è quello di scontare le imposte del 100 per cento a 10 cittadini che si impegneranno per realizzare arredi urbani con materiali di recupero.

Tanti progetti importanti che speriamo vengano applicati presto anche in tanti altri comuni italiani.

LEGGI ANCHE: Baratto civico, a Milano paghi le multe con un lavoro al servizio della città

Shares

Shares