Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

In Toscana la badante è gratis. Perché non farlo in tutta Italia? Sarebbe un aiuto alle donne

Basta chiamare un numero verde della regione e si accede a “Pronto badante”. Questo sarà il terzo anno in cui il servizio è attivo, nei due precedenti ha raccolto oltre 40mila telefonate, più di 12mila visite domiciliari e oltre 8mila buoni lavoro attivati

di Posted on
Condivisioni

PRONTO BADANTE TOSCANA

Ci sono pezzi del welfare tutti ancora da costruire, compatibilmente con le risorse finanziarie che devono essere recuperate innanzitutto attraverso i tagli agli sprechi della spesa pubblica. Un esempio di questi pezzi è quello delle badanti, sempre più necessarie con l’invecchiamento della popolazione, l’aumento dell’età media di uomini e donne e delle loro aspettative di vita. Dare un aiuto alle famiglie che non possono permettersi la badante è anche un modo per sostenere, concretamente, le donne, che quasi sempre si fanno carico dell’assistenza agli anziani, senza cercare di indottrinarle con qualche campagna di informazione a favore della natalità.

LEGGI ANCHE: Badanti, le nuove colonne d’Italia. Sono quasi 2 milioni, in prevalenza straniere

CONTRIBUTO BADANTE REGIONE TOSCANA

Una delle eccezioni che smentiscono la regola viene dalla Toscana e si chiama Pronto Badante. Questo progetto messo in campo dalla regione ha l’obiettivo di assistere le famiglie in difficoltà per la presenza in casa di un anziano non autosufficiente, magari malato di Alzheimer. Le persone che hanno compiuto i 65 anni di età, e si trovano in una fase di disagio, possono chiamare un numero verde (800593388) e ricevere assistenza entro le successive 48 ore. L’aiuto può essere solo informativo, attraverso la rete del volontariato locale che collabora al servizio, o anche economico, con un buono da utilizzare per coprire il lavoro occasionale di una badante. Confermato anche per quest’anno, il progetto nei due precedenti ha raccolto oltre 40mila telefonate al numero verde, più di 12mila visite domiciliari e oltre 8mila buoni lavoro attivati.

IN TOSCANA IL SERVIZIO PRONTO BADANTE

La terza edizione del progetto è stata avviata in tutta la Regione ed è la testimonianza, come spiega Marco Ghersevich, dirigente regionale di Inps, che “iniziative che vanno incontro alle esigenze delle persone in situazioni di disagio risultano anche efficaci per il benessere del territorio, come del resto i numeri dimostrano”. D’altra parte sono sempre di più le famiglie che hanno bisogno di una badante in Italia. E queste figure professionali sono diventate 1 milione e 655mila in tutto, con un aumento del 53 per cento negli ultimi dieci anni. Speriamo che l’iniziativa della Toscana non resti un caso isolato e si allarghi presto in tutta Italia.

COME PRENDERSI CURA DEGLI ANZIANI

“Soli mai”, un gruppo di giovani volontari si prende cura degli anziani fiorentini

Città della vita: 500 persone, anziani e non autosufficienti, curati e coccolati ogni giorno

Bagno a Ripoli, pizza “anti-solitudine” a domicilio per gli anziani del paese

La storia di Rita, una donna che voleva cambiare Roma. Ed è tornata a occuparsi di anziani e senzatetto