Questo sito contribuisce all'audience di

Il potere del no, impariamo a usarlo. E la qualità della vita sarà migliore

Basta ai sì troppo frequenti, troppo remissivi e troppo facili. In famiglia, sul lavoro e nelle relazioni con parenti, amici e colleghi. Perché imparare a dire più no significa anche più tempo per noi stessi, e quindi più benessere

Il potere del no, impariamo a usarlo. E la qualità della vita sarà migliore
di
Condivisioni

IMPORTANZA DI DIRE NO -

Vi propongo un piccolo test. Ricostruite nella vostra memoria le ultime volte che avete detto sì, senza troppa convinzione: scoprirete che non sono poche. Siamo ormai abituati, per indifferenza, per abitudine, per comodità, per scarsa autostima, a pronunciare questa parola, sì, con eccessiva frequenza e perfino in modo automatico.

LEGGI ANCHE: I no che dobbiamo imparare a dire ai figli, tornando a parlare con loro

IMPARARE A DIRE NO -

In famiglia i figli fanno capricci e ci chiedono cose esagerate? Sì, tanto passerà. Sul lavoro il capo blatera invocando più efficienza, più risultati, più impegno, e magari risposte alle mail h24? Sì, meglio non mettersi contro il capo. Gli amici confondono la nostra disponibilità con la remissività, ci trattano come un cestino e ci invadono con le loro lamentale, i loro guai, le loro spesso inesistenti piccole e grandi seccature? Sì, pieghiamoci ad ascoltare e ad assorbire, in fondo è un dovere dell’amicizia (chi lo ha detto, poi non si sa…).

PER APPROFONDIRE: Trovare il tempo per sé stessi, la più grande conquista delle donne. E degli uomini…

Potrei andare avanti con quella che è stata definita “la cultura tossica del sì”. Un misto di debolezza e di indolenza. Uno spreco enorme all’interno della nostra vita quotidiana. E questo per il fatto che il no, quando è motivato e non è soltanto un attimo di rifiuto, fa crescere la nostra autorevolezza e il rispetto che meritiamo. Un no educato, certo, gentile, ma fermo: il segno della nostra forza.

SAPER DIRE DI NO -

Il potere del no è anche quello di dare una gerarchia e un senso alle cose che facciamo. E quindi non sprecare tempo, energie, sentimenti, sbattendosi sempre e comunque, alla rincorsa di un sì ecumenico quanto vuoto. Infine, dire no, come recitano il titolo di un libro americano (Il potere del no di James Altucher e Claudia Azula Altucher, edizioni My Life) e una serie di lezioni ad Harvard, è un piccolo gesto, ma con una potenza enorme. La potenza che ci avvicina al benessere ed a una migliore qualità della vita.

I PARADIGMI CHE AIUTANO A VIVERE MEGLIO

Gentilezza per vivere meglio, lo hanno dimenticato anche gli inglesi. E rifiutano la coda

L’importanza dell’empatia nel mondo dei distratti. Quando ascoltare significa non essere più soli

Importanza della lentezza: se siamo troppo veloci il cervello non funziona bene

Elogio e virtù della pazienza nell’era della vita troppo veloce. Come non sprecarla

Il valore del ricordo, la dolcezza che ci regala. Con la voglia di condividerlo

Ultime Notizie: