Questo sito contribuisce all'audience di

Sapere dire di no, un potere vero al quale non bisogna rinunciare

Con il no, spesso la qualità della vita migliora. Basta ai sì troppo frequenti, troppo remissivi e troppo facili. In famiglia, sul lavoro e nelle relazioni con parenti, amici e colleghi. Perché imparare a dire più no significa anche più tempo per noi stessi, e quindi più benessere.

Sapere dire di no, un potere vero al quale non bisogna rinunciare
Importanza di dire no
di
Condivisioni

IMPORTANZA DI DIRE NO

Quanto è potente il no. E quanti sprechi sono legati al sì, detto con troppa facilità, quasi con un’abitudine compulsiva. Come se tutto nella vita diventasse più facile grazie alla nostra arrendevelozza. Mentre è vero il contrario: è il no pronunciato nei modi e nei momenti giusti, che contiene un potere vero, tale da consentirci di migliorare la nostra qualità della vita.

Vi propongo un piccolo test. Ricostruite nella vostra memoria le ultime volte che avete detto sì, senza troppa convinzione: scoprirete che non sono poche. Siamo ormai abituati, per indifferenza, per abitudine, per comodità, per scarsa autostima, a pronunciare questa parola, sì, con eccessiva frequenza e perfino in modo automatico.

LEGGI ANCHE: I no che dobbiamo imparare a dire ai figli, tornando a parlare con loro

IMPARARE A DIRE NO

In famiglia i figli fanno capricci e ci chiedono cose esagerate? Sì, tanto passerà. Sul lavoro il capo blatera invocando più efficienza, più risultati, più impegno, e magari risposte alle mail h24? Sì, meglio non mettersi contro il capo. Gli amici confondono la nostra disponibilità con la remissività, ci trattano come un cestino e ci invadono con le loro lamentale, i loro guai, le loro spesso inesistenti piccole e grandi seccature? Sì, pieghiamoci ad ascoltare e ad assorbire, in fondo è un dovere dell’amicizia (chi lo ha detto, poi non si sa…).

Potrei andare avanti con quella che è stata definita “la cultura tossica del sì”. Un misto di debolezza e di indolenza. Uno spreco enorme all’interno della nostra vita quotidiana. E questo per il fatto che il no, quando è motivato e non è soltanto un attimo di rifiuto, fa crescere la nostra autorevolezza e il rispetto che meritiamo. Un no educato, certo, gentile, ma fermo: il segno della nostra forza.

PER APPROFONDIRE: Trovare il tempo per sé stessi, la più grande conquista delle donne. E degli uomini…

SAPERE DIRE NO

Il potere del no è anche quello di dare una gerarchia e un senso alle cose che facciamo. E quindi non sprecare tempo, energie, sentimenti, sbattendosi sempre e comunque, alla rincorsa di un sì ecumenico quanto vuoto. Infine, dire no, come recitano il titolo di un libro americano (Il potere del no di James Altucher e Claudia Azula Altucher, edizioni My Life) e una serie di lezioni ad Harvard, è un piccolo gesto, ma con una potenza enorme. La potenza che ci avvicina al benessere ed a una migliore qualità della vita.

I PARADIGMI CHE AIUTANO A VIVERE MEGLIO:

Ultime Notizie: