Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Come si muovono i pesci? Con i muscoli e con la pinna di coda. Ma c’è anche chi aspira l’acqua

Il cavalluccio marino è l’unico pesce che nuota in verticale, con pinne piccole. Le anguille si spostano con movimenti a S. Foche e balene con lo stile delfino e pinne larghe. Meduse e polpi aspirano e risucchiano l’acqua.

Condivisioni

COME SI MUOVONO I PESCI

Come si muovono i pesci? Che cosa usano? Solo le pinne? Sono domande che spesso ascoltiamo dai bambini, ma riguardano anche i grandi. E non sempre siamo in grado di dare risposte convincenti. Ci aiuta un libro davvero straordinario, intitolato Il Libro del mare (edizioni Electa-Mondadori), dove Yuval Zommer racconta, con disegni, tavole e narrazione proprio per i bambini, tutto quello che dobbiamo sapere sugli animali marini. Dice Zommer: «Da qui, partendo da storie e illustrazioni, speriamo che il bambino, entrando in contatto con animali e piante, maturi presto una sua sensibilità alla cura e al rispetto dell’ambiente».

LEGGI ANCHE: Pesci rossi, non liberateli mai nei fiumi o nei laghi. Distruggono l’ambiente e fanno danni enormi

COME NUOTANO I PESCI

Tornando al movimento dei pesci, Zommer racconta come gli animali marini si muovono in tanti modi. Alcuni usano le pinne, altri sono spinti dall’acqua e ondeggiano con dolcezza.

MOVIMENTO DEI PESCI

In generale, la velocità dipende dal corpo e dalla tecnica di nuoto, ma le tipologie di movimenti degli animali marini più diffuse sono cinque.

La spinta delle pinne. I pesci riescono a muoversi grazie alle contrazioni dei muscoli e alla spinta che arriva dalla pinna di coda. Le altre pinne invece fanno da timone. Il cavalluccio marino è l’unico pesce che nuota in verticale, molto lentamente e con piccole pinne.

I serpenti marini.  In questo caso il movimento nel mare è molto diverso, e ricorda da vicino quello di questi animali sulla terra. I serpenti marini e le anguille, infatti, nuotano, e quindi avanzano nell’acqua, muovendo il corpo con scatti veloci a forma di S.

Stile delfino. Non è un caso se nella disciplina sportiva del nuoto esista anche lo stile delfino: è preso proprio dai movimenti nel mare di alcuni animali che lo popolano. Delfini, foche, balene e tartarughe si muovono appunto con lo stile delfino. Che cosa significa? Sono dotati di pinne molto larghe, simili a remi, e perfette per nuotare anche con molta energia e buona velocità.

Il movimento da aspirazione. Le maestre, in questo tipo di movimenti, sono le meduse. Aspirano l’acqua e con questo movimento che riguarda bocca e fiato, riescono a spingersi in avanti.

Motore a getto. Il polpo invece si muove grazie all’acqua che risucchia e poi espelle attraverso un tubo detto “sifone”. In questo modo e con questo esercizio avanza molto velocemente e riesce a sfuggire ai cacciatori trascinando i suoi tentacoli.

STORIE DI PESCI STRAORDINARI:

  1. I delfini parlano come gli uomini. Per i tempi, le pause e la voce (video)
  2. Ellie, la bambina disabile che ha imparato a nuotare grazie a Winter, un delfino senza coda
  3. La focena, il più piccolo delfino del mondo, sta scomparendo. Colpa della pesca illegale (foto)
  4. Salvare le balene dall’estinzione, grazie ai droni: il progetto di Ocean Alliance (Foto e Video)