Questo sito contribuisce all'audience di

Sono diventato scrittore grazie alle storie lette da mia madre (Wilbur Smith)

Come è nata la passione per la scrittura dell’autore di libri più letto al mondo? Grazie alle favole che la mamma gli leggeva, ad alta voce, prima di addormentarsi. Oggi Smith vende 122 milioni di copie di libri.

di Posted on
Condivisioni

WILBUR SMITH SCRITTORE –

Wilbur Smith è uno dei più importanti e popolari scrittori del mondo. Dei suoi testi sono state vendute 122 milioni di copie, delle quali 23 milioni in Italia. Il Times lo ha definito «un autore di culto, uno di quei punti di riferimento cui gli altri scrittori vengono continuamente paragonati». In un recente intervento, Smith ha svelato il segreto del suo successo, la genesi della sua passione per la lettura e la scrittura. Deve a tutto a sua madre, che da piccolo, prima di andare a letto, gli leggeva le favole. E così lo faceva addormentare nel mondo della fantasia, formando i muscoli della sua immaginazione.Lauren Bacall And Wilbur Smith Photocall

LEGGI ANCHE: Favole per bambini, riprendiamo la buona abitudine di leggerle ai nostri figli

Scrive Smith: «C’è stato un tempo in cui tutte le mamme, la sera, leggevano una storia ai loro bambini. È  questo uno dei primi ricordi che posseggo: mia madre, seduta accanto al mio letto, con un libro in mano, la sua voce che diventava le mille voci dei personaggi, e le mille avventure che grazie a lei vivevo prima di addormentarmi». E aggiunge: «Forse per questo, non appena ho imparato a leggere da solo, sono successe due cose fondamentali in me: ho sviluppato un’immediata passione per il raccontare storie a mai volta, e ho cominciato a nutrire un profondo rispetto, quasi una forma di riverenza, per la parola scritta. Entrambe le cose mi hanno accompagnato per tutta la vita, ed esistono ancora. E probabilmente è per questo che in fondo al mio cuore, ancora prima di intraprendere questa carriera, mi sono sempre immaginato scrittore».

PER APPROFONDIRE: Racconti ai bambini, più storie aiutano a sviluppare la creatività