Questo sito contribuisce all'audience di

Aria pulita, il sistema U-earth che purifica da smog, fumo di sigarette, virus e batteri (foto)

Un progetto made in Italy, con alle spalle oltre vent’anni di ricerca e brevetti sviluppati negli Stati Uniti. La macchina cattura l’aria inquinata e la trasforma in acqua, anidride carbonica e scorie

Condivisioni

SISTEMI DI PURIFICAZIONE DELL’ARIA

Migliaia di particelle microscopiche, come fumo di sigarette, smog, virus e batteri, rendono malsana l’aria che respiriamo quotidianamente negli ambienti in cui si passa la maggior parte della nostra giornata. Per risolvere problema, Un’azienda made in Italy, U-earth, ha inventato un sistema di purificazione dell’aria che cattura e demolisce tutte quelle componenti dell’inquinamento aerodisperso che i normali sistemi di filtrazione e aspirazione non riescono a catturare.

LEGGI ANCHE: Kloters, la maglietta che ingoia lo smog prodotto da due automobili in città (foto)

U-EARTH

L’inquinamento viene attirato dalla movimentazione dei batteri che lo ossidano, trasformandolo in acqua, anidride carbonica e scorie. Questo è il meccanismo seguito dalla tecnologia progettata dall’azienda: U-earth, non essendo influenzata dai flussi d’aria può essere utilizzata sia all’interno che all’esterno di fabbricati, con la capacità di riuscire ad isolare gli odori contenendoli nel luogo di produzione evitando impatti olfattivi nei dintorni degli impianti.

COME FUNZIONA IL DISPOSITIVO

La macchina è caratterizzata da due aspetti principali: tecnologico e meccanico. Per quanto riguarda l’aspetto meccanico è abbastanza semplice da capire: la macchina ha un touchscreen dove poter controllare tutte le informazioni riguardanti il funzionamento, il tempo di manutenzione e l’inserimento della bio massa all’interno.

Altri due componenti importanti sono un piccolo ventilatore che serve per ossigenare il sistema, al di sotto del quale si inseriscono le biomasse, e una pompa che aspira l’acqua e la mette in circolo facendola scendere nella parte ossidante dove ci sono le biomasse che distruggono l’inquinamento.

Il segreto però di tale macchinario, sta nel fatto che l’acqua è un dipolo elettrico, e dunque finché è pulita crea una bolla neutra dal punto di vista della carica elettrica all’interno della macchina stessa. Questo fa si che grazie al fenomeno della diffusione della carica, gli inquinanti che hanno carica superficiale migrano verso la macchina stessa e vengono catturati dall’acqua, la quale facendoli scorrere lungo la superficie, permette alle colonie batteriche di ossidare tutte le sostanze che vi passano.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2018 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+

PROGETTI IN CONCORSO PER IL PREMIO NON SPRECARE 2018:

  1. Recyclize, il divertente videogame che insegna ai bambini come fare la raccolta differenziata (foto)
  2. Perpetua, la matita ecosostenibile made in Italy in grafite riciclata, che offre lavoro ai disabili
  3. I nonni adottati dai bambini della scuola primaria di Castiglione delle Stiviere. Tutto inizia da un libro (foto)
  4. La scuola di Campobasso, dove le pulizie le fanno i detenuti. E in cambio studiano e si diplomano (foto)
  5. Econviene, la piattaforma che vende farmaci da banco, integratori alimentari e cosmetici a metà prezzo
  6. Un giardino che non usate e dove pagate solo la manutenzione? Ecco la piattaforma che consente di affittarlo, anche per un evento (foto)
  7. Il casco intelligente inventato da un ragazzo di 20 anni. Lancia sos in caso di incidente. E ti avvisa se sei stanco (foto)