Questo sito contribuisce all'audience di

Il casco intelligente inventato da un ragazzo di 20 anni. Lancia sos in caso di incidente. E ti avvisa se sei stanco (foto)

Attraverso un GSM collocato al suo interno, il casco, in caso di urto grave, avvisa familiari e Pronto soccorso. Inoltre controlla il battito cardiaco e funziona da etilometro

di Posted on
Condivisioni

CASCO INTELLIGENTE CHIRILA

Un casco intelligente, per essere più sicuri quando si circola con un motorino. Un casco per evitare di sprecare vite umane con incidenti che purtroppo sono molto frequenti. Un progetto unico, brevettato in Italia attraverso la collaborazione dello Studio legale Rubino di Roma, che incrementa notevolmente la possibilità di sopravvivenza in caso di incidente con moto o scooter. Ecco l’invenzione del giovane ventenne Emanuel Chirila che tra le tante passioni ha anche quella per i motori perché, come dice, «riescono a darti una sensazione di libertà e spesso aiutano a scaricare le tensioni che accumuliamo durante la giornata».

LEGGI ANCHE: Moveo, lo scooter elettrico pieghevole da portare in ufficio: pesa solo 25 chilogrammi

SMART HELMET

Spiega Chirila: «Si tratta di una tecnologia incorporata in un casco, che oltre ad offrire protezione durante l’impatto, ci garantisce anche  una sicurezza dopo l’incidente». Come? Attraverso una serie di sensori che fanno partire un vero e proprio sos. Il casco, infatti, è costantemente collegato a diversi satelliti GPS ed è dotato di un sensore di collisione che sente l’urto. In caso di incidenti che implicano traumi alla testa è quindi capace di geolocalizzare chi lo indossa e di inviare automaticamente un sms con le coordinate precise del luogo del sinistro sia ai soccorritori del Pronto soccorso più vicino che ai familiari. Il tutto tramite un modulo GSM collocato all’interno.

PER APPROFONDIRE: Sicurezza dei bambini in auto, due su tre viaggiano a rischio. Come scegliere il seggiolino giusto (video)

CASCO CHE CHIEDE AIUTO IN CASO DI INCIDENTE

Il casco, però, ha altre funzioni opzionali. È ad esempio dotato di sensori che fanno da etilometro, rilevando la quantità di alcool nell’organismo tramite l’analisi della respirazione del centauro. Rileva inoltre la presenza o meno del battito cardiaco di chi lo indossa, permettendo di calcolare la gravità della situazione in caso di inconvenienti. Consente poi di valutare la stanchezza del motociclista attraverso il battito delle ciglia, attivando, nel caso, avvisi acustici e ha in dotazione sensori meteorologici che permettono di verificare le condizioni atmosferiche esterne. Insomma, un vero e proprio gioiello che potrebbe diventare ben presto un oggetto altamente prezioso nell’ottica della sicurezza.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2018 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+

I PROGETTI IN CONCORSO PER L’EDIZIONE 2018 DEL PREMIO NON SPRECARE:

  1. Cucce, ciotole e lettiere per cani e gatti: solo con plastica riciclabile del gruppo Bama
  2. Livelux di Alessandro Martini, l’artigiano fiorentino che crea punti luce a basso consumo dai rifiuti
  3. A Cameri la scuola record in Italia: l’80 per cento degli alunni arrivano la mattina con la bicicletta
  4. L’Arsenale dell’accoglienza, le famiglie lombarde che accolgono giovani soli. E si finanziano vendendo bomboniere (foto)
  5. Round Table, il club di professionisti e imprenditori che lottano per eliminare gli sprechi di cibo
  6. 3Bee, un dispositivo elettronico che protegge gli alveari da pesticidi e parassiti
  7. Chimera, l’azienda che crea un fertilizzante naturale dal letame dei polli. Utile anche per produrre elettricità
  8. Cannucce senza plastica, l’alternativa di un barman: farle con un particolare tipo di pasta, le zite