Beni confiscati alle mafie, troppi sprechi - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Beni confiscati alle mafie, troppi sprechi. Gestioni inefficaci e mancanza di fondi

L’Agenzia nazionale per i beni sequestrati va potenziata. Con risorse finanziarie e con personale specializzato. Da questo patrimonio possono nascere migliaia di posti lavoro

«Lo Stato siamo noi». È questa la scritta che accoglie i visitatori della cooperativa Pietra di scarto a Cerignola, in provincia di Foggia, dove i terreni sequestrati al boss Rosario Giordano producono olio d’oliva e pomodori, e danno lavoro a un gruppo di giovani agricoltori.

BENI CONFISCATI ALLE MAFIE

La storia di Cerignola, purtroppo, per quanto non unica, non bilancia l’enorme spreco dei beni sequestrati ai clan della criminalità organizzata. Abbiamo una buona legge sulla materia (risale al 1996), migliaia di sequestri che vanno avanti, un’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (Anbsc), istituita nel 2010, ma poi tutto si impantana nel buio della burocrazia e della mancanza di mezzi reali. Per non parlare della corruzione.

LEGGI ANCHE: Forno di comunità ad Andria, un vero e proprio panificio che recupera i terreni confiscati alla mafia (Foto)

PATRIMONIO CONFISCATO ALLE MAFIE

Il primo problema è la durata dell’iter per arrivare alla consegna di un bene sequestrato e al suo riutilizzo. Anni. Dai tre ai cinque, almeno. Nel frattempo gli immobili e le aziende si impoveriscono, perdono valore, e si trasformano in scatole vuote, totalmente sprecate. Poi c’è il tema delle risorse: né le associazioni di volontariato né i comuni (specie quelli piccoli) hanno le risorse finanziarie e le competenze in termini di personale  per gestire in modo efficiente i beni sequestrati. E la vendita, secondo la legge, è consentita soltanto come ultima ratio, quando però il bene sequestrato ha perso qualsiasi importanza per potenziali acquirenti.

Gli immobili in gestione all’Agenzia sono, secondo i dati riportati sul sito ufficiale, 19.125 (11mila in via definitiva), quelli  “destinati”, ma non per questo affidati ad altri e dunque solo disponibili 17.307; le imprese, invece sono rispettivamente 2.906 in gestione e 1.645 “destinate”. L’ultimo anno nel quale ci sono stati dei beni “destinati” è il 2018, tre anni fa.  Al momento ci sono 900 associazioni del volontariato che hanno ricevuto in gestione un bene sequestrato alle mafie. A mille comuni sono invece andati beni immobili.

BENI SEQUESTRATI ALLE MAFIE

Interi palazzi, condomini, ville, villette, case e appartamenti. Luoghi con i quali si potrebbe, in tempi rapidi e con trasparenza, dare un alloggio dignitoso non solo a tanti profughi che occupano immobili abusivi, ma anche a tanti senzatetto o famiglie in estrema povertà. Parliamo anche, oltre agli immobili, di aziende, confiscate e gestite attraverso la consorteria degli incarichi commissariali, senza mai riuscire a rimetterle in campo in modo efficace e produttivo, magari dando lavoro a tanti giovani disoccupati. Aziende e gestioni di imprese confiscate che sono finite perfino nel mirino delle indagini della procura della Repubblica, con l’effetto davvero diabolico e scoraggiante (altro spreco civile) di un’illegalità che invece di diventare legale, genera altri reati, altri misfatti, altri imbrogli.

BENI CONFISCATI ALLA CRIMINALITÀ

È stato lo stesso prefetto Bruno Corda, direttore dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità, a dare il quadro, davvero sconfortante, della situazione: le aziende confiscate, e gestite da commissari nominati di volta in volta da organi statali, finiscono quasi sempre in liquidazione. Stessa cosa per gli immobili che vengono abbandonati. E quindi lo Stato alla fine timbra un doppio spreco. Spende risorse e uomini per gestire i beni sequestrati e invece di renderli utili per la collettività li trascina verso un binario morto.

PER APPROFONDIRE: Figli sottratti ai boss della mafia, una misura necessaria o un errore?

SPRECO BENI CONFISCATI ALLE MAFIE

E parliamo di denaro contante, un tesoretto di oltre 3 miliardi di euro, sequestrato sempre ai clan dei mafiosi, dei camorristi e degli iscritti alla יndrangheta: soldi che marciscono nelle casse ministeriali e in qualche meandro della nostra burocrazia degli apparati pubblici, dove accanto a tante persone perbene che lavorano con senso del “bene comune” e con passione, ci sono piccoli e potenti clan che dell’immobilismo hanno fatto la loro fortuna. Per fare soldi e carriera, sempre e solo sotto il segno dello spreco di Stato.

COME USARE I BENI SEQUESTRATI ALLA MAFIA

Un bene sequestrato è una vittoria per lo Stato. Un bene sequestrato e non utilizzato, oltre che uno spreco, è una sconfitta per lo Stato. Non si può lasciare questo patrimonio in balìa di singoli magistrati e bisogna dare mezzi, strumenti e risorse all’Agenzia, probabilmente trasformandola in un Ente pubblico economico.

L’Agenzia dovrà essere attrezzata con il necessario personale di addetti alla finanza, alle gestioni aziendali e immobiliari: persone capaci di valorizzare i beni sequestrati prima di darli in gestione. Le risorse per questa operazione possono essere trovate all’interno dei  fondi del Recovery Plan, e il governo Conte II aveva previsto uno stanziamento di 300 milioni per valorizzare il beni confiscati. Una spesa generica quanto inutile.

QUANDO L’IMMIGRAZIONE FUNZIONA E FA BENE A TUTTI:

Share