Questo sito contribuisce all'audience di

La banda dei frigoriferi, smontati e abbandonati in strada. Ma dopo i delinquenti ci siamo noi a buttare tutto in strada (foto)

Il fenomeno riguarda tutta l’Italia. Dal Piemonte al Lazio. Dalla Toscana alle Marche. Passando per le regioni meridionali. E non si può bloccare solo con maxi multe. Chi abbandona rifiuti non è un incivile: è un demente.

Condivisioni

RIFIUTI IN STRADA

Il delinquente, un uomo, A.R.  di 47 anni, è stato preso con le mani nel sacco. Denunciato a piede libero, se la caverà senza scontare nulla e senza pagare alcuna multa. Eppure il reato ambientale che stava commettendo, è di una enorme gravità: scaricava frigoriferi nei parchi, alla Romanina e all’Anagnina, due popolari quartieri della capitale, dopo averli smontati per vendere al mercato nero i pezzi di ricambio. Almeno una cinquantina i frigo ritrovati.
 
(Fonte immagine: Roma Today)
 
A.R. non è un criminale isolato. Probabilmente la sua attività fa parte di un’organizzazione specializzata in questo tipo di smaltimento fuori legge. Con due ricavi importanti: da un lato i soldi incassati per liberarsi del frigorifero, dall’altro le entrate per le vendite dei pezzi di ricambio. Queste bande a Roma agiscono spesso indisturbate e piazzano i loro frigoriferi, ovunque, anche lungo le rive del Tevere. Oppure in quella che a Tivoli viene definita la Frigo Valley, 70 ettari di terreno a cielo aperto, una gigantesca discarica abusiva di elettrodomestici, innanzitutto  frigoriferi. A poca distanza da uno degli impianti termali più importanti d’Italia (Le famose Terme di Bagni di Tivoli)  e dalle antiche ville frequentate ogni giorno da migliaia di turisti.
 

RIFIUTI IN STRADA A ROMA 

A Roma è un’abitudine trasversale. Riguarda la popolazione di tutti i quartieri, dai lussuosi Parioli ai super popolari Pigneto e Garbatella, passando per le zone attorno al Tevere, ai parchi pubblici, alle scuole per l’infanzia. Insomma, ovunque c’è qualcuno, non una ristretta minoranza di incivili, che continua a considerare le strade, qualsiasi strada, come delle discariche a cielo aperto. Luoghi dove, a parte i rifiuti classici, si possono tranquillamente abbandonare anche frigoriferi, divani, poltrone, stendini, mini elettrodomestici, arredi che stiamo sostituendo. Una sorta di «Io buttotutto» e chissenefrega degli altri. Uno spreco che colpisce tutti i cittadini e contribuisce non solo al panorama della capitale più sporca e inquinata d’Europa, ma aiuta anche a mandare in fallimento l’azienda per la raccolta della spazzatura e lo stesso comune.

RIFIUTI IN STRADA NELLE CITTÀ ITALIANE

Roma, magra consolazione, in questo caso non è l’unica pecora nera in una classe di città pecore bianche. Le bande del frigorifero sono molto forti in Sicilia, dove riescono a gettare i frigoriferi smontati perfino nel pieno del Parco La Favorita in pieno centro a Palermo; in Emilia Romagna, dove rifiuti di questo genere sono ammassati nelle strade centrali di Piacenza; in Campania, con un traffico illegale di apparecchi elettrici ed elettronici usati e buttati in discariche a cielo aperto. Poi a dare una mano ai criminali, ci siamo noi, cittadini con zero senso civico, capaci di abbandonare qualsiasi oggetto di arredo o di uso domestico, in strada, sul marciapiedi, in un parco per bambini o in un giardino pubblico. 

ABBANDONO RIFIUTI IN STRADA

La compagnia, se guardiamo all’intero stivale, è ben affollata. Nella civilissima Torino, l’amministrazione comunale ha fatto i conti, segnalando ai suoi cittadini (ma chi utilizza la strada la strada come una discarica abusiva, può essere considerato un cittadino?) che per recuperare e smaltire frigoriferi, divani e arredi vari abbandonati in strada, si devono spendere ogni anno 3,8 milioni di euro. Soldi che poi, ancora uno spreco, con la coperta della cassa comunale sempre corta, si devono trovare tagliando altri servizi, come l’assistenza agli anziani o gli asili per i figli non ricchi e benestanti delle mamme che lavorano. Da qui appelli e multe, con quelle foto di Corso Vercelli, una sola strada del capoluogo piemontese, dove i punti di sversamento per l’«Io buttotutto» sono ben dodici. A Firenze, è stato fermato in flagrante, e tutto si è risolto con una multa irrisoria, un signore che, da parte di un commerciante deciso a chiudere il suo negozio, abbandonava su un marciapiede, come se fossero fiorellini profumati, tavoli, sedie, banconi e perfino alcuni vecchi serramenti non più utilizzabili. Nella zona di Senigallia, lungo una strada che dal comune di Trecastelli porta a una meravigliosa spiaggia, la discarica «Io buttotutto» è diventata gigantesca, e a chi ha la sventura di incrociarla, passa immediatamente la voglia di arrivare fino al mare. Come mai proprio qui? In questa zona esiste un grande Centro commerciale, e dunque molti clienti che vanno a cambiare gli elettrodomestici o l’arredo della stanza da letto, pensano bene di lasciare il loro souvenir- roba vecchia lungo i marciapiedi della strada. E chissenefrega del mare deturpato, del turismo che va a ramengo, dell’inquinamento che ci divora.

PER APPROFONDIRE: Quanto valgono i rifiuti che sprechiamo e che inquinano? Il libro che racconta lo scandaloso spreco della spazzatura. E dove l’immondizia invece vale oro

MULTE PER RIFIUTI IN STRADA

A questo punto starete tutti pensando alla più semplice e ovvia delle soluzioni per contenere, impedire mi sembra un sogno, questo scempio: andare giù pesanti con le multe. Ha fatto benissimo, per esempio, Virginia Raggi che a Roma vuole cambiare il regolamento con le multe per i rifiuti ingombranti abbandonati ovunque, e per altri gesti correlati. È assurdo che chi incendia un rifiuto nella capitale, finora, se la possa cavare con 25 euro di multa: meno di chi passa con il rosso al semaforo. Oppure chi è preso con le mani nel sacco, mentre lascia un frigorifero su un marciapiede, chiude la pratica con una sanzione, se e quando arriva, di 100 euro. Quindi: sì alle multe, purché siano vere stangate. E sì anche, qui le amministrazioni locali sono spesso in forte ritardo, a politiche di incentivazione per il recupero «porta a porta», con giorni prestabiliti, dei rifiuti ingombranti.

MULTE PER ABBANDONO DI RIFIUTI

Ma può bastare tutto questo? Sinceramente penso che la risposta sia: no, non può bastare. È venuto il momento di prendere per le orecchie, come un tempo si faceva con i bambini troppo indisciplinati, il nostro vicino di casa o di quartiere che considera la nostra strada una discarica per «Io buttotutto». Ed è venuto il momento, ancora una volta, di guardarci allo specchio, e magari di cercare un buon analista o neurologo per curare gli iscritti all’affollato club «Io buttotutto». Gettare questo tipo di rifiuti in strada, o abbandonarli lungo un fiume o in un giardino pubblico, non è solo incivile: è demenziale.

(Fonte immagine di copertina: Tiburno.tv)

QUALCHE BUONA IDEA PER VIVERE INSIEME. E TUTTI MEGLIO