Risehouse, rifiuti di riso per costruire case a basso consumo
Questo sito contribuisce all'audience di

Case costruite con gli scarti del riso

Il progetto Ricehouse ha grandi potenziali in Italia, il primo paese europeo per la produzione di riso. Nella società è entrata anche Riso Gallo

Scarti di riso da riciclare e riutilizzare come materiali per edifici sostenibili. Il progetto della start up Ricehouse è molto innovativo, ma in realtà risale a tempi antichi, quando le cascine piemontesi si costruivano proprio con questa tecnica.

RICEHOUSE

Tiziana Monterisi, architetta specializzata in progetti di edilizia bio-ecologica, e Alessio Colombo, i fondatori di Ricehouse, sono partiti dalle potenzialità dei rifiuti della coltivazione di riso. Enormi. Ogni ettaro produce, mediamente, 7 tonnellate di riso e 10 tonnellate di rifiuti. Innanzitutto paglia, che di solito i contadini bruciano con tutti i danni collaterali, e poi lolla (la pelle del chicco) e pula.

L’Italia è il primo produttore in Europa di riso, ma siamo anche i primi produttori di rifiuti del riso che sprechiamo, favorendo anche la produzione di CO2.

LEGGI ANCHE: Aquafil, il gruppo che produce nylon dai rifiuti

COME UTILIZZARE IL RISO NELL’ARCHITETTURA

Gli avanzi del riso per fare una casa presentano diversi vantaggi, a prescindere dall’utile meccanismo da economia circolare che mette in rapporto agricoltura sostenibile e architettura moderna. Innanzitutto danno alla casa un aspetto gradevole, e quindi hanno un valore estetico molto significativo. Poi si tratta di materiali del tutto naturali, che non hanno alcuna controindicazione in termini di effetti ambientali, e semmai, una volta riciclati, riducono le emissioni nocive, tipiche degli scarti delle produzioni di riso. In terzo luogo, le case di riso hanno qualità termiche molto elevate e abbattono i consumi energetici fino a diventare case passive. Questi materiali, che non hanno prezzi particolari, riescono a proteggere bene dal freddo durante l’inverno, e allo stesso tempo isolano in estate, creando una sorta di raffreddamento naturale. Le case di riso, infine, sono costruite posando i materiali in modo classico, senza alcun metodo particolare e senza sforzi aggiuntivi.

CASE A BASSO CONSUMO

La spinta innovativa del progetto Ricehouse, i cui materiali al momento sono utilizzati in un centinaio di cantieri, ha attirato diversi fondi di investimento, ma innanzitutto l’azienda Riso Gallo, entrata nell’azionariato della società. Con l’idea che i rifiuti del suo riso invece di essere un costo per lo smaltimento possano diventare una risorsa per costruire le case di riso firmate Ricehouse.

La foto di copertina è tratta dalla pagina facebook di Ricehouse.

“Ricehouse” è candidato al Premio Non Sprecare 2021, nella sezione “Aziende”. Per candidare i vostri progetti, seguite le istruzioni fornite qui.

ALCUNI DEI CANDIDATI AL PREMIO NON SPRECARE 2021:

Share

Nessun commento presente

Che ne pensi?

<