Questo sito contribuisce all'audience di

La piattaforma web per il recupero del cibo rimasto invenduto nei supermercati

Attraverso la piattaforma web “Lebensmittelretten”, il cibo rimasto invenduto nei supermercati viene recuperato e poi donato a chi ne ha più bisogno: un social network che, non solo cerca di evitare lo spreco di alimenti ancora buoni ma che si pone anche l’obiettivo di favorire una riscoperta del valore della comunità e della condivisione.

di Posted on
Condivisioni

RECUPERO CIBO DA SUPERMERCATI – Recuperare il cibo di scarto dei supermercati e donarlo a chiunque lo desideri e ne faccia richiesta: questo il progetto portato avanti da un giovane berlinese di 31 anni, Raphael Fellmer (già autore della piattaforma Foodsharing.de di cui vi abbiamo parlato in questo articolo), per combattere lo spreco di cibo.

LEGGI ANCHE: A Berlino il frigo degli avanzi contro gli sprechi di cibo

IL PROGETTO DI RAPHAEL FELLMER CONTRO LO SPRECO DI CIBO – Con l’aiuto di programmatori, Raphael ha dato vita a una piattaforma web Lebensmittelretten (Salvataggio di cibo), in grado di mettere in contatto i gestori dei diversi supermercati con gli utenti: mentre i primi segnalano, attraverso una mappa online, la possibilità di donare in un giorno e in un’ora prestabilita cibo eventualmente rimasto invenduto o scaduto o non più di bell’aspetto,i secondi indicano la propria disponibilità a recarsi presso il supermercato per prelevarlo.

LA PIATTAFORMA WEB PER IL RECUPERO DEL CIBO – Una sorta di social network che, non solo cerca di evitare lo spreco di alimenti ancora buoni, ma agevola anche i rivenditori che attraverso questo sistema possono limitare il numero dei rifiuti e ridurre, di conseguenza, i costi economici legati allo smaltimento dei prodotti non più vendibili.

Una piattaforma che si pone anche l’obiettivo di favorire una riscoperta del valore della comunità, della condivisione e della donazione disinteressata al prossimo.

E Raphael, qualche giorno fa ha fatto visita al nostro Paese dove vorrebbe estendere il suo progetto. Intanto, in Italia, è già stato creato il gruppo Facebook Foodsharing Torino il cui obiettivo è quello di creare una comunità di persone che cooperano tra di loro in un’ottica solidale.

PER APPROFONDIRE: Dagli hotel antispreco alle iniziative dei cittadini, i progetti contro lo spreco di cibo