Pesca e allevamenti illegali incastrati dalle immagini di Google Earth | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Pesca e allevamenti illegali incastrati dalle immagini di Google Earth

Condivisioni

C’è chi si lamenta della privacy violata e chi denuncia un clima da Grande Fratello. Di certo, l’avvento delle telecamere a circuito chiuso e dei satelliti che, dall’alto, riprendono ciò che accade sulla terra, pongono non pochi problemi per quanto riguarda l’intromissione – più o meno lecita o voluta – nella vita delle persone.

Del resto, quel che a volte può risultare fastidioso ed eccessivo, talvolta può invece essere un elemento chiave per risolvere alcune situazioni. L’argomento è delicato, ma quante volte i criminali sono stati “incastrati” proprio perché ripresi da una delle tanto vituperate CCCTV?

IL GIOCO: “Il tuo allevamento”, il gioco contro gli allevamenti intensivi

Lo stesso vale, secondo le ultime ricerche, anche in campo ambientale. Per vigilare sulle attività di pescatori e allevatori si è cominciato a usare un aiuto “dall’alto”. Grazie alle immagini di Google Earth alcuni ricercatori sono riusciti a stimare la produzione di pesce da allevamento nel Mediterraneo e hanno poi pubblicato i risultati sulla rivista Plos One.

«Abbiamo scelto il Mediterraneo perché ha una buona copertura dai satelliti – spiega Chiara Piroddi, ricercatrice italiana che lavora all’università canadese di British Columbia e coautrice dello studio – siamo riusciti a contare 248 gabbie per i tonni e 20.976 gabbie per altri pesci in 16 paesi»

Metà delle gabbie, scrivono gli autori, sono al largo della Grecia, mentre un terzo sono nel mare della Turchia. Dalle dimensioni i ricercatori hanno dedotto la quantità di pesce prodotto, che è risultata essere di quasi 226 mila tonnellate, leggermente superiore a quella dichiarata dai vari governi. Se però nel caso di Grecia e Turchia la quantità dichiarata è inferiore a quella prodotta, in certi casi fino al 50%, altri Paesi fra cui l’Italia e la Francia sovrastimano la propria produzione.

«Google Earth può essere uno strumento estremamente potente – concludono gli autori – per controllare le attività relative alla pesca».

Virgilio Go Green