Questo sito contribuisce all'audience di

Paghetta ai bambini: come renderla uno strumento educativo per abituarli al risparmio e al non spreco

Paghetta si o no? Chi la riceve prima e chi dopo, la paghetta è uno strumento utile per responsabilizzare i figli. Ecco i consigli per insegnare ai ragazzi a gestirla e non sprecare.

Condivisioni

PAGHETTA AI BAMBINI

Quando bisogna iniziare? Con quale importo? E con quale metodo? Ma soprattutto, è giusto dare la paghetta ai bambini? Molti genitori infatti non sono d’accordo sul regalare ai pargoli una determinata somma alla fine della settimana o del mese, perché temono che poi possano approfittarne e chiederne sempre di più. Altri, invece sono convinti che i soldi vadano spesi solo per beni di prima necessità o per delle importanti esigenze.

Ci sono, infine, genitori che si dichiarano favorevoli a concedere una somma fissa ai propri figli per soddisfare i loro desideri, ma solo dopo aver stabilito delle regole e dei limiti massimi ben precisi.

LEGGI ANCHE: Come educare i bambini al valore dei soldi, anche attraverso un racconto e qualche favola

A CHE ETÀ DARE LA PAGHETTA AI BAMBINI

Negli ultimi tempi i bambini ricevono la prima paghetta già all’età di sei-sette anni, quando iniziano la scuola primaria. Si tratta in genere di una piccola cifra per comprarsi un pacchetto di figurine o una merendina. Con l’aumento dell’età crescono i loro bisogni e anche le richieste di denaro. Si parte dai 5 euro per il cinema o una pizza fuori con la classe, poi sta ai genitori decidere se concedere ai figli qualche euro in più.

PER APPROFONDIRE: In Svizzera a 12 anni hai il «salario giovanile» per abituarti all’indipendenza. In Italia a 30 anni non vuoi lasciare casa

IMPORTO PAGHETTA DEI BAMBINI

Secondo gli esperti, ai figli più giovani bisognerebbe dare circa 3 euro alla settimana per le spese operative (merende, biglietti autobus, ecc.), mentre per gli adolescenti si sale a circa 30 euro. Si tratta ovviamente di cifre indicative da calare poi nel reale contesto economico della famiglia. L’importante è trovare un metodo educativo per avvicinare i bambini al denaro, che sia seguito con convinzione e continuità.

PAGHETTA AI FIGLI: SI O NO

Prima di concedere la paghetta i genitori dovrebbero insegnare ai propri figli che i soldi non vengono regalati ma che si devono impegnare per guadagnarsi lo stipendio mensile. Concedere semplicemente la paghetta senza ricevere niente in cambio mette in moto un meccanismo che porta i bambini, ma anche gli adolescenti, a non avere rispetto per il denaro e a non porsi limiti di richieste.

Per guadagnarsi la paghetta i figli possono aiutare a casa nelle faccende domestiche o badare al vicino di casa anziano e accompagnarlo a fare la spesa. Importante è fare capire ai ragazzi che fanno parte di una società in cui devono rendersi utili e che il denaro va speso con responsabilità e moderazione.

EDUCAZIONE DEI BAMBINI: I NOSTRI CONSIGLI:

  1. Educazione dei bambini, non esiste una laurea per fare i genitori. Ma la gentilezza, come le buone maniere, si insegnano. Fin da piccoli
  2. Risse tra genitori, la cinica violenza di farle davanti ai bambini. Che soffrono e non dimenticano… (video)
  3. Bambini maleducati? La mamma li punisce così: a scuola a piedi, per 7 chilometri di strada (foto)
  4. L’età giusta per dare il cellulare ai bambini? Non certo 11 anni, come avviene oggi
  5. Rispetto per l’ambiente e per il verde, ai bambini si insegna già in casa. A partire dai piccoli gesti