In India c'è una montagna di rifiuti più alta del Taj Mahal - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

A Delhi, in India, c’è una montagna di rifiuti che sta diventando più alta del Taj Mahal

Si trova nella zona est della capitale indiana e cresce al ritmo di 10 metri all’anno a causa delle oltre 2000 tonnellate di spazzatura che ci finiscono ogni giorno. Questa discarica doveva essere chiusa nel 2002 e invece l’anno prossimo potrebbe diventare più alta di una delle sette meraviglie del mondo

di Posted on
Condivisioni

Una vera e propria montagna di rifiuti. In India, precisamente nella periferia di Delhi, c’è una discarica abusiva che cresce al ritmo di 2000 tonnellate di spazzatura al giorno, riuscendo ad alzarsi di 10 metri l’anno. Una crescita spaventosa che permetterà alla montagna di Ghazipur di superare in altezza entro il 2020 il Taj Mahal, il gioiello architettonico, simbolo dell’India.

LEGGI ANCHE: Riciclo dei rifiuti, la donna che compra la spazzatura in un mercato di Roma. Chi vende incassa soldi per l’olio esausto e le bottiglie di plastica. O fa beneficenza (foto)

MONTAGNA RIFIUTI INDIA

L’allarme è stato lanciato dal gruppo ambientalista Chintam, secondo il quale la montagna di Ghazipur, con i suoi 65 metri di altezza, è una delle discariche più pericolose al mondo. Nata nel 1984, per raccogliere parte della spazzatura prodotto nella sterminata capitale, nel 2002 ha raggiunto la capienza massima prevista, ma incredibilmente non è stata chiusa, anzi. Nonostante gli interventi della Corte Suprema, infatti, ogni giorno centinaia di camion scaricano 2000 tonnellate di rifiuti sulla collinetta che continua a crescere a vista d’occhio. Una delle ragioni del mancato intervento è legata alla mole incredibile di spazzatura che si concentra nelle megalopoli indiane, dove nel 2030 si potrebbe arrivare ad una produzione di 165 milioni di tonnellate.

MONTAGNA DI GHAZIPUR

Il gruppo ambientalista Chintam sta cercando in tutti i modi di scuotere l’opinione pubblica sulla pericolosità di quella che è diventata una vera e propria montagna della vergogna. Oltre al drammatico impatto ambientale, infatti, ci sono delle gravissime ripercussione sulla salute dei cittadini della zona. Oltre ai miasmi ed ai numerosissimi incendi che si alimentano con il metano prodotto dalla decomposizione dei rifiuti, diversi studi hanno dimostrato che i gas tossici stanno creando problemi respiratori e digestivi alla popolazione. Problemi a cui si aggiunge il percolato, il liquido che cola dalla spazzatura, che è riuscito ad infilarsi in un canale scoperto che corre nel quartiere, inquinando le falde.

QUANTI OGGETTI UTILI SI RICAVANO CON IL RICICLO DELL’IMMONDIZIA: