Questo sito contribuisce all'audience di

La scuola elementare di Nogara (Verona) dove i bambini creano lampade e lumi recuperando i rifiuti (foto)

Una brava preside e un vulcanico professore di Tecnologia. Nasce il progetto di illuminare gli ambienti della scuola solo con materiale di riciclo. E con gli oggetti, uno diverso dall'altro, creati dagli alunni

Condivisioni

LAMPADE RECUPERO RIFIUTI IC NOGARA

Tutto nasce tra i banchi di laboratorio di tecnologia della scuola statale secondaria di primo grado F.Cipriani di Nogara (Verona), dove l’insegnante Cinthia Rampichini e gli studenti delle classi terze hanno deciso di dare un tocco di luce in più ai vari ambienti, decorandoli e rendendoli più confortevoli.

LEGGI ANCHE: Laab, il progetto che utilizza le foglie autunnali per creare lampade di design (foto)

PROGETTI DI RICICLO A SCUOLA

L’idea nasce dall’esigenza di illuminare gli ambienti in cui ci si passa la maggior parte del tempo con un oggetto d’arredamento realizzato con materiali di riciclo facilmente reperibili.

Da qui parte il lavoro dei giovani ragazzi che, aiutati dalla loro insegnante di Tecnologia, partono da una ricerca in internet di immagini o video che possano dargli uno spunto da cui partire per la progettazione della lampada. Successivamente si passa all’analisi di tali immagini per giungere all’elaborazione del progetto conclusivo e per la scelta dei materiali di recupero da utilizzare; per poi concludere il tutto con la realizzazione pratica della lampada con relativo circuito elettrico per il funzionamento della stessa.

LEGGI ANCHE: Scatole di cartone: con il riciclo creativo si trasformano in lampade e giochi per bambini (foto)

LAMPADE CON MATERIALI DI RICICLO

La creazione di lampade con materiali riciclati non è una novità nel mercato di oggi, ma proprio come ci afferma l’insegnante Cinthia Rampichini, – “Ogni lampada è singolare perché nasce dalla fantasia della persona che lo ha realizzato, la creatività è diversa in ogni individuo”- dunque partendo da una serie di materiali riciclati uguali, si può giungere  a risultati finali differenti.

Tutto è nelle mani delle scuole, dei genitori e anche degli Enti pubblici, che possono sovvenzionare le attività dando la possibilità a tutti di poter impegnarsi nel riciclo di materiali che andrebbero nei rifiuti e salvaguardare l’ambiente.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2018 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+

PROGETTI IN CONCORSO PER L’EDIZIONE 2018 DEL PREMIO NON SPRECARE: