Questo sito contribuisce all'audience di

Metodo Konmari: il magico potere del riordino per non sprecare tempo e risorse

Il metodo Konmari promette di regalarci il sistema per mettere a posto la casa una volta per tutte e mantenerla in ordine giocando sulle emozioni che ci regalano gli oggetti.

Condivisioni

METODO KONMARI –

Sapete che nel riordino della casa entrano in gioco componenti psicologiche? E che non siamo in grado di regalare/scambiare/gettare gli oggetti perché hanno dei ricordi da cui non vogliamo separarci? Però lo spazio in casa è necessario e l’ordine ci aiuta a non sprecare tempo e risorse, non solo nel cercare le cose ma anche nella pulizia degli ambienti. Nel libro, Il magico potere del riordino (Vallardi Editore), Marie Kondo ci spiega in che modo, attraverso emozioni e sentimenti, avere una casa ordinata senza sforzo. Vediamo come.

LEGGI ANCHE: Il metodo 333 per avere un armadio sempre in ordine

COME ORDINARE LA CASA –

Vediamo passo dopo passo i suggerimenti del libro:

  • Cosa vogliamo diventare: bisogna visualizzare nella nostra mente lo stile che vogliamo adottare, il nostro ideale di vita, mentre riordinaniamo entriamo in contatto con le nostre emozioni e teniamo solo quello che ci regala sensazioni intense e positive
  • Ordinare per categorie: Uno dei primi passi suggeriti dall’autrice è quello di ordinare per categorie e non per ambienti. Ad esempio dobbiamo tirare fuori dall’armadio tutte le camicie e adagiarle sul pavimento davanti a noi. A quel punto possiamo decidere cosa tenere e cosa no. In seguito passeremo alle maglie, poi ai calzini e così via.
  • Non conservare “vestiti da casa”: “Se per voi è normale indossare una tuta, finirete automaticamente per diventare una donna a cui la tuta si addice. Vi sembrerà un punto di vista estremo, ma io la penso così” cosa aggiungere? Se anche voi siete fans della comodità in casa sostituite la tuta con qualcosa che si addica alla persona che volete diventare!
  • Libri e carte: Dopo aver riordinato l’armadio, uno dei tasti dolenti che ci impedisce di mantenere la casa in ordine sono i libri e le carte. Come nel caso dei vestiti adagiamo tutto a terra: tocchiamo i libri e non teniamo le vecchie dispense dell’università, i libri di scuola, gli appunti del liceo, il materiale scolastico dei figli. Se proprio si vuole mantenere un ricordo si può scegliere un oggetto per categoria, quello che ci regala più emozioni. Per quanto riguarda le carte, i documenti, le bollette scadute, non ha senso conservarle mentre bisogna riporre i pagamenti all’interno di cartelline trasparenti con date e scadenze.

I benefici di questo sistema di ordine, riorganizzazione e gestibilità dello spazio, non sono valutabili, spiega l’autrice, solo materialmente. La possibilità di affrontare le proprie cose, le emozioni che ci hanno regalato, selezionarle e mettersi a confronto, attraverso di loro, con le scelte effettuate in passato e che oggi non ci convincono più, aiuterà a identificare con chiarezza i nostri valori e a ridurre la confusione non solo in casa ma anche nella vita di ogni giorno.

PER APPROFONDIRE: 7 cose che non servono nei nostri armadi 

LEGGI ANCHE: