Medaglie fatte con rifiuti - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Tokyo 2020, in arrivo le medaglie antispreco: sono fatte a partire dagli smartphone usati (video)

Uno sforzo collettivo dell'intero paese ha coinvolto circa 1300 scuole e tutti i cittadini: le cinquemila medaglie verranno interamente prodotte a partire dai dispositivi elettronici. Primi tra tutti, gli smartphone, ne sono stati raccolti ben sei milioni

Condivisioni

Dagli smartphone nascono medaglie. E non è l’ennesima citazione parafrasata di De Andrè, ma la realtà: nel 2020, infatti, le medaglie dei partecipanti alle Olimpiadi di Tokyo saranno fatte interamente di metalli riciclati, derivanti dal recupero dei rifiuti elettrici, i cosiddetti RAEE, che da sempre costituiscono un problema quanto alla loro raccolta e al loro smaltimento.

MEDAGLIE FATTE CON RIFIUTI

Le 5 mila medaglie previste per adornare il collo dei vincitori, infatti, sono state realizzate a partire da ben 6 milioni di smartphone riciclati e recuperati, con uno sforzo congiunto del governo giapponese, duemila negozi di elettronica del paese del Sol Levante, il contributo del più grande provider di servizi telefonici e di telefonini, la locale Ntt Docomo, le scuole e l’intera cittadinanza.

Ben 1300 gli istituti scolastici coinvolti, in uno dei progetti di recupero dei dispositivi elettronici più grande e complesso mai realizzati: la portata di tale iniziativa, a livello numerico, è enorme.

Da quando tale iniziativa è stata lanciata, circa due anni fa, fino a marzo scorso, la raccolta di vecchie macchine fotografiche, smartphone, laptop e altri dispositivi  ha raggiunto la cifra record di quasi 80mila tonnellate di scarti, richiedendo attenzione e impegno su più livelli, dai singoli cittadini alle istituzioni.

Un progetto fondamentale per accendere i riflettori sulla necessità di ridurre la produzione di rifiuti ed estendere in ambiti poco battuti l’economia circolare.

LEGGI ANCHE: Rifiuti elettronici, ne produciamo 18 chilogrammi a testa, e siamo ultimi in Europa per il loro smaltimento

MEDAGLIE FATTE CON GLI SMARTPHONE

Nelle fasi successive alla raccolta, tutti i dispositivi  sono stati demoliti e fusi per ottenere utilizzare per creare 32 chilogrammi d’oro, 3500 di argento e 2200 di bronzo, anche se ci sono numerosi portali stranieri che stimano al rialzo tali cifre.

Una volta ottenuti i materiali, di cui sono interamente costruite le onorificenze, la loro progettazione è stata affidata, tramite un concorso, al designer Junichi Kawashini, che ha sbaragliato la concorrenza degli altri 399 progettisti. Moderne, leggere e innovative, nelle intenzioni dell’artista creatore, le medaglie vogliono simboleggiare l’energia degli atleti e delle atlete, ma anche e soprattutto il grande valore dell’amicizia e della competizione sana e leale.

PER APPROFONDIRE: Repair cafe, i luoghi-simbolo del recupero. Nati in Olanda grazie a una giornalista (foto)

MEDAGLIE METALLO DI RICICLO

Non è la prima volta, comunque, che l’economia circolare sbarca ai giochi olimpici: medaglie fatte con materiali  riciclati sono state usate, in modo molto parziale, anche alle Olimpiadi e Paralimpiadi invernali di Vancouver nel 2000, nonché alle Olimpiadi di Rio, nel 2016, dove rappresentavano il 30% del totale delle medaglie delle competizioni.

Fondamentale il cambio di paradigma nel considerare i rifiuti come risorse, e ben venga ogni singola iniziativa in questa direzione: verso il no-waste, la produzione minima di rifiuti, serve una netta accelerata, uno scatto. Olimpico.

(Immagine in evidenza tratta da Sport365.fr)

STORIE VIRTUOSE DI RICICLO E RIUSO: