Questo sito contribuisce all'audience di

“Let’s do it!”, i volontari ripuliscono i rifiuti del Vesuvio

Sabato 8 e domenica 9 giugno associazioni, cittadini e istituzioni saranno unite nel progetto della mappatura dei rifiuti del Parco nazionale del Vesuvio

Condivisioni

Riciclare e ridurre la produzione di rifiuti. E’ questo l’obiettivo di Let’s do it! Italy, l’iniziativa che sabato 8 e domenica 9 giugno vedrà associazioni, cittadini e istituzioni campane unite in un progetto che prevede la mappatura dei rifiuti presenti nell’area del Parco nazionale del Vesuvio. La rete creata dai volontari ha lavorato in maniera assidua negli ultimi otto mesi.

LEGGI ANCHE: La vergogna dei rifiuti del Parco Nazionale del Vesuvio

Diventato uno dei simboli del disastro italiano in materia di gestione dei rifiuti, negli ultimi anni il Vesuvio ha fatto da sfondo a decine di reportage e foto sull’emergenza rifiuti a Napoli, che hanno fatto il giro del mondo. Obiettivo dell’iniziativa è riappropriarsi di un territorio che da oltre 40 anni è ostaggio di sversamenti illeciti e di abusi ambientali. “Vogliamo – dicono gli organizzatori – che, da simbolo di degrado, il Vesuvio diventi un emblema delle opportunità offerte da una sana relazione con l’ambiente che ci circonda. Nel territorio del Parco nazionale del Vesuvio sono stati sversati rifiuti di ogni tipo: rifiuti urbani e industriali, scarti edili e sostanze altamente tossiche e cancerogene. Urge una bonifica: partecipando alla campagna Let’s do it! World 2013, vogliamo agire in prima persona, senza più delegare, e vogliamo proporre un’azione in sinergica tra i cittadini, le istituzioni, i professionisti del settore e chiunque altro senta di poter offrire il proprio contributo a questa opera”.

LEGGI TUTTI I CONSIGLI per fare correttamente la raccolta differenziata

Grazie a un’applicazione realizzata per Let’s do it! World e disponibile su IPhone e Android, si intende geolocalizzare i rifiuti e realizzare una loro mappatura. In questo modo si renderà più efficace quella che si prospetta come una grande azione di pulizia, in un solo giorno, dei luoghi individuati. Saranno organizzati momenti collettivi di formazione e informazione sulla portata della questione rifiuti nel Parco, oltre a eventi e manifestazioni sul territorio rivolti a sensibilizzare i cittadini e convogliare le loro forze verso il progetto.