Questo sito contribuisce all'audience di

Gli orsi non riescono più a dormire per il caldo. E i rifiuti della spazzatura diventano il loro cibo

Eppure il letargo è fondamentale per gli orsi. In questo periodo perdono peso e rafforzano i muscoli. Sospese le analisi durante i mesi invernali in Nevada: gli orsi sono già in circolazione. In Friuli Venezia Giulia letargo di appena 28 giorni

di Posted on
Condivisioni

LETARGO DEGLI ORSI

L’insonnia tocca anche a loro. Gli orsi hanno perso il sonno, il ciclo del letargo si è molto accorciato, e il periodo di veglia è aumentato. Mettendo a rischio la specie, in quanto grazie al letargo gli orsi perdono peso (quello accumulato nei mesi estivi), si mantengono in forma, e non diminuisce la forza dei loro muscoli.

LEGGI ANCHE:Il ritorno degli avvoltoi in Italia: aumentano le aree protette e le iniziative di ripopolamento

LETARGO BREVE ORSI

Il fenomeno purtroppo è globale, dall’America all’Italia. Negli Stati Uniti, in Nevada, il Department of Wildlife ha dovuto rinunciare all’annuale analisi sulle condizioni degli orsi: non erano più in letargo. In Friuli Venezia Giulia è stato calcolato che il tempo di riposo si è accorciato a 28 giorni, mentre sulle montagne dell’Abruzzo gli orsi bruni marsicani sono comparsi in circolazione già nel mese di marzo.

CAUSE SCOMPARSA LETARGO DEGLI ORSI

Ma per quale motivo il letargo degli orsi sta scomparendo? La prima causa è sicuramente il surriscaldamento climatico. Le temperature troppo alte, anche nei mesi invernali, inducono gli orsi a uscire dalle loro tane per mettersi in circolazione. Ovunque, e qui scatta la seconda causa del sonno che scompare: il cibo. Girando fuori stagione, gli orsi vanno a caccia di cibo ovunque: tra i bidoni dell’immondizia, pescando rifiuti, e nei boschi, dove trovano il mais di cui sono molto ghiotti.

PER APPROFONDIRE:Rifugiati climatici: 15 milioni di persone in fuga da disastri naturali

CAMBIAMENTI NELLA DIETA DEGLI ORSI

Ma non è solo colpa del riscaldamento climatico, gli orsi hanno anche cambiato dieta. Come ha spiegato al quotidiano La Repubblica Stefano Filacorda, professore di Biologia ed Ecologia della fauna all’Università di Udine, gli orsi «si affidano sempre più a fonti alimentari di origine umana e diventano via via meno selvatici. In Slovenia, il paradiso degli orsi, la distribuzione è volontaria, perché si cerca di espandere la popolazione e di concentrarla in determinate zone. Da noi invece il mais viene usato dai cacciatori di cinghiali per attirare le prede».

Secondo una ricerca uscita nel 2017 sulla rivista scientifica statunitense Pnas, gli orsi non mangerebbero più il salmone a causa del caldo, che ha talmente allungato il periodo di disponibilità delle bacche di sambuco da farlo coincidere con il passaggio dei salmoni. Non sapendo cosa scegliere, gli orsi se ne restano comodamente nei boschi facendo il pieno di vitamine, ma trascurando i grassi così importanti per affrontare il letargo e allattare i cuccioli. La conclusione è che per gli orsi la vita si complica: dormono meno, e mangiano peggio.

ANIMALI A RISCHIO NEL MONDO:

  1. Il capodoglio che scoppia per 30 chili di plastica ingoiata nello stomaco (foto)
  2. Il ritorno delle rondini in primavera, un fenomeno in ripresa ma sempre sotto attacco
  3. La focena, il più piccolo delfino del mondo, sta scomparendo. Colpa della pesca illegale (foto)
  4. Animali che rischiano l’estinzione, più della metà delle specie sono in pericolo (foto)
  5. Salvare le balene dall’estinzione, grazie ai droni: il progetto di Ocean Alliance (Foto e Video)