Questo sito contribuisce all'audience di

Kirsten Dubs, la donna che ha realizzato il sogno di far rinascere le navi (foto)

Ha visitato i quattro angoli del mondo ma poi ha deciso di far ritorno nella sua terra d’origine: la Germania. Oggi è proprietaria di una ditta di 13 dipendenti che costruisce nuove barche e restaura quelle vecchie. Al suo interno, però, organizza anche workshop per chi vuole staccare completamente dalla quotidianità

Condivisioni

KIRSTEN DUBS DONNA ARTIGIANA

Ha viaggiato in moto in tutta l’Europa e ha navigato nel mar dei Caraibi ma a metà degli anni novanta, Kirsten Dubs, il suo porto lo ha trovato a pochi chilometri da casa: a Freest, nel Land del Meclemburgo – Pomerania Anteriore, in Germania. E in un piccolo cantiere affacciato sull’estuario del fiume, con accesso alle acque del Mar Baltico, ha dato vita a un sogno. Fin da piccola voleva costruire nuove barche e restaurare quelle vecchie. Così ha frequentato per anni corsi sulla costruzione di imbarcazioni e ha fatto la gavetta per riuscire in un piccolo miracolo. La sua azienda si chiama Unsere Bootswerft che significa “Il nostro cantiere navale” ed è decisamente in salute anche grazie a una serie di attività collaterali che organizza immersa tra l’odore di catrame, vernici, legno fresco e corde.

LEGGI ANCHE: Cristina Milani, la donna che insegna la gentilezza a scuola, nelle aziende e in famiglie

LA DONNA CHE COSTRUISCE NAVI

La società è nata nel 2007 e oggi “riesce a mantenersi a galla in modo piuttosto creativo”. Oltre a costruire e restaurare barche a prezzi competitivi – nel Meclemburgo-Pomerania Anteriore un’ora di lavoro in un cantiere costa 40 euro, mentre in altre zone della Germania si arriva anche a 65 euro – il cantiere organizza anche workshop per appassionati. “Nel cantiere di Dubs – ha spiegato Kirsten in una recente intervista – ci sono velisti che pagano 750 euro per un corso settimanale sulla costruzione di un albero, e medici o manager che spengono il cellulare per un paio di giorni per imparare a levigare il legno”. Insomma un modo per imparare qualcosa di utile staccando dalla frenetica routine di tutti i giorni.

Le foto sono tratte dal sito della Unsere Bootswerft

STORIE DI DONNE CHE REALIZZANO I LORO SOGNI NONOSTANTE I PREGIUDIZI

Natasha, la giovane donna congolese, salvata dalle suore e da una macchina da cucire