Internet ed ecologia | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Internet ed ecologia

di Posted on
Condivisioni

Il nuovo paradigma del web 2.0 offre sempre più la possibilità di creare dei gruppi d’interesse anche a distanza e di farsi portavoce di comportamenti etici e rispettosi nei confronti dell’ambiente

Libero scambio, baratto, micro finanziamento sono solo alcune delle forme che può assumere l’ecologia sul web.  Si tratta a tutti gli effetti di strumenti che permettono concretamente di cambiare il modo di pensare e consumare.

Giftflow – Il principio che regola sta alla base del sito è il baratto. Ogni partecipante ha la possibilità di ricevere un regalo semplicemente offrendo qualcos’altro in cambio di cui farebbe tranquillamente a meno.

Freecycle – Si tratta di un network composto da più di 4.000 gruppi e oltre 7 milioni di soci sparsi intutto il mondo. Il principio che regola questo movimento è etico e ambientale: qualsiasi cosa ancora in buono stato può essere regalata anziché buttata.

Flattr – Le organizzazioni che fanno parte del network hanno la possibilità di ricevere una donazione mensile in base al numero di click ricevuti.

Jumo – Creatura non profit di Facebook è, a tutti gli effetti, un social network che aggrega le persone in base agli interessi sociali, cercando di sensibilizzare gli utenti verso opereumanitarie e principi etici.

Zoes – Una community in cui gli utenti hanno la possibilità di condividere esperienze e competenze per una vita “equo-sostenibile”, scambiare informazioni, promuovere stili di vita rispettosi dell’ambiente, ma anche entrare in contatto con produttori eticamente orientati.

You Impact – Si tratta di una community che si pone l’obiettivo di diffondere la cultura della sostenibilità per condurre una vita nel rispetto dell’ambiente e ridurre sensibilmente le emissioni di CO2. Per ogni contributo inviato il network s’impegna a tutelare metri quadrati di foresta in crescita.

I modi e le occasioni per fare massa critica e adottare un comportamento più responsabile ed etico non mancano.

Quello che serve è guardarsi intorno e utilizzare i mezzi a disposizione per fare la differenza e contribuire ognuno con le proprie forze a salvaguardare l’ambiente.