Questo sito contribuisce all'audience di

I libri sono tutto. I libri sono la vita (Inge Feltrinelli)

Tre motivi per essere tutti riconoscenti a Inge Feltrinelli, e alla sua vulcanica attività. Ha creato un impero editoriale che ha segnato la cultura in Italia. Non si è mai scoraggiata per il buco nero dei non lettori. E se abbiamo delle belle librerie lo dobbiamo a lei.

di Posted on
Condivisioni

INGE FELTRINELLI

Ridurre la straordinaria avventura umana e culturale di Inge Schoenthal Feltrinelli a un santino da libro Cuore, sarebbe il modo peggiore per ricordarla. Stiamo parlando di una donna che, con il marito Giangiacomo e il figlio Carlo, ha segnato l’editoria e la cultura italiana. Con il suo passo: vulcanico, eccentrico, mirato a un mix di passione e affari. Profumi di letteratura, di politica e di soldi.

LEGGI ANCHE: Filippo Nicosia, lo scrittore che ha inventato Pianissimo. Il furgone per diffondere libri in strada

COSA CI LASCIA IN EREDITÀ INGE FELTRINELLI

Come italiani abbiamo almeno tre motivi per dire Grazie a Inge Feltrinelli. Il primo è legato al possente catalogo della casa editrice, qualcosa che, con il blocco dell’altro colosso made in Italy, Einaudi, ha formato intere generazioni di lettori, di uomini e di donne. Non tutti capolavori, ma sicuramente tutti meritevoli di lettura, di attenzione e di cura: la cultura italiana si è sprovincializzata, è entrata nei grandi circuiti internazionali, anche grazie a Inge Feltrinelli.

In secondo luogo, questa donna combattente non si è mai scoraggiata di fronte all’esercito dei non lettori italiani. Di fronte ai numeri di un popolo, dove la metà dei cittadini non ha mai letto un libro, e dove si contano più autori che lettori. Lei ha combattuto a viso aperto, anche con grazie ed eleganza femminile, contro l’ignoranza di massa degli italiani, a partire dalla nostra classe dirigente che non perde una rissa in tv ma non sfoglia neanche un libro. E talvolta se ne vanta.

Infine, è grazie a lei se oggi abbiamo una grande catena, l’unica in Italia, di librerie che ancora reggono alla potente concorrenza di Amazon e al fuoco distruttivo dei non lettori. Le Feltrinelli sono luoghi da proteggere, da coltivare: presidi di civiltà, prima che di amore per il libro. Se non ci fossero, l’Italia sarebbe un paese più povero, in tutti i sensi.

PER APPROFONDIRE: Biblioteche, si possono salvare trasformandole in luoghi di intrattenimento. Con caffè e ristoranti

CHI ERA INGE FELTRINELLI

Poi, certo, ci sono gli errori di donna Inge. La complicità con le idee filo-terroriste del marito comunista, scomparso nel 1972 mentre piazzava un ordigno su un traliccio dell’Enel. Una patina ideologica sull’intero catalogo e sull’attività editoriale della Feltrinelli. Ma sono peccati veniali, rispetto a una passione che non si è mai fermata, rischiando in proprio con scommesse impossibili, tra le quali bisogna ricordare l’ultimo capolavoro della dotta: la gigantesca sede della Fondazione Feltrinelli a Milano. Senza Inge, l’Italia fa un passo indietro, e non solo nel circuito dei libri. Speriamo che qualcuno, o qualcuna, prenda presto il suo posto. 

(L’immagine è tratta dalla pagina Facebook “la Feltrinelli”)

BUONI MOTIVI PER LEGGERE LIBRI: