Infissi per risparmiare corrente e gas | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Infissi per risparmiare corrente e gas

Se di buona qualità e montati bene, riducono le dispersioni termiche fino al 40 per cento.

Gli infissi possono essere determinanti per risparmiare gas e corrente elettrica. Se sono molto vecchi, obsoleti o non funzionano bene, la dispersione termica diventa insostenibile e gli impianti di riscaldamento continueranno a consumare gas, senza poter però garantire il corretto comfort abitativo.

INFISSI PER ISOLAMENTO TERMICO

Rendere le stanze efficienti è un processo che parte dai dettagli. Ogni elemento in un ambiente ha la potenzialità di ridurre gli sprechi attraverso un consumo energetico efficiente e il miglioramento dell’isolamento termico. Quest’ultimo, infatti, è di vitale importanza affinché la temperatura interna non sia condizionata o compromessa dagli agenti esterni.

Ma in che modo è possibile ovviare al problema?

In primis bisogna considerare che le dinamiche che maggiormente incidono sul riscaldamento della casa dipendono in buona parte dagli infissi. Gli sbalzi termici e la dispersione del calore verso l’esterno contribuiscono al lievitare dei costi delle utenze, oltre che alla formazione di fenomeni spiacevoli come la muffa e la presenza di umidità.

Cercare una soluzione ormai è possibile e grandi marchi come Oknoplast propongono delle alternative di qualità a prezzi ragionevoli. D’altro canto, con le agevolazioni fiscali previste in caso di miglioramento della classe energetica e con l’isolamento adeguato, si potrà davvero dare una svolta al caro bolletta. Come emerge dalle ultime stime, infatti, in linea di massima gli infissi possono contribuire per circa il 40% nella riduzione delle dispersioni termiche.

infissi per risparmiare

LEGGI ANCHE: Spifferi dalle finestre: come si eliminano

INFISSI A RISPARMIO ENERGETICO

Un infisso a risparmio energetico è un prodotto ideato con lo scopo di isolare l’abitazione, permettendo così di trattenere la temperatura interna in maniera costante. In mancanza di un isolamento termico adeguato, ad oggi il minimo indispensabile è stabilito per legge, si rischia di andare incontro a un consumo eccessivo di gas ed elettricità, gonfiando così il costo delle bollette e impattando in maniera negativa sull’ambiente.

Gli elementi che caratterizzano la buona efficienza degli infissi sono prevalentemente i profili e la vetrocamera. Nel primo caso, in linea di massima, maggiore è lo spessore e migliore sarà la sua capacità isolante ma è importante sottolineare che non è sempre così perché oggi esistono profili in PVC anche molto in grado di garantire una capacità garantiscono una capacità isolante molto elevata.

Per quanto riguarda invece i vetri, sono anch’essi componenti di vitale importanza, specie se si considera la funzione cardine di isolare dalle temperature esterne. La vetrocamera è da scegliere calcolando il suo coefficiente di trasmittanza.

E non è un caso che maggiori sono le vetrocamere -e quindi i vetri al suo interno -, migliori saranno le prestazioni del vetro in termini di efficienza energetica e isolamento. Oggigiorno è possibile acquistare prodotti composti da 2 fino a 4 vetri, per infissi con il miglior isolamento termico.

QUANTO COSTANO INFISSI A RISPARMIO ENERGETICO

Adesso è giunto il momento di tirare le somme e capire quali sono i costi di un’eventuale sostituzione. I prezzi da listino variano a seconda del materiale e della sua qualità. Si parte dai circa 140 euro al metro quadro per gli infissi in PVC, dai 199 euro al metro quadro minimo per un infisso in legno. Mentre gli infissi in alluminio o combinato con il legno hanno un costo che può partire dai 250 euro al metro quadro. Tuttavia è da valutare anche la possibilità di rientrare nel bonus ristrutturazione o eco-bonus per sgravi fiscali fino al 50%.

LEGGI ANCHE: Casa calda in inverno e senza sprechi

IMPORTANZA INFISSI PER RIDURRE BOLLETTE

Abbattere i costi delle utenze è un processo che prevede il miglioramento dei componenti di un edificio affinché ne ottimizzi l’efficienza energetica. Gli infissi a risparmio energetico sono responsabili fino al 40% sul contenimento della dispersione termica interna.

Una riduzione del genere si traduce in un utilizzo inferiore della caldaia o dell’impianto di riscaldamento e, a sua volta, in un minor consumo di energia elettrica e gas metano.

COME SI OTTIENE UNO SCONTO SUGLI INFISSI

Gli sconti disponibili al momento sono convenienti e consentono di ottenere fino al 50% di detrazioni su tutte le spese sostenute per la sostituzione e il montaggio dei nuovi infissi. Gli incentivi fiscali in questione sono previsti dall’eco-bonus e dal bonus ristrutturazione.

In particolare, i bonus previsti dal governo permettono di ottenere detrazioni fiscali pari al 50% del totale del costo, fino ad un massimo di 60 mila euro per immobile e per il miglioramento della classe energetica relativa ai serramenti.

Inoltre è possibile anche usufruire della cessione del credito a un rivenditore specializzato. In questo modo si potrà beneficiare all’istante dell’agevolazione, pagando solo la metà dell’importo dovuto; al posto di pagare l’intera cifra per poi portare in detrazione il 50% di essa in 10 rate annuali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Share

<